a posto / apposto

Discussion in 'Solo Italiano' started by nic4, Jun 18, 2009.

  1. nic4 Senior Member

    Padova, Italy
    Italian
    Ciao,

    ultimamente vedo che molti colleghi usano scrivere "apposto"..
    Io ho sempre usato "a posto".

    Sono corrette entrambe le forme o no?

    grazie!
     
  2. Elianor

    Elianor Senior Member

    Madrid, España
    Italia - italiano
    No.
    Cioè sono corrette entrambe le forme ma sono due cose completamente diverse.

    Apposto è il participio passato del verbo apporre.
    - ho apposto la mia firma nella petizione

    A posto è una polirematica del sostantivo "posto" e si scrive staccato e senza raddoppiamento della "p".
    - abbiamo messo a posto la stanza
     
  3. nic4 Senior Member

    Padova, Italy
    Italian
    Grazie per la delucidazione!
     
  4. tezoo76 New Member

    Sydney NSW
    Italian
    E "mettiti a posto", "mettersi a posto" va scritto così, non "apposto"...
     
  5. giginho

    giginho Senior Member

    Svizzera / Torino
    Italiano & Piemontese
    Buongiorno a Tutti!

    Anche io vedo l'uso di "apposto" come unione di "a posto", specie per rispondere alla domanda: "come va?" ti dicono "tutto apposto". Secondo me fa molto tamarro....tipo quella canzone che faceva: "tutt'apposto a ferragosto". Lo sconsiglio!
     
  6. tezoo76 New Member

    Sydney NSW
    Italian
    Giginho,
    scusa, ma ci tengo a sottolineare che non è solo "tamarro", o quant'altro. Si tratta di un errore di grammatica, in quanto, come scritto da Elianor qualche post sopra, "apposto" è solo il participio passato di "apporre", e "a posto" è tutt'altro.

    Saluti
     
  7. giginho

    giginho Senior Member

    Svizzera / Torino
    Italiano & Piemontese
    Tezoo, ti do due risposte:

    La prima, di getto: Certo che è un errore grammaticale, hai ragionissima!

    La seconda, ponderata:

    non credi/credete che, essendo una nuova parola con un significato tutto suo, per quanto nata da un errore grammaticale (spero voluto) e di pessimo gusto estetico, possa avere la dignità di essere svincolata dall'errore di partenza e assumere dignità come parola a sé stante?
     
  8. infinite sadness

    infinite sadness Senior Member

    sicilia
    bilingue siciliano-italiano
    Secondo me è solo un neologismo. All'inizio sembra una parola strana ma poi col tempo ci si abitua.
     
  9. VogaVenessian

    VogaVenessian Senior Member

    Venezia
    Italiano
    Giginho, perché sarebbe una "nuova parola"? Penso che si usi da sempre in italiano dire tutto a posto nel senso di tutto ok/ tutto bene. Casomai si può evidenziare la singolarità dell'espressione segnalando la deviazione dall'ortodossia grammaticale con un "tuTTaPPosto". Così come potrei mettere in rilievo il personaggio mettendogli in bocca "tuTToBBene", "tuTToKKÉI". Va da se che "nuove parole" di questo tipo le puoi utilizzare esclusivamente nella prosa d'arte, nelle tue mail confidenziali, nel tuo diario; assolutamente mai in un testo formale.
    Insomma, hai capito, il brevetto di "parola nuova" è troppo facile guadagnarlo così.
     
  10. infinite sadness

    infinite sadness Senior Member

    sicilia
    bilingue siciliano-italiano
    E' un po' come quando sono nate le parole addosso, accanto, affianco, tuttora, peraltro, perlopiù, perlomeno, ecc..
     
  11. giginho

    giginho Senior Member

    Svizzera / Torino
    Italiano & Piemontese
    ALT! mai parlato di brevetto...manca il requisito dell'attività inventiva! Al massimo è un modello di utilità....però, forse solo dalle mie parti, apposto si usa anche per dire: "ma se è solo quello il problema allora siamo a posto" in un contesto in cui si espone un problema e l'interlocutore capisce che è un falso problema e dice: "aaaahhhh apposto allora!".

    Non solo, apposto sta in piedi da solo anche senza il tutto davanti, nella risposta alla domanda "com'è?", si può rispondere: "apposto".

    Come vedi è una parola nuova nel senso che non è creata dal calco del participio passato di apporre ma è nata, al limite, dall'unione di più parole e ha assunto un significato addirittura più ampio rispetto a quello delle parole componenti l'obrobrio in oggetto...... proprio come dice il buon Sadman qui sotto!


    Detto questo straquoto VV sul fatto che sia estramente colloquiale e da evitare in tutti i casi che non siano chiaramente e marchianamente colloquiali!
     
  12. pizzi

    pizzi Senior Member

    Aosta
    Italian, Italy
    Ciao :)!

    E se si facesse un giro sul thread Raddoppiamento fonosintattico?

    Ho l'impressione che a sentire a pposto si pensi sia corretto scriverlo apposto, nel senso di a posto, ovviamente ;).
     
    Last edited: Feb 29, 2012
  13. giginho

    giginho Senior Member

    Svizzera / Torino
    Italiano & Piemontese
    Quest'ultima tua frase è criptica in maniera invereconda..... eheheheheh ;)
     
  14. pizzi

    pizzi Senior Member

    Aosta
    Italian, Italy
  15. giginho

    giginho Senior Member

    Svizzera / Torino
    Italiano & Piemontese
    Necsus doppia divi? Egli stesso risulta ascritto come divo nel divin libro.....ohibò! Speme mi guida in codesta tenzone che il Dannunzian bacchettatore sia sull'arenil disteso e chioso:

    Non semplice raddoppiar di principianti p produsse la presente parola, ma intelletto fino ragionò sul di lei significato!

    Giginho, il gran ciabbellano dell'allitterazione
     
    Last edited: Feb 29, 2012
  16. Alessandro_Persia Senior Member

    Concordo con i fautori del "neologismismo" :D e con il commento di Infinite su "perlopiù", "tuttora", "addosso" e... quant'altro. Sarà anche sbagliato alla base, ma prima o poi - e forse già adesso - si finirà per considerare "apposto" un accettabile avverbio di modo, che alternativamente e forse più elegantemente si potrà scrivere anche in due parole "a posto".
     
  17. Maioneselover Junior Member

    Italiano - Italia
    Forse sono un po' fuori dalla discussione, ma a questo punto, volevo chiedere se si scrivesse "a posta" o "apposta", o se sia un termine colloquiale da evitare. Grazie :)
     
  18. pizzi

    pizzi Senior Member

    Aosta
    Italian, Italy
  19. violadaprile

    violadaprile Senior Member

    italian
    Apposta, fatto espressamente - a posta, mettere il cavallo alla sua posta (antiquato, i cavalli normanni alle lor poste - frangean la biada con rumor di croste).

    Però, affianco, voce del verbo affiancare, tale e quale come apposto.
    A me sembrano solo inflessioni dialettali (in particolare dei dialetti meridionali), che, certo, prima o poi diventeranno lingua corrente, però chi può saperlo ...
    ;)
     
  20. infinite sadness

    infinite sadness Senior Member

    sicilia
    bilingue siciliano-italiano
    Credo che il meridionalismo non c'entri nulla. Queste univerbazioni derivano infatti dal raddoppiamento fonosintattico tipico del toscano, cosa che ha fatto diffondere la forma univerbata facendo andare in disuso la forma separata, infatti ormai nessuno scrive più "a dosso" o "a canto".

    Però ancora "apposto" non è diventata una forma corretta, quindi al momento si considera errata.

    Però, in compenso, la forma "appostissimo" è da tutti considerata corretta.
     
  21. VogaVenessian

    VogaVenessian Senior Member

    Venezia
    Italiano
    Da tutti?!?
     

Share This Page