1. The WordReference Forums have moved to new forum software. (Details)

avere vissuto vs. essere vissuto

Discussion in 'Solo Italiano' started by stevenvh, Dec 26, 2007.

  1. stevenvh Senior Member

    le Fiandre, Belgio
    Belgium, Dutch
    Mi aspetterei che vivere si coniugherebbe col verbo ausiliario avere; vivere non è un verbo di movimento né cambiamento, vero? Ma ora leggo qui che può anche essere essere :))).
    Potete spiegarmi quando si usa avere e quando essere?
    Grazie in anticipo.
    Steven
     
  2. brian

    brian Senior Member

    Montréal
    AmE (New Orleans)
    Direi che quando si tratta di abitazione si usa l'ausiliare avere:

    Ho vissuto in Italia per un anno.

    Quando si tratta di sopravvivere (cioè, di non morire), si usa l'ausiliare essere:

    E' un miracolo che è/sia (soprav)vissuto!

    Ma aspetta i madrelingua!
     
  3. antmor81 Junior Member

    italy italian
    Mah...io direi lo stesso...in genere si usa solo l'ausiliare avere, l'ausiliare essere si usa nel senso di (sopra)vvivere. In più posso dire che l'ausiliare avere marca qualcosa del passato, mentre l'ausiliare essere si usa ad esempio nelle frasi tipo "E' un miracolo che SIA vissuto senza conoscere l'amore!"
     
  4. stevenvh Senior Member

    le Fiandre, Belgio
    Belgium, Dutch
    Dunque, avere per vivere nel senso di abitare, ed essere nel senso (più o meno) di sopravvivere. D'accordo.

    @antmor81:
    non abbiamo ancora imparato il congiuntivo in classe, ma perché non posso anche dire "... che abbia vissuto qui accanto..."?
     
  5. Stiannu

    Stiannu Senior Member

    Torino (Turin), Italy
    Italy, Italian
    Sono d'accordo su avere vissuto nel senso di abitare, direi sempre.
    Ovviamente, avere vissuto anche quando vivere è usato come verbo transitivo - cioè, con un complemento oggetto: ha vissuto una vita difficile, abbiamo vissuto un'esperienza incredibile, ecc.

    Ci sono però casi in cui sono possibili entrambi gli ausiliari... a me suona bene sia: è stato fortunato, è vissuto a lungo; che: è stato fortunato, ha vissuto a lungo (con una preferenza per quest'ultimo).
     
  6. nevevento Senior Member

    chinese
    Fino a quando mia zia è vissuta/ ha vissuto, a casa mia si mangiava il pesce per la Quaresima.

    la prima "e' vissuta" e' sicuramente giusta, non so se anche la seconda e' giusta o no?
     
  7. effeundici Senior Member

    Italy
    Italian - Tuscany
    A mio avviso la forma transitiva va usata soltanto quando si utilizza un complemento oggetto

    E' morto ma ha vissuto la sua vita pienamente
    Ho vissuto momenti belli e brutti

    Nel tuo caso io non la userei.
     
  8. MünchnerFax

    MünchnerFax Senior Member

    Germany
    Italian, Italy
    Io non userei proprio vivere. Bensì direi:
    [Fino a] quando c'era ancora mia zia, ...
    Quando mia zia era ancora in vita, ...
     
  9. brian

    brian Senior Member

    Montréal
    AmE (New Orleans)
    E Fino a quando viveva mia zia sarebbe sbagliato?
     
  10. MünchnerFax

    MünchnerFax Senior Member

    Germany
    Italian, Italy
    No no, grammaticalmente è corretto come i tentativi di nevevento. Però non è idiomatico.
    Si può anche usare l'aggettivo vivo, ma a me personalmente suona un po' brusco (e starei attento a usarlo se stessi parlando a un altro di un suo parente morto):
    Fino a quando mia zia era [ancora] viva.

    Continuano a piacermi di più le due forme che ho scritto nel mio post precedente.
     
  11. Paulfromitaly

    Paulfromitaly MODerator

    Brescia (Italy)
    Italian
    Non credo tu possa usare "fino a quando" e l'imperfetto in questo esempio.
     
  12. brian

    brian Senior Member

    Montréal
    AmE (New Orleans)
    Infatti.. pensavo che fosse un po' strana come costruzione, ma dopo aver letto la frase di MF ("Fino a quando c'era ancora mia zia..."), non ne ero più sicuro... :D

    Infatti la forma senza "fino a" suona decisamente meglio.
     
  13. infinite sadness

    infinite sadness Senior Member

    sicilia
    bilingue siciliano-italiano
    Ciao, sono giuste tutte e due, però in questo caso io userei "fino a quando mia zia fu/è stata in vita".
     
  14. damminson Junior Member

    Italian
    Non sarei così fiscale:

    È vissuto in america
    Ha vissuto in america

    È vissuto senza conoscere l'amore
    Ha vissuto senza conoscere l'amore

    Fino a quando mia zia è vissuta :tick:, a casa mia si mangiava pesce...
    Fino a quando mia zia ha vissuto :)confused:), a casa mia si mangiava pesce...

    In questo caso mi trovo molto in difficoltà: direi che la seconda suona molto male...
    L'ausiliare essere sembrerebbe rafforzare l'idea del vivere inteso come vita/essere in vita, mentre avere suona come "avere vita" (!?!)

    Finché mia zia era viva... :tick:
    Finché mia zia aveva vita :warn:
    Corrette entrambe ma la seconda sembra indicare che la zia fosse buttata inerme in terra e noi si stava li, aspettando che morisse...
     
  15. Ganemm New Member

    Italy
    Italian - Italy
    Il problema sollevato da stevenvh riguarda la scelta dell'ausiliare ESSERE o AVERE con il verbo VIVERE al passato prossimo, quindi eviterei di introdurre altri verbi, come SOPRAVVIVERE, che hanno altri significati ed usi.

    Il verbo VIVERE può essere sia transitivo che intransitivo perciò io direi che entrambe le forme sono corrette.
    Però penso che sia più corretto usare l'aus. AVERE quando VIVERE è usato come transitivo e l'aus. ESSERE quando è usato come intransitivo.
    - Ho vissuto una bella esperienza.
    - Sono vissuto in Italia.


    Aggiungerei anche che siccome il participio passato VISSUTO può apparire anche in frasi del tipo:
    - Questo maglione è vissuto. (nel senso che è ormai rovinato)
    per evitare confusione, quindi, io prediligerei l'ausiliare AVERE.

    E' la mia umile opinione.
    ciaooooooo:cool:
     
  16. Lovelybeauty

    Lovelybeauty Senior Member

    Vietnam
    Vietnamese
    Scusi, ma non ne ho la certezza se sia vero usare l'ausiliare "avere" in questa frase: "ho vissuto qui tutta una vita", perchè "tutta una vita" è un oggetto e il verbo "vivere" è transitivo qui? Può dammi qualche spiegazione per favore?

    Tante grazie.
     
  17. Connie Eyeland

    Connie Eyeland Senior Member

    Brescia (Italia)
    Italiano
    Ciao, LB.

    "Ho vissuto :tick: qui tutta una vita" è il verbo giusto.
    Però si dice "Ho vissuto qui tutta LA (MIA) vita" oppure "Ho vissuto qui (PER) UNA vita".
     
  18. horace.mik

    horace.mik Senior Member

    Italy
    Russian and Italian - bilingual
    Buongiorno!
    Vorrei chiedere quale dei due predicati "avendo vissuto" e "essendo vissuto" è corretto nella seguente frase:
    Parlo correttamente anche l'italiano, avendo vissuto/essendo vissuto per molti anni in Italia.
    Il dizionario dice che l'ausiliare di "vivere" è "avere" quando il verbo è transitivo ed "essere" quando il verbo è intransitivo, ma in alcune accezioni "avere".
    Grazie
     
  19. Sempervirens Senior Member

    italiano
    Ciao, horace, aspettando nuovi sviluppi da altri amici e collaboratori, posso anticiparti che con l'ausiliare avere - nel caso da te proposto- penso che si tratti di complemento oggetto interno. Un po' come il verbo finito '' ho viaggiato'' è il condensato di '' ho preparato le provviste per il lungo cammino lungo la via''.
    Per quello che riguarda l'uso, mah, a me verrebbe di usare la forma con l'ausiliare essere per evidenziare un periodo concluso. Con l'ausiliare avere metterei in evidenza non solo il fatto di vivere nel senso temporale,scandito dal tempo, ma anche quello materiale:abitare, lavorare...


    S.V
     
    Last edited: Dec 17, 2013
  20. dragonseven

    dragonseven Senior Member

    near Milan
    italiano
    Ciao Horace!
    Secondo me si può pronunciare in entrambe le forme; però io sarei più propenso, nel contesto da te citato, a utilizzare la forma col l'ausiliare essere senza ombra di dubbio, la quale dà un senso più vicino all'oggetto della frase (stando in Italia).
    avendo vissuto = ho avuto a vivere
    essendo vissuto = sono stato a vivere

    Ai grammatici più competenti l'ardua sentenza.:D
     
  21. rawbee

    rawbee Senior Member

    Milano
    Italian
    Per quanto mi risulta, dopo una ricerca compiuta su diversi siti di grammatica, con il verbo avere sono ammessi entrambi gli ausiliari, senza alcuna variazione di significato.
     
  22. infinite sadness

    infinite sadness Senior Member

    sicilia
    bilingue siciliano-italiano
    Con il verbo avere non credo.
     
  23. mipordos Senior Member

    italiano - italia
    Secondo me avendo vissuto senza complemento oggetto non solo suona male,ma è addirittura errato.
    Un saluto:)
     
  24. Matrap

    Matrap Est Mod In Rebus

    Abruzzo, Italy
    Italiano
    Fonte
     
  25. rawbee

    rawbee Senior Member

    Milano
    Italian
    Sì, scusate l'errore di distrazione.

    Naturalmente intendevo "con il verbo vivere".
     
  26. Remus65 New Member

    Craiova
    romeno
    Sono d'accordo con te. Io ho sempre utilizzato l'aussiliare essere per esprimere il semplice fatto di vivere, cioè per vivere come verbo intransitivo. In tutti i libri che ho letto l'aussiliare di vivere rispettava questa regola. L'aussiliario avere va utilizzato solo se vivere è un verbo transitivo (cioè che cosa vivere? risposta: la sua vita; ha vissuto la sua vita pienamente; invece: è vissuto sempre a Costantinopoli).
     
  27. Lituano Senior Member

    l'arabo
    Salve! Chiedo scusa per il mio intervento: "Una persona che HA molto vissuto"; "Il nonno È vissuto (per) ottant'anni senza mai ammalarsi" (Il Sabatini Coletti, 2008, p. 3041). Saluti!
     
  28. Sempervirens Senior Member

    italiano
    Ciao! La prevalenza d'uso di una forma rispetto all'altra - tra avere vissuto e essere vissuto- dipende in una certa misura anche dal contesto.

    1) Un'esperienza come quella di un viaggio di nozze deve esser vissuta in due. Come minimo.:)

    2) A Tizio gli sono diventati bianchi i capelli dopo aver vissuto un'esperienza terrificante in viaggio di nozze.
    Nell'armadio c'ha trovato il ganzo(di lei),:)

    Non so se dico bene o ho ragione.:)

    S.V
     
    Last edited: Feb 9, 2014
  29. Odysseus54

    Odysseus54 Mod huc mod illuc

    In the hills of Marche
    Italian - Marche

    "Essere vissuta", nel tuo esempio, e' una forma passiva, no?


    Credo che la discussione qui riguardi l'uso dell'ausiliare 'essere' o 'avere' nella formazione dei tempi passati.


    L'esempio (2) riguarda l'uso di 'vivere' come transitivo, e in quel caso l'uso dell'ausiliare 'avere' e' obbligatorio.


    Quando invece 'vivere' e' usato in senso intransitivo, concordo con quelli che hanno detto che vanno bene tutti e due gli ausiliari.
     
  30. Sempervirens Senior Member

    italiano
    Eh eh, Odysseus, tu dici il giusto perché tra quegli "altri " che tu citi ci sono anch'io, #19 :)

    No il mio intervento era una spiegazione del perché della forma essere vissuto versus avere vissuto, a prescindere dall'essere forma passiva o attiva.

    Come si suol dire, un'aggiunta informativa.

    Saluti

    S.V
     
    Last edited: Feb 9, 2014

Share This Page