ci tirano a diventarlo

Discussion in 'Solo Italiano' started by zipp404, Sep 15, 2009.

  1. zipp404

    zipp404 Senior Member

    NYC
    Bilingual English|Español
    Cari amici, buondì.

    Qualcuno saprebbe dirmi, per piacere, se il vebo "tirare" ha il senso di "attirare" o "attrarre" in questo contesto [tratto da Il sorpasso, A. Moravia]

    Tullio [era seduto] accanto a me, Ines sul sedile di dietro. Tullio si girò subito dalla parte di Ines, lei si sporse verso Tullio; e così, mentre badavo a guidare, loro cominciarono una conversazione fitta fitta, proprio da innamorati o che ci tirano a diventarlo.

    ci tirare: Significherà letteralmente "tirare" o avrà invece uno dei seguenti significati, o un altro che mi sfugge ?

    (a) "tirarsi in avanti", di "spostarsi" verso lo stesso punto
    (b) "attirare" l'altra persona verso lo stesso punto, "attrarre l'uno l'atro" verso lo stesso punto
    (c) cominciare a diventare, a fare qualcosa


    Vi ringrazio moltissimo per l'aiuto.
     
    Last edited: Sep 15, 2009
  2. effeundici Senior Member

    Italy
    Italian - Tuscany
    ci tirano a = aspirano a / ambiscono a
     
  3. zipp404

    zipp404 Senior Member

    NYC
    Bilingual English|Español
    I Repubblicani odiano Obama, i neri, gli spanici, gli operai, le donne, i gay, l'ambiente naturale e l'istruzione e tutti i luoghi ecceto Texas..... e loro ci tirano a ottenere la presidenza nel 2014! Che Dio abbia pietà del nostro paese nonché del mondo intero!!!

    ci tirano a = aspirare a; ambire a: L'ho usato correttamente, "ci tirano"?
     
    Last edited: Sep 15, 2009
  4. effeundici Senior Member

    Italy
    Italian - Tuscany
    Mmmmmhh, è un'espressione difficile, estremamente colloquiale, poco usata, te la sconsiglio. Tra l'altro io non la uso mai.
     
  5. zipp404

    zipp404 Senior Member

    NYC
    Bilingual English|Español
    Sì. Grazie. :)
     
    Last edited: Sep 15, 2009
  6. marco.cur Senior Member

    Che brutto italiano!

    Fa parte sicuramente di un linguaggio generazionale, che compare e scompare da una generazione all'altra.
     
  7. zipp404

    zipp404 Senior Member

    NYC
    Bilingual English|Español
    La frase si trova in un racconto di Alberto Moravia intitolato "Il sorpasso" pubblicato nel 1959. Una bibliotecaria alla biblioteca centrale me lo diede.

    Il racconto è ambientato a Roma. L'editore dell'antologia avverte che Moravia si serve di molte espressione idiomatiche communi a Roma durante questo periodo, espressioni che però non vengono nemmeno spiegate dall'editore.
     
    Last edited: Sep 16, 2009
  8. Angelica85 Senior Member

    Italy (north)
    Italian
    Confermo il fatto che sia un'espressione caduta in disuso... d'altra parte questo racconto è stato scritto nel 1959: ne sono passati di anni! :)
     
  9. monder New Member

    Italiano
    io sono molto più giovane e non ho mai sentito/letto questa espressione.
     

Share This Page