1. The WordReference Forums have moved to new forum software. (Details)

Ci vuole fortuna

Discussion in 'Solo Italiano' started by bior, Jul 26, 2011.

  1. bior Senior Member

    italiano
    Salve ragazzi secondo voi come si fa l'analisi logica della seguente frase?

    Ci vuole fortuna


    Ci=?
    vuole=predicato verbale
    fortuna=compl. ogg.

    ma ci che significato ha?
     
  2. infinite sadness

    infinite sadness Senior Member

    sicilia
    bilingue siciliano-italiano
    La mia opinione è la seguente:

    fortuna = soggetto
    ci vuole = verbo

    Non credo che la particella si possa separare dai verbi pronominali.

    Comunque, aspetta gli altri pareri, perché io non sono un esperto.
     
  3. Mutti57 Senior Member

    italy
    italian
    Con il verbo volere la particella “ci” indica la necessità di una o più cose, per esempio
    - "Ci vuole molta pazienza nella vita!"

    Oppure ci vuole fortuna.....
     
  4. effeundici Senior Member

    Italy
    Italian - Tuscany
    Secondo me fortuna è complemento oggetto.

    Concordo sul fatto che ci vuole è predicato verbale
     
  5. giovannino

    giovannino Senior Member

    Italy
    Italian
    Secondo me "fortuna" è soggetto. In fondo "volerci" significa "occorrere, essere necessario". Infatti con un soggetto singolare diciamo "ci vuole", con un soggetto plurale "ci vogliono".
     
  6. matoupaschat

    matoupaschat Senior Member

    Liège, Belgium
    Français (Belgique)
    Dal Treccani:
    ci pron. e avv. [lat. tardo hīce per hīc «qui»]. –
    1. pron. pers. Si considera vera particella pronominale solo quando concorre alla declinazione del pron. pers. noi, come compl. oggetto (egli ci chiama = chiama noi) o come compl. di termine (ci sembra = sembra a noi); è indispensabile nella coniugazione dei verbi riflessivi o comunque pronominali, sia nella 1a pers. pl. (per es.: ci vestiamo, ci annoieremo, ci vogliamo bene), sia nella forma indefinita adoperata con valore di 1a pers. pl. (ci si veste, ci si annoierà, ecc.). In tutti gli altri casi, anche quando sostituisce un pron. dimostrativo, ci conserva la sua natura di avverbio.

    Lo Zingarelli lo dà espressamente per avverbio:
    ♦ci
    C avv.
    1 (...)
    2 (...)
    3 Con valore indet.: mi ci vorrebbe del tempo | ci vuole altro!, occorre ben altro | ci corre, ce ne corre, c'è differenza | io ci sto, (fig.) sono d'accordo | (pleonast.) Con i verbi di percezione: non ci vedo bene; non ci sente molto.


    EDIT D'accordo con IS e Giovannino: fortuna è soggetto.
     
    Last edited: Jul 26, 2011
  7. bior Senior Member

    italiano
    Ragazzi siccome la frase è idiomatica ho tradotto così:

    ci vuole fortuna = La fortuna è necessaria a noi
    quindi:
    La fortuna=soggetto
    è necessaria=predicato nominale
    a noi=complemeto di termine
    Avete qualche ideaa da suggerirmi?
     
  8. Giorgio Spizzi Senior Member

    Italian
    Ciao, Bio.

    E' pur vero che l'enunciato è decontestualizzato e quindi, non potendo sapere che cosa lo ha preceduto nello scambio dialogico, è arduo delimitarne lo status, tuttavia non sono convinto che "ci" stia per "a noi". Sarei piuttosto portato a pensare che "ci" si riferisca alla "persona generica" (One, On, Man,...).

    GS
     
  9. francisgranada Senior Member

    Slovakia
    Hungarian
    Secondo me no. Il senso della frase può essere più o meno "La fortuna è necessaria", ma nella propria frase fortuna non è grammaticalmente il soggetto (non è la fortuna che "vuole qualcosa" ...)
     
  10. bior Senior Member

    italiano
    e allora secondo te quale sarebbe l'analisi logica?
    io non riesco a vederla diversamente
     
  11. francisgranada Senior Member

    Slovakia
    Hungarian
    Se lo sapessi ...:) Il problema è quel "ci", personalmente sarei d'accordo con quello che dice Giorgio (#8).
     
  12. Cosimo Piovasco Senior Member

    Italiano, Italia
    Ci vuole = (frase impersonale, come è necessario)
    fortuna= (cosa è che ci vuole?) complemento oggetto.

    Se avessimo detto si richiede della fortuna non avremmo avuto dubbi sul si impersonale
     
  13. giovannino

    giovannino Senior Member

    Italy
    Italian
    Ripeto la mia obiezione: se il sostantivo che segue ci vuole è complemento oggetto perché usiamo ci vogliono quando il sostantivo è plurale?

    Ci vuole un'ora
    Ci vogliono due ore
     
  14. Cosimo Piovasco Senior Member

    Italiano, Italia
    perché il verbo va legato al complemento :) è perfettamente normale no...?

    A tizio necessitavano due ore
    Ci vogliono due ore
     
  15. ursu-lab

    ursu-lab Senior Member

    Lunezia
    italian, catalan & spanish
    Il verbo "volerci" significa "essere necessario" ed è un verbo procomplementare in cui la particella "ci" è inseparabile dal verbo "volere". Non è il clitico "ci" con valore di "noi/a noi". Il soggetto posposto è "fortuna", come in: sono necessari molti soldi per comprare un biglietto aereo per Sidney; ci vogliono molti soldi per...Le forme "soggetto - verbo - complemento" si fanno con i verbi "avere bisogno di" o "necessitare di": Tizio ha bisogno / necessita di fortuna...
     
    Last edited: Jul 27, 2011
  16. Cosimo Piovasco Senior Member

    Italiano, Italia
    Ma se dico possono volerci due ore, intendo è possibile che ci vogliano due ore, no? Non concordo onestamente, ci vorrebbe qualche regola in proposito.
     
  17. ursu-lab

    ursu-lab Senior Member

    Lunezia
    italian, catalan & spanish
    Se dico "piove." è un verbo impersonale, ma se dico "piovono sassi dal cavalcavia", "piovere" è intransitivo con soggetto "sassi" posposto. Si può anche mettere prima se preferisci:una regola ci vuole ogni tanto...
     
  18. Aithria

    Aithria Senior Member

    Italian; IT
    Nobilissimo Barone di Rondò .. la prego, non confondiamo soggetto logico e soggetto grammaticale !
    se io scrivo :
    la macchina è lavata da Carlo
    il soggetto logico (ciò l'attore effettivo dell'azione verbale lavare, o, più prosaicamente, chi ci mette olio di gomito) è Carlo, anche se, da un prospettiva grammaticale, il soggetto è la macchina e il pred. verbale (passivo!) è è lavata.

    L'obiezione di Giovannino è giustissima
    volerci
    (lett. volere a ciò) è costruzione alternativa ed equivalente a occorre (a qn./qs),comportare... etc, , dove ci è la forma atona del pronome dimostrativo con valore neutro (di ciò, a ciò , in ciò etc).

    Parafrasando :

    Ci vuole fortuna = a ciò/per questa cosa (compl. dativo di attitudine o disposizione) vuole (= occorre, è necessaria, pred. verb) fortuna (sogg. grammaticale)

    mentre il soggetto logico, cioè chi cosa vive effetivamente la mancanza, il bisogno espresso dal pred. verbale, è il complementoin dativo ci, che di solito viene esplicitato nella subordinata.

    E' chiaro però che, accordandosi il pred. verbale in genere e numero con il soggetto grammaticale e non con quello logico, se il sogg. grammaticale è plurale, tale sarà il pred. verbale:
    ci vogliono soldi
     
  19. Cosimo Piovasco Senior Member

    Italiano, Italia
    Ma quante buone maniere:)
    Approfondirò la cosa...
     
    Last edited: Jul 28, 2011

Share This Page