1. The WordReference Forums have moved to new forum software. (Details)

Cordialmente

Discussion in 'Solo Italiano' started by Sicanius, Mar 25, 2007.

  1. Sicanius

    Sicanius Senior Member

    UK/Sicily
    Italian
    Salve,

    a tutti penso capiti di scrivere dei messagi di posta elettronica più o meno formali. La mia domanda è: "Qual è la forma di saluto che utilizzate?".
    Mentre per dei messaggi informali penso si possa scrivere un po' di tutto (baci, abbracci, ciao, a presto, ecc.), quale formule usate per i messaggi formali?
    Io uso sempre "cordialmente", "cordiali saluti" (e raramente "distinti saluti"), ma è così noiso usare sempre la stessa espressione, soprattutto quando si crea una sorta di carteggio tra due persone!! :(

    E come vi sembrano le seguenti espressioni per i messagi informali?
    - tante cose, buone cose, stammi bene, statti bene...

    Infine, usereste mai "Caro" all'inizio di un messaggio formale? per es. Caro/a sign./ra, o Caro prof. X.

    Grazie a tutti!
     
  2. irene.acler Senior Member

    Trento - Italy
    Italiano
    Ciao!

    Anch'io nei messaggi formali tendo ad utilizzare sempre "cordialmente" e "cordiali saluti", ma inceramente non userei mai "tante (buone) cose", "stammi bene" e "statti bene" (questa non la uso proprio mai, in nessun contesto).
    Non mi vengono in mente altre possibilità in questo momento...
    ì
    All'inizio di un messaggio formale non userei mai "caro", ma piuttosto "Gentile (prof. X)".
     
  3. Salegrosso Senior Member

    Napoli (Italy)
    Verona (Italy)
    Caro Professore,
    questo incipit lo uso un sacco di volte, è molto comune in un contesto scientifico (diciamo da dottorando in su).

    Come chiusura cortese ma non scontata mi piace e uso molto
    I miei saluti migliori.

    Altre volte:
    Arrivederci a presto.
     
  4. Angel.Aura

    Angel.Aura del Mod, solo L'aura

    Roma, Italia
    Italian
    Io voto per "Gentile...X Y" in apertura e per "Cordialità" oppure "Con i migliori saluti" in chiusura di messaggio.

    Ciao.
     
  5. Paulfromitaly

    Paulfromitaly MODerator

    Brescia (Italy)
    Italian
    Molto formali:
    Egregio professore
    Chiarissimo professore
    Esimio professore


    "Statti bene" secondo me non è italiano corretto.
     
  6. SunDraw

    SunDraw Senior Member

    Veneto (Italia)
    Ho notato, apprezzando ed adottando prontamente la soluzione, liberatoria, che in questi Duemila si è abbastanza attestato il
    Gentile Nome Cognome,
    Gentile Cognome,
    in luogo d'ogni altro Egr. sig./ra, Gent.mo/a, ecc
    per ogni tipo di posta.
    (Fermo restando il Spett.le Ditta).

    Il "Caro" riservandolo a chiunque, amico o qualsivoglia corrispondente, cui in quel momento mi stia rivolgendo "prendendolo sotto braccio".

    Mi sembra universale ormai l'apertura con
    Ciao Nome
    anche per lavoro, cioè equivalente all'imperversante (definitivo) rivolgersi dandosi del "tu", ma che ahimé a me crea non poco imbarazzo in sede di chiusura: non mi piacciono le reiterazioni.
    Ciao Pippo,
    restiamo d'accordo.
    Ciao :eek:
    SunDraw

    Ecco che le formule di commiato epistolare - per inciso, io sono di quella scuola che non fa troppe differenze di scrittura tra posta cartacea ed elettronica - restano varie.
    Personalmente uso i
    Cordiali saluti
    senza preoccupazioni di sorta per la loro fissità.
    Tutt'al più per una certa loro freddezza, per cui, sempre in messaggi formali ma a persone con cui c'è giusto una maggiore, appunto, cordialità, colloquialità, ho adottato:
    Un cordiale saluto.
    Che nella corrispondenza ancora più a braccio diventa persino:
    Un saluto.
    tutte formule che, a parte l'avermi attirato pure qualche lazzo (diciamo pari a quello che varrebbe un tanto ben volonteroso quanto disgraziato "Salve" d'apertura), comunque sostituirei volentieri, una volta raccolto uno spunto più interessante da questo thread...;).

    Alla prox!
    :)D)



    EDIT Aargh! Mi sono accorto adesso che Sicanius aveva giusto rivolto la parola al mondo con "Salve"...! E adesso, che faccio? Beh sentite, io lascio quanto ho scritto, di cuore e senza riferimenti personali, almeno sarà stato il mio pensiero sincero :eek:
     
  7. Salegrosso Senior Member

    Napoli (Italy)
    Verona (Italy)
    Neanche secondo me.
    Se qualcuno mi scrivesse Statti bene, lo prenderei per uno scherzo. C'è da dire che questa è un'espressione che non ho nelle orecchie, non l'ho mai sentita, né nel Nord, né nel Centro né in Campania. Probabilmente è siciliano doc.
     
  8. valy822

    valy822 Senior Member

    Naples / Milan
    Italy- Italian
    Beh, invece a me è venuta subito in mente l'espressione napoletana Statt bbuòn! :D Ma in italiano non credo di aver mai sentito statti bene.
    Formule di chiusura formali che uso:
    Cordialmente
    Distinti saluti
    Cordiali saluti

    Mmh..non tanto informali in verità..non le uso per i messaggi informali.

    Solo nel caso di una "confidenza" maggiore con l'altra persona. Vedi esempio di Salegrosso nel # 3.
     
  9. Salegrosso Senior Member

    Napoli (Italy)
    Verona (Italy)
    Inutile aggiungere che giustamente l'ultima parola è sempre ai nativi... :)
     
  10. federicoft Senior Member

    Italian
    Io scrivo: cordialità.
     
  11. Sicanius

    Sicanius Senior Member

    UK/Sicily
    Italian
    Nemmeno io uso mai queste espressioni, per questo chiedevo la vostra opinione. In Italiano però sembra mancare una forma di saluto come l'inglese "take care!" (così come "best wishes") o lo spagnolo "cuidate!", il cui significato si avvicina a quello delle espressioni che ho riportato. Ma perché, pur esistendo in italiano (con l'eccezione di "statti bene", che effettivamente ho sentito a dei napoletani), nessuno le usa?

    Grazie per le vostre risposte!
     
  12. _forumuser_

    _forumuser_ Senior Member

    New York City
    Italian
    Il problema e' che la nostra ignoranza sulla corrispondenza ha raggiunto livelli mostruosi. Una volta "come scrivere una lettera" era materia di studio attento. Ogni volta che leggo della corrispondenza di qualche decennio fa mi vengono i brividi. Cavolo, penso, e' solo una lettera e guarda cosa ti andavano a scrivere. Ma non e' un fenomeno solo italiano.
     
  13. DrLindenbrock Senior Member

    Italy
    Italy; Italian & Am. English
    In linea con quanto già detto da parecchi di voi, io inizio quasi sempre con "gentile" o "egregio" (con una netta preferenza per il primo, ma il secondo mi serve quando voglio mantenere una certa freddezza ;) ) e concludo con "cordiali saluti", "cordialmente", "saluti", "un saluto" (in ordine di uso e preferenza). Ah, dimenticavo; per mantenere quel tanto di freddezza di cui sopra, uso anche "distinti saluti".

    Riguardo al post di SunDraw sul "salve", mi chiedo che cosa ha che non va. Mi sono perso qualcosa ultimamente?
    Per caso, SunDraw, quando lo usi attiri l'ilarità generale? :)
    Devo dire la verità, io lo uso soprattutto (e molto) nel linguaggio orale, paraticamente con tutti i condòmini del mio palazzo... ;)
    Nello scritto tendo ad usarlo di meno ma non avrei pensato che la gente potesse riderci su... Noto che sono uno dei pochi che lo usano (perlomeno nel mio "giro") ma non ci ho mai badato molto.
    Delucidatemi! :)
     
  14. Sicanius

    Sicanius Senior Member

    UK/Sicily
    Italian
    In realtà anch'io uso spesso "salve" (come all'inizio del thread) e non ci trovo niente di male. Mi sembra un termine neutrale quando non si sa se usare un saluto formale o informale, e anche quando si ha paura di sbagliare tra buon giorno e buona sera!
     
  15. DrLindenbrock Senior Member

    Italy
    Italy; Italian & Am. English
    Hehe è esattamente come la vedo io. Per esempio lo uso con persone che magari incontro spesso ma a cui devo "dare del lei". In questo caso usare sempre e solo buongiorno o buona sera alla lunga mi pare poco praticabile.
     
  16. Salegrosso Senior Member

    Napoli (Italy)
    Verona (Italy)
    E' la stessa funzione che ha il Buondì, perlomeno in Veneto, come riscontrato in un altro thread.
    In quel thread io facevo l'esempio del giornalaio che vedi tutti i giorni: non gli dai del tu, ma la semplice quotidianità e l'assenza di gerarchie ti invitano a qualcosa di più vicino, senza diventare già un ciao: appunto, salve, buondì.
     
  17. Aura Ambar New Member

    italian
    Salve;

    in italiano, un'espressione simile allo spagnolo "Cuidate", è:

    "Prenditi cura di te", anche se..non molto usato.

    Possiamo cominciare ad usarlo, per renderlo più "attuale"...

    Io, lo uso ogni tanto.


    A presto.

    bel Forum!

    Aura -
     
  18. italo_da_b Junior Member

    English - Ireland
    Ciao Sicanius,
    la ''noia'' di cui scrivi è semplicemente comodità di utilizzo, può sembrare banale ma a volte anche le formule rivelano delle intenzioni. Vedi i polentoni che si salutano ''Bon, mona!''

    Italo
     
  19. elitaliano

    elitaliano Senior Member

    Italy
    Italia - italiano
    Beh, in italiano c'è la forma corrispondente a quella spagnola che hai indicato: riguardati, che è poco usata.
    Io userei prenditi abbi cura di te solamente con una persona verso la quale nutro sincero affetto, e non solo tanto per non essere formale.

    Altrimenti, per essere informale:
    all'amico/a ---> Caro....
    in una e-mail di lavoro ---> Buon giorno (anche se ci si da del tu) e poi chiudo con ciao.

    Nelle lettere formali -----> Gentile sig. X e poi chiudo con cordiali saluti (rispettivamente Egregio sig. X e distinti saluti solo se è una controparte in una disputa)


    Cordiali saluti a tutti. :)
     

Share This Page