1. The WordReference Forums have moved to new forum software. (Details)

Costruzione fattitiva - cliticizzazione

Discussion in 'Solo Italiano' started by Warder, Mar 25, 2014.

  1. Warder New Member

    Czech
    Ciao a tutti,

    avrei bisogno di aiuto, per favore. Ho alcuni problemi con la comprensione dell'uso dei clitici nella costruzione fattitiva. Se l'oggetto indiretto rappresenta il soggetto dell'infinito, si puo' usare un clitico dativo:

    Ha fatto mangiare la minestra al bambino. → Gli ha fatto mangiare la minestra.

    M se invece rappresenta l'oggetto indiretto dell'infinito, un clitico dativo puo' essere usato solo nei casi dove e' infinitivo un verbo inaccusativo. Segue l'esempio da una grammatica italiana:

    Gli ha fatto correre dietro il suo mastino. → ?? Quale sarebbe la frase originaria se questo "gli" rappresenta l'oggetto indiretto dell'infinito "correre"?



    Grazie in anticipo.
     
  2. Nino83 Senior Member

    Italian
    Ciao Warder.
    In tutte le lingue romanze occidentali la regola è la stessa.

    Se il verbo è intransitivo (non importa se inergativo o inaccusativo) bisogna utilizzare l'accusativo.

    Marco ha fatto lavorare i suoi dipendenti duramente = Marco li ha fatti lavorare duramente (intransitivo inergativo)
    Il ragazzo ha fatto cadere il pallone nel giardino del vicino = Il ragazzo lo ha fatto cadere nel giardino del vicino (intransitivo inaccusativo)

    Se c'è un verbo transitivo ci sono due casi.
    Se non c'è un complemento oggetto, si usa l'accusativo.

    La mamma ha fatto mangiare i bambini presto = La mamma li ha fatti mangiare presto.

    Se c'è un complemento oggetto, si usa il dativo.

    L'allenatore ha fatto fare un duro allenamento ai giocatori = L'allenatore gli ha fatto fare un duro allenamento.

    Questo, perché, con i verbi causativi (fare, lasciare) ed i verbi di percezione (vedere, sentire) si usa la frase infinitiva latina, secondo la quale, il soggetto della subordinata va all'accusativo ed il verbo della subordinata all'infinito.
    Quando c'è un verbo transitivo + complemento oggetto ci sarebbero due accusativi (uno per il soggetto e uno per il complemento oggetto della subordinata) e quindi si farebbe confusione. In questo caso, per evitare la confusione, il soggetto della subordinata va al dativo mentre il complemento oggetto va all'accusativo.

    Esempio della frase di sopra:
    L'allenatore gli ha fatto fare un duro allenamento = L'allenatore glielo ha fatto fare (gli = ai giocatori, lo = un duro allenamento).

    Quindi, nel tuo esempio, il verbo è intransitivo, quindi bisogna utilizzare l'accusativo.

    Lo ha fatto correre dietro al suo mastino.

    Ricapitolando:
    verbo intransitivo = accusativo
    verbo transitivo senza complemento oggetto = accusativo
    verbo transitivo con complemento oggetto = dativo


    Ciao
     
    Last edited: Mar 26, 2014
  3. Warder New Member

    Czech
    Ciao Nino,

    grazie molto per la spiegazione molto dettagliata.
    Anche a me sembra l'uso del clitico dattivo strano ma questa proposizione e' estratta dalla Nuova grammatica italiana di Salvi e Vanelli ed e' grammaticale secondo loro. Che mistero.

    Buona giornata!
     
  4. Nino83 Senior Member

    Italian
    Ora che rileggo meglio la frase, mi sono accorto di un dettaglio.

    E' giusto dire:
    Ha fatto correre Caio dietro al suo mastino = Lo ha fatto correre dietro al suo mastino.
    In questo caso il pronome lo è il soggetto della subordinata.

    La frase gli ha fatto correre dietro il suo mastino, invece, ha un altro significato.
    Qui il soggetto della subordinata è il mastino (!) mentre gli denota la persona dietro la quale il mastino corre.
    Quindi, ha fatto correre il suo mastino dietro a Caio = gli ha fatto correre dietro il suo mastino.
    In questo caso gli = a Caio, che non è il soggetto della subordinata.

    Quindi, per quanto riguarda il soggetto della subordinata, valgono le regole che ho spiegato nel commento #2.
    In questo caso il pronome denota un complemento.

    Ciao
     
  5. Sempervirens Senior Member

    italiano
    Ciao! Rispondo solamente alla domanda che ho messo in evidenza in grassetto. Nino83 ha però spiegato già bene il tutto.

    Ella/egli ha fatto correre il suo cane dietro a lui.

    La parte in blu è il soggetto grammaticale.
    La parte in rosso è il complemento oggetto diretto.
    La parte in rosso è il complemento indiretto.

    Nino, approfitto dell'occasione per verificare una cosa con te. Secondo me '' a lui'' dovrebbe trattarsi di complemento di luogo.
    Ma mica sono sicuro! Se fosse luogo il pronome dovrebbe essere ci. Allora complemento di termine?
    Forse ''Complemento di luogo vagante, anzi sfuggente''
    :):D?

    Ciao a tutti!
     
    Last edited: Mar 26, 2014
  6. Warder New Member

    Czech
    Grazie mille, ragazzi!

    Ora e' tutto chiaro :)

    A proposito, anche io direi che "a lui" dovrebbe essere complemento di luogo. Da uno mistero all'altro :D
     
  7. Nino83 Senior Member

    Italian
    Si si, complemento di luogo anche per me, vista la preposizione dietro. :)
    Sul perché si usa il dativo, non saprei. Forse per analogia con la terza costruzione causativa. Forse si, forse no. Boh? :confused:

    Ciao

    EDIT:
    Però, ripensandoci, pare che dopo una preposizione di luogo l'utilizzo del dativo sia molto comune.

    Ad esempio:
    stacci tu! = stai tu
    ma stagli vicino = stai vicino a lui
    ci va sempre = va sempre ma gli va dietro = va dietro a lui
     
    Last edited: Mar 26, 2014

Share This Page