di + articolo

Discussion in 'Solo Italiano' started by Many-, Aug 18, 2006.

  1. Many- Senior Member

    Brasil
    Portughese, Brasil
    Si può dire "dove c'e del pane?" o se usa solo per dire... "prendi del pane" "mangi del pane" ....
    Io penso che sia migliore dire: "Dove è il pane?"
    però è sbagliato dire "dove c'e del pane" o "dove ci sono delle olive?"
     
  2. Paulfromitaly

    Paulfromitaly MODerator

    Brescia (Italy)
    Italian

    " ci sono delle olive?":tick:
    "dove sono le olive?":tick:
    "Dov' è il pane?":tick:
    "Dov' c'è il pane?":cross:
    "prendi del pane":tick:
    "mangi del pane?" :tick:
     
  3. Many- Senior Member

    Brasil
    Portughese, Brasil
    Grazie. E grazie anche per avere corretto i miei sbagli...
     
  4. parolearruffate Senior Member

    Volevo aggiungere che secondo me l'uso di "di + articolo" non è più molto usato. In genere si usa: "prendi un po' di pane", oppure "prendi il pane".
     
  5. Many- Senior Member

    Brasil
    Portughese, Brasil
    Grazie... però la forma correta è "pendi dei pane" vero?
     
  6. lsp

    lsp Senior Member

    NY
    US, English
    No, è "prendi del pane."
     
  7. Many- Senior Member

    Brasil
    Portughese, Brasil
    Ah si, certo...
    scusa, ho sbagliato...
    penso che sia...
    "del pane"
    o "dei pani", vero?

    e... una cosa....
    per che cosa di piu se usa la preposizione di+ l'articolo?
    solo con i cibi?
    si puo usare con gli abbigliamenti?
    per esempio: ci sono delle calze?
    prendo delle scarpe ...

    penso che si puo usare sempre quando sostituisce il "una certa quantità di..."
     
  8. moodywop Banned

    Southern Italy
    Italian - Italy
    Meglio dire "si possa":)

    Hai perfettamente ragione. Infatti volevo dire che quella di parolearruffate mi sembra una grossa esagerazione. Il "partitivo" del, dello, della ecc è una struttura che ha sempre caratterizzato la nostra lingua e spero proprio che continui a farlo.

    Chi si lamenta del degrado dell'italiano contemporaneo spesso si limita alla solita geremiade sul congiuntivo. Invece il rischio di un impoverimento delle nostre risorse espressive è molto più esteso. Vedo continuamente scrivere in questo forum che una particolare parola o struttura "non si usa più tanto", "non si usa più al nord" e così via. Mi arrabbio da morire quando poi vedo uno straniero che prende nota e aggiunge: "Che bello! Una parola/struttura in meno da imparare". Vari decenni fa fu inventato il "Basic English". Per fortuna non se ne sente più parlare.

    Se amiamo davvero la nostra lingua dovremmo fare di tutto per mantenere la varietà di mezzi espressivi a nostra disposizione.
    forse questa "semplificazione" è un processo irreversibile, ma non vedo perché dovremmo gettare la spugna e farci trascinare dalla corrente:)
     
  9. parolearruffate Senior Member

    Moodywop, non ho detto che non si può usare, ho detto che "mi sembra" che non si usi più molto. A me sembra corretto anche informare chi sta imparando la nostra lingua delle "trasformazioni" che la lingua subisce. O meglio, io è una delle cose che vorrei sapere imparando una lingua straniera. In ogni caso secondo me la trasformazione di una lingua non è necessariamente un degrado.
     
  10. moodywop Banned

    Southern Italy
    Italian - Italy
    Non avevo intenti polemici nei tuoi confronti, ti assicuro:)

    Sono assolutamente d'accordo che l'evoluzione di una lingua non equivale al degrado linguistico. Anzi, se leggerai i miei interventi sulla pronuncia "standard", sulle parole straniere, su usi secondo me erroneamente ritenuti scorretti (e invece accettabilissimi in contesti informali), vedrai che la mia posizione è il preciso opposto.

    Io infatti parlo di "impoverimento", non di "degrado".

    Insisto nel dire che "non è più molto usato" mi sembra un'esagerazione. Forse però tu ti riferivi a frasi come "vado a comprare del pane". Qui "un po' di" si usa certamente più spesso.

    Tuttavia "non più molto usato" potrebbe far pensare a uno straniero che fra non molto nei dizionari ci sarà la dizione "obsoleto".

    In frasi come "ci sono delle persone che..." non mi sembra che l'uso del partitivo sia in calo.

    Comunque il disaccordo stimola la discussione. Vediamo che ne pensano gli altri (che sono ancora quasi tutti in vacanza:) )
     
  11. parolearruffate Senior Member

    Certamente dipende da caso a caso. Ma nel caso che tu citi:"ci sono delle persone che...", a me suona molto più naturale "ci sono persone che...". Credo che entrambi siano corretti.
    Nella frase ad inizio discussione: "prendi del pane", mi suona molto più naturale dire: "prendi il pane". Poi dipende anche dalla sensibilità linguistica di ognuno.
     
  12. Many- Senior Member

    Brasil
    Portughese, Brasil
    Grazie a Tutti i due!
    Sinceramente, mi piacerebbe parlare corretamente l'italiano. Lo so che la lingua parlata non è sempre la correta, anche con la mia madre-lingua, il portoghese, succede tantissimo questo.
    Però penso che, se qualcuno vuole imparare la lingua, deve imparare quella gramaticalmente correta. Però se basta soltanto se comunicare, va benne, imparare il colloquiale. Certo che è importante anche sapere le cose che, anche se è gramaticalmente corrette, non si parla cosi corretamente.
    Ma, se io potesse scegliere, vorrei imparare perfetamente, che cosi non mi sbaglio mai.
    Però, a questo punto, mi sembra impossibile.
    Perche, anche se l'italiano, per me, è la lingua piu bella che conosco, È anche molto difficille da imparare.
    Ancora ringrazio a voi per aiutarmi....
     
  13. claudine2006

    claudine2006 Senior Member

    Andalucía Spain
    Italy Italian
     
  14. Many- Senior Member

    Brasil
    Portughese, Brasil
    Grazie per la correzione!!!!!!
     
  15. BlueWolf

    BlueWolf Senior Member

    Italy
    Italian
    Scusate se intervengo, ma non mi sembra proprio che l'articolo partitivo stia scomparendo dalla nostra lingua. Io lo uso e sento usare normalmente. Come sarebbe detta secondo voi una frase come questa al giorno d'oggi?

    Se dei bambini mi chiedessero... (dico questa giusto perché c'è l'ho sotto gli occhi :) )
     
  16. claudine2006

    claudine2006 Senior Member

    Andalucía Spain
    Italy Italian
    In realtà a me alla scuola media insegnarono che era meglio non usare il partitivo in casi come questi.
    Oggi si sente sempre più spesso.
     
  17. BlueWolf

    BlueWolf Senior Member

    Italy
    Italian
    E perché mai? :eek:
    Comunque mica il partitivo era in disuso? XD
     
  18. claudine2006

    claudine2006 Senior Member

    Andalucía Spain
    Italy Italian
    Per una volta che mi trovavo d'accordo con te. ;)
    Non si considerava in disuso, si considerava errato nei casi come i succitati.
    L'uso corretto del partitivo secondo i miei libri di grammatica della Scuola Media era consentito nel seguente caso:
    "Uno dei bambini".
    Oggi l'uso del partitivo non si limita solo all'esempio che ho fornito.
     
  19. BlueWolf

    BlueWolf Senior Member

    Italy
    Italian
    Beh, almeno se non siamo d'accordo abbiamo qualcosa di cui discutere :D

    "Uno dei bambini" è un uso del complemento partitivo, "dei" non svolge la funzione di articolo. Che poi l'articolo partitivo sia derivato da lì... O mi sbaglio?
     
  20. Necsus

    Necsus Senior Member

    Formello (Rome)
    Italian (Italy)
    Se ne è già parlato anche in quest'altro thread...
     
  21. claudine2006

    claudine2006 Senior Member

    Andalucía Spain
    Italy Italian
    Sì, ma "l'antica scuola" rifiutava l'uso dell'articolo partitivo.
     
  22. BlueWolf

    BlueWolf Senior Member

    Italy
    Italian
    Beh, dalla mia esperienza personale posso dire che oggi l'articolo partitivo è insegnato anche a scuola in grammatica italiana, quindi non capisco perché considerarlo sbagliato.:confused:
     
  23. Kritche

    Kritche Junior Member

    Italian- Italy
    non vorrei dire delle fesserie, ma mi sembra di ricordare che l'uso di "del/della" per indicare una quantità non fosse considerato corretto in quanto 'francesismo'. In effetti, non si tratta di un partitivo (se, come credo di aver capito, usate il termine partitivo per indicare qualcosa che indica una "parte del tutto").
    Comunque, io qui (nord-italia, al confine con la francia), lo sento usare parecchio.
    k.
     

Share This Page