Faire vivre

Discussion in 'Italiano-Français' started by Voce, Apr 25, 2013.

  1. Voce

    Voce Senior Member

    Salve. Ho ancora un dubbio concernente un articolo sulla situazione delle chiese protestanti svizzere. Si tratta dell'espressione "faire vivre" nel seguente contesto:

    "La proposition d’une reconnaissance de la FEPS comme «Communiondes Églises» constitue une voie moyenne intelligente. La révisionde la Constitution de la FEPS n’aura de sens que si elle interrogeles frontières que nous continuons de faire vivre, sous prétexte decontraintes souvent externes".

    Io ho tradotto come segue: "La proposta di un riconoscimento della FCES come “Comunione delle chiese” costituisce una soluzione intermedia intelligente. La revisione della Costituzione della FCES avrà senso soltanto se essa interroga le frontiere che continuiamo a mantenere, con il pretesto di costrizioni spesso esterne".

    Grazie per ogni suggerimento.

    P.S. FEPS/FCES sta per Federazione delle chiese evangeliche svizzere.
     
    Last edited by a moderator: Apr 25, 2013
  2. matoupaschat

    matoupaschat Senior Member

    Liège, Belgium
    Français (Belgique)
    Mah, l'italiano non è la mia lingua madre, ma ho l'impressione che la continuità sia già, almeno in parte, espressa nel verbo mantenere e quindi mi accontenterei di dire "le frontiere che manteniamo in vita/vive".
     
  3. Voce

    Voce Senior Member

    Sì, hai ragione. Grazie. matoupaschat. Alla prossima!
     

Share This Page