gli ha preso un po' la mano

Discussion in 'Solo Italiano' started by giovanni1986, Mar 27, 2013.

  1. giovanni1986 New Member

    CHina-chines
    Qualcono mi potrebbe aiutare?
    Siccome sono un cinese e non riesco a capre il brano:

    " Poi rimaneva lì, immobile come se avesse dovuto entrare in una fotografia, con la faccia di uno che l'aveva fatta lui l'America. La sera, dopo il lavoro, e le domeniche, si era fatto aiutare dal cognato, muratore, brava persona... prima aveva in mente qualcosa in compensato, poi... gli ha preso un po' la mano, ha fatto l'America..."

    ma gli ha preso un po` la mano....che significa??? e cosa voleva dire questo brano??


    Grazie in anticipo
     
    Last edited: Mar 27, 2013
  2. oh bice Senior Member

    Trezzo sull'Adda
    Italiano
    ...gli ha preso un po' la mano significa che si è lasciato andare e spinto dalle ali dell'entusiasmo i suoi propositi iniziali si sono ampliati di molto. All'inizio pensava di costruire una cosa semplice e piuttosto rozza, fatta di legno compensato, alla fine invece l'opera realizzata è stata molto più complessa e raffinata, l'America appunto (anche se - non avendo letto il testo originale - non riesco a capire cosa l'America sia. Forse una bella casa? boh).
    Ciao.
    p
     
  3. Connie Eyeland

    Connie Eyeland Senior Member

    Brescia (Italia)
    Italiano
    Ciao, Giovanni, e benvenuto nel forum.:)

    E' l'incipit di Novecento di Baricco (link); descrive il momento in cui uno dei passeggeri della nave con destinazione Stati Uniti ne avvista per primo le coste e, tutto orgoglioso, ne dà notizia agli altri.
    Guarda l'America come se lui stesso avesse costruito quel Paese con le sue mani, con la fierezza di un appassionato di bricolage che all'inizio avesse in mente di fare un oggetto modesto (con il compensato) ma, preso dall'estro e dall'entusiasmo, avesse finito per fare qualcosa di grandioso.

    "Gli ha preso un po' la mano" qui significa "si è fatto prendere un po' la mano", che è un'espressione idiomatica (farsi prendere la mano = lasciarsi trascinare da qualcosa che si ama fare, facendola più a lungo e/o con maggior impegno del previsto).

    P.S.: Ciao, Oh Bice.:) Scusa, ho visto il tuo post solo ora, avendo tenuto a lungo in sospeso il mio, prima di inviarlo.
     
  4. giovanni1986 New Member

    CHina-chines
    grazie mille!i
     
  5. giovanni1986 New Member

    CHina-chines
    grazie per il suo aiuto
    con la fierezza di un appassionato di bricolage che all'inizio avesse in mente di fare un oggetto modesto (con il compensato) ma, preso dall'estro e dall'entusiasmo, avesse finito per fare qualcosa di grandioso.
    quella parte non mi è molto chiaro (non rirsco a complenderla bene.).
    . La sera, dopo il lavoro, e le domeniche, si era fatto aiutare dal cognato, muratore, brava persona... prima aveva in mente qualcosa in compensato, poi... gli ha preso un po' la mano, ha fatto l'America..."
    ma....qualle relazione con la prima parte??

    grazie
     
  6. oh bice Senior Member

    Trezzo sull'Adda
    Italiano
    Proviamo a spiegare. Siamo su una nave diretta in America. Arrivati vicino alle coste , uno dei passeggeri vede l'America, cioè vede per primo i lembi di terra del continente americano. Si gira, lo dice ai compagni di viaggio e poi rimane lì. Rimane immobile con la faccia di uno che aveva costruito l'America. Con la faccia di un eroe, non soltanto di uno che ha visto il continente, ma che lo ha letteralmente creato. E' una fantasia gigantesca, questa, non è realtà. A partire da "La sera, dopo il lavoro..." lo scrittore descrive una situazione fantastica, una specie di sogno in cui la persona che per prima ha visto l'America dalla nave si immagina che la sera, come hobby, e le domeniche, facendosi aiutare magari dai suoi parenti, anziché costruire per esempio un garage, oppure sistemare un sottotetto, si è messo lì, gli ha preso un po' la mano (cioè le cose gli sono cresciute in mano senza che in realtà lui lo volesse, è stato un crescere di un'urgenza, di una volontà più forte di lui) e ha fabbricato un intero continente, l'America. In italiano diremmo che è un iperbole.
    Ciao (spero di non averti confuso ulteriormente. Non è un testo facile).
    :)
     
  7. VogaVenessian Senior Member

    Venezia
    Italiano
    Ciao Giovanni 1986

    Con la fierezza di un appassionato di bricolage che all'inizio avesse in mente di fare un oggetto modesto (con il compensato) ma, preso dall'estro e dall'entusiasmo, avesse finito per fare qualcosa di grandioso.
    quella parte non mi è molto chiaro (non rirsco a complenderla bene).

    Hai mai provato a fare del bricolage? Prendi il tuo seghetto, un po' di legno compensato, chiodi, colla e cominci a tagliare ecc. Nei tuoi progetti vuoi fare una scatoletta molto modesta per metterci dentro, che so? ...delle monetine. Ti accorgi, lavorando, che la scatoletta viene proprio bene (tagli rettilinei, i pezzi combaciano perfettamente, ecc.). Perchè non fare, invece della scatoletta, un piccolo scrigno per gli oggetti preziosi? Perchè non intagliare anche le iniziali sul coperchio? Così, alla fine, invece di una rozza scatoletta, esce dalle tue mani un piccolo forziere, foderato di velluto rosso. Proprio un bell'oggetto! Degno di essere esposto al Louvre!
    Ecco: preso dall'entusiasmo hai fatto qualcosa di grandioso! Ti è chiaro adesso?

    La sera, dopo il lavoro, e le domeniche, si era fatto aiutare dal cognato, muratore, brava persona... prima aveva in mente qualcosa in compensato, poi... gli ha preso un po' la mano, ha fatto l'America..."
    ma....qualle relazione con la prima parte??

    Esattamente come sopra: preso dall'entusiasmo ha fatto qualcosa di grandioso! Addirittura ha fatto l'America. Ovviamente è una iperbole, detta con affettuosa ironia.

    PS) Mi scuso verso chi riterrà che potevo dire la stessa cosa con molte meno parole.
     
  8. Connie Eyeland

    Connie Eyeland Senior Member

    Brescia (Italia)
    Italiano
    Ciao, Giovanni.
    Vedi se con le ulteriori e dettagliate spiegazioni di Oh Bice e Voga riesci a capire il senso di quel brano; in caso contrario, visto che sei solo all'inizio del libro, ti consiglio di passare ad un romanzo scritto in modo più lineare; quello che stai leggendo, a causa delle costruzioni usate, non è molto semplice, a meno che non si abbia una conoscenza dell'italiano di livello piuttosto avanzato.;):)
     
  9. elemika Senior Member

    Moscow
    Russian
    Buongiorno,
    resto un po' perplessa sull'uso dell'espressione già discussa:
    il significato è chiaro, ma come si dice:

    mi sono fatto/a prendere la mano (clic #7),
    questo va bene, ma poi:

    mi è presa la mano (clic #2)
    o
    mi ha preso la mano (come nel testo originale)?

    Grazie
     
  10. Necsus

    Necsus Senior Member

    Formello (Rome)
    Italian (Italy)
    Ciao, Elemika. :)
     
  11. elemika Senior Member

    Moscow
    Russian
    Ciao, Necsus :),
    grazie!

    Sarebbe giusto interpretare questo modo di dire così:

    "[la faccenda] ha preso la mano a me"
    oppure "...ha preso la mia mano"?
     
  12. Necsus

    Necsus Senior Member

    Formello (Rome)
    Italian (Italy)
    Prego! Continuo con i simboli. E ti aggiungo la definizione del Treccani:
    prendere la m., di cavallo che non obbedisce alle redini e, fig., di persona che, essendo in posizione subalterna, approfitta della mitezza di un superiore, prendendo il sopravvento, o di situazione che sfugga al controllo.
    Ma attenzione, perché può avere anche quest'altro significato:
    fare, o farsi, la m. (prendere la m.), acquistare pratica a un lavoro, a un esercizio qualsiasi.
     
  13. elemika Senior Member

    Moscow
    Russian
    Grazie ancora!

    :)
     
  14. alfaalfa

    alfaalfa Senior Member

    Italia
    italiano
    Mi suona un po' forzato.

    E ancora,
    = sposare.
     
  15. Necsus

    Necsus Senior Member

    Formello (Rome)
    Italian (Italy)
    Ciao, αα.
    Elemika voleva sapere come era da interpretare il 'mi', non è una versione alternativa utilizzabile. :)
    Questa sì che mi sembra un po' forzata, come interpretazione. Nel significato di sposare, la mano si può chiedere o concedere, non credo che si possa prendere. Almeno oggigiorno. E almeno nell'uso attuale della lingua. ;)
     
  16. elemika Senior Member

    Moscow
    Russian
    Sì, esatto. Cercavo di capire chi o che prendeva la mano (e a chi ) :eek:
     
  17. oh bice Senior Member

    Trezzo sull'Adda
    Italiano
    Ciao Nescus. Niente contro Treccani, ci mancherebbe, ma il distinguo tra "prendere la mano" e "farsi prendere la mano" che viene fatto qui (http://dizionari.repubblica.it/Italiano/P/prendere.php, al punto 26) mi sembra valido.
    p
     
  18. Necsus

    Necsus Senior Member

    Formello (Rome)
    Italian (Italy)
    Ciao, oh.
    Be', sinceramente non mi sembra che le definizioni dei due vocabolari siano in contrasto, riporto per comodità quelle del Gabrielli da te citato:
    ||
    Prendere la mano, di cavallo, sfuggire al controllo; estens. sottrarsi al controllo di qualcuno
    || Farsi prendere la mano da qualcosa, lasciarsene travolgere: si è fatto p. la mano dal gioco.
    E ricordo quella del Treccani:
    || prendere la mano, di cavallo che non obbedisce alle redini e, fig., di persona che, essendo in posizione subalterna, approfitta della mitezza di un superiore, prendendo il sopravvento, o di situazione che sfugga al controllo.

    A mio avviso cambia solo il punto di vista: un cavallo, una persona, una situazione prendono la mano a qualcuno, oppure qualcuno si fa prendere la mano da un cavallo, una persona, una situazione. :)
     
  19. oh bice Senior Member

    Trezzo sull'Adda
    Italiano
    Proabilmente hai ragione. Adesso che la leggo girata in questo modo non vedo grosse differenze. Nella mia testa rimane la sensazione che "farsi prendere la mano" abbia una sfumatura positiva... probabilmente dipende dal contesto di questo specifico thread (si è fatto prendere la mano e ha costruito qualcosa di grande, di bello).
    Ciao :)
    p
     

Share This Page