if I weren't absolutely sure that you would do it with pleasure.

Discussion in 'Italian-English' started by brian, Apr 3, 2008.

  1. brian

    brian Senior Member

    Montréal
    AmE (New Orleans)
    Ciao amiciiiii,

    sto scrivendo un'email abbastanza importante ed eccomi di nuovo ai vostri piedi. :D Vorrei gentilmente che qualcuno controlli la seguente frase, sopratutto i tempi/modi dei verbi. Il contesto: sto chiedendo per l'ennesima volta alla mia professoressa di scrivermi una raccomandazione, ma visto che lei purtroppo non è molto brava alla tecnologia non so se abbia visto le mie altre lettere o se lei non sia riuscita a rispondermi... non lo so. :confused:

    Avrei già chiesto a qualcun'altro di farlo se non volessi che TU e solo tu me la scrivessi, o se non fossi sicurissimo che me l'avresti fatto volentieri.

    Mi chiedo se suoni meglio "scriva." E poi non sono sicuro se siano più addatti "farla" e "l'avresti fatta" per riferirsi alla lettera/email (che è femminile) invece che allo scriverla/all'azione di scriverla (che è maschile).

    Ecco la versione inglese:

    I would've already asked someone else to do it if I didn't want YOU and only you to write it for me, or if I weren't absolutely sure that you would do it for me with pleasure/willingly.

    Grazie come sempre. :)
     
  2. Necsus

    Necsus Senior Member

    Formello (Rome)
    Italian (Italy)
    Hi, Brian. Here is my suggestion:
    "avrei già chiesto a qualcun altro di scriver(me)la, se non volessi che sia / se non avessi voluto che fossi proprio TU a farlo, o se non avessi la certezza che per te sarà / è un piacere"
     
  3. brian

    brian Senior Member

    Montréal
    AmE (New Orleans)
    Grazie, Necsus. Sei proprio un genio. :)
     
  4. Necsus

    Necsus Senior Member

    Formello (Rome)
    Italian (Italy)
    Grazie a te per aver apprezzato. Fa piacere sapere di essere stati di qualche aiuto. :)
     
  5. giovannino

    giovannino Senior Member

    Italy
    Italian
    Ho qualche dubbio su quel sia. Non si dovrebbe usare fossi?
    C'è una discussione su un problema di concordanza dei tempi molto simile qui

    La cosa che non capisco è che nella traduzione di Necsus il congiuntivo presente dopo volessi non mi suona male. Allora perché suona sbagliato in altre frasi molto simili?

    Se volessi che lo sappia sapesse glielo direi io stesso

    :confused:
     
  6. Leo57 Senior Member

    Yorkshire
    UK English
    Ciao Giovannino
    Although I can't possibly enter into a discussion about the use of the Italian subjunctive, in my grammar book it says:

    Note that the only forms of the subjunctive that may be used after se are the imperfect or the pluperfect. The present subjunctive is never used after se.
    ( Also: After se never use the present conditional or past conditional.)

    Ciao
    Leo:)
     
  7. Paulfromitaly

    Paulfromitaly MODerator

    Brescia (Italy)
    Italian
    A orecchio direi anche io fossi.
     
  8. giovannino

    giovannino Senior Member

    Italy
    Italian
    Hi Leo:)

    What your grammar book says only applies to hypothetical sentences:

    Se lo sapessi te lo direi
    Se l'avessi saputo te l'avrei detto

    However the present subjunctive and the conditional are indeed used after se in some other cases, for example after non so se, mi chiedo se:

    Non so se sia possibile
    Mi chiedo se mi sarei comportato allo stesso modo al suo posto

    The issue in the sentence being discussed is different: can the present subjunctive be used after se volessi che?
     
  9. Leo57 Senior Member

    Yorkshire
    UK English
    Hi Giovannino (I had a feeling I should have kept quiet!!)

    Yes, of course it does and I should have pointed this out; before the “quoted” sentence it says:

    "Se clauses are usually used to express contrary-to-fact or uncertain conditions. For such clauses there is a specific sequence of tenses to be followed."

    Main Clause ……………………………Se Clause
    Present indicative………………….. > present indicative
    Future ……………………………………..> future
    Conditional (present)……………… >Imperfect subjunctive
    conditional perfect ………………….> pluperfect subjunctive

    Then it says: "Note that the......"

    I have written this out to avoid any confusion for anyone learning Italian. A grammar book will only take us so far, but this forum is invaluable.

    Ciao
    Leo :)
     
  10. fitter.happier

    fitter.happier Senior Member

    Naples, Italy
    Italian
    Sono d'accordo, ma non saprei dire esattamente perché.
    Personalmente userei "fossi".
     
  11. Necsus

    Necsus Senior Member

    Formello (Rome)
    Italian (Italy)
    Io ovviamente la vedo in modo diverso rispetto agli ultimi interventi, altrimenti non avrei consigliato a Brian la versione con 'sia'.
    Provo a illustrare perché.
    Francamente mi è ignoto il motivo per cui sia previsto il congiuntivo imperfetto nella protasi del periodo ipotetico della possibilità o dell'irrealtà quando è riferito al momento in cui si parla o si scrive, cioè al presente, ma mi pare chiaramente una convenzione, perché una cosa è certa, non può essere riferito al passato, infatti in quel caso la regola prescrive il congiuntivo trapassato.
    Ora, se nella proposizione reggente, che in questo caso è appunto anche la protasi di un periodo ipotetico, è usato un tempo verbale che pur essendo di norma annoverato tra i tempi storici, per motivi che mi sfuggono descrive in questo caso una condizione che si verifica nel presente, non vedo per quale ragione si dovrebbe concordare al passato il tempo della dipendente (la cui concordanza risponde invece alla norma di contemporaneità, anteriorità o posteriorità), qualora si svolga in contemporaneità o non se ne voglia sottolineare una pur leggera posteriorità rispetto alla reggente. A mio modo di vedere il congiuntivo imperfetto è da usarsi nella dipendente, qui come tempo storico effettivo, se la reggente (sempre anche protasi di p.i.) è riferita al passato e quindi costruita con il congiuntivo trapassato.
    Ribadisco dunque il mio suggerimento a Brian per la lettera (ormai già recapitata, immagino):
     
  12. Cnaeius

    Cnaeius Senior Member

    Verona
    Italian, Italy
    Forse l'unica volta che mi trovo a dissentire con Necsus..
    "avrei già chiesto a qualcun altro di scriver(me)la, se non volessi che fossi / se non avessi voluto che fossi stato proprio TU a farlo, o se non avessi la certezza che per te sarà / è un piacere"

    E' ciò perchè volere è un verbo volitivo e introduce un desiderio ed il desiderio è seguito da un congiuntivo appunto volitivo:

    Voglio che tu faccia/ abbia fatto (cont,ant)
    Volevo che tu facessi/ avessi fatto (cont, ant)

    Però e' interessante notare cosa succede con questi verbi con il condizionale nella reggente:

    Vorrei che tu facessi/avessi fatto (e non faccia o abbia fatto)

    Se torniamo un po' indietro alle origini vediamo che in latino questa frase si sarebbe tradotto con un cong imperfetto in reggente e subordinata "vellem faceres/fecisses", mancando il condizionale: ed è questo il motivo secondo cui in italiano si usa il cong imperfetto con "vorrei". Quindi capiamo già cosa succede se aumentiamo di un grado la subordinazione, mettendo volere in un periodo ipotetico e appiccicandoli una subordinata "se non volessi che fossi". Il volere al cong imperfetto si tira dietro un'altro imperfetto: è un fossile (come lo è "vorrei che tu facessi") dell'uso latino dei verbi volitivi, motivo per cui a tanti suona stonato il "sia"
    Ciao
     

Share This Page