1. The WordReference Forums have moved to new forum software. (Details)

In camera mia, nella loro camera?

Discussion in 'Solo Italiano' started by kokosz1975, Apr 28, 2013.

  1. kokosz1975 Junior Member

    polski
    Potreste aiutarmi con un dubbio che ho? Come si usa l'articolo determinativo con le parole tipo: casa, camera con gli aggettivi possessivi e le preposizioni ? Ho visto/sentito "in camera mia" ma anche "nella loro camera".
     
  2. EdenMartin Senior Member

    Italian - Italy
    Puoi dire anche "nella mia camera" e "in camera loro". Sono espressioni equivalenti.
     
  3. kokosz1975 Junior Member

    polski
    Grazie mille:). E la parola "casa"? Posso invitare i miei amici "alla mia casa"?
     
  4. EdenMartin Senior Member

    Italian - Italy
    L'espressione è "a casa mia, a casa tua, a casa sua", ecc.
     
  5. kokosz1975 Junior Member

    polski
    Grazie, EdenMartin! Sei un simpaticone.:) Adesso tutto è chiaro.
     
  6. Connie Eyeland

    Connie Eyeland Senior Member

    Brescia (Italia)
    Italiano
    Ciao.:)
    Come puoi vedere, se il possessivo è collocato dopo il nome, la preposizione "in" è semplice, mentre se il possessivo precede il nome, la preposizione "in" è articolata (nella).
    Se nell'altro esempio, quello con casa, usi sempre la preposizione "in", vale la stessa cosa: in casa [mia-tua-sua-nostra-vostra-loro] / nella [mia-tua-sua-nostra-vostra-loro] casa.
     
  7. kokosz1975 Junior Member

    polski
    Connie Eyeland,
    Molto grato per la tua risposta.:)


    Mi chiedo, comunque, se la tua spiegazione valga per i sostantivi di ogni genere. O forse vale solo con un gruppo di preposizioni.

    Oggi ho letto : " Al posto tuo(...)" e " Al tuo posto (...)".

    Ho sfogliato tutti i libri di grammatica che ho a mia disposizione e rimango ancora confuso.

    Se c'è qualcuno che conosce una regola e mi vorrebbe aiutare....

    Grazie:)
     
    Last edited: May 12, 2013
  8. oh bice Senior Member

    Trezzo sull'Adda
    Italiano
    Non so se c'è una regola, temo ci si debbe fare un po' l'orecchio.
     
  9. Connie Eyeland

    Connie Eyeland Senior Member

    Brescia (Italia)
    Italiano
    Ciao, Kokosz.:)
    La cosa non dipende dalle preposizioni, ma da specifici sostantivi, come "camera" e "casa", che hanno l'articolo quando l'aggettivo possessivo li precede ("questa è la mia camera/casa") e invece non ce l'hanno quando li segue ("questa è camera/casa mia"); di conseguenza, tutte le preposizioni sono articolate se utilizzate nella prima costruzione e invece semplici nella seconda:

    [di/a/da/in/con/su/per/tra/fra] casa mia
    [della/alla/dalla/nella/con la/sulla/per la/tra la/fra la] mia casa

    La stessa cosa vale quando sono preceduti da preposizioni improprie: es. [sopra/sotto/senza/presso/ecc.] [casa mia/la mia casa]

    A me pare che "casa" e "camera" siano gli unici due sostantivi che si comportano in questo modo; e questo testo parrebbe confermarlo.

    C'è poi il sostantivo "vita", che mantiene l'articolo sia che il possessivo lo preceda o lo segua ("la mia vita" / "la vita mia"), ma quando abbinato alla preposizione "in", mantiene l'articolo nella prima costruzione ("nella mia vita") mentre lo perde nella seconda ("in vita mia", locuzione idiomatica che significa "in tutta la mia vita"); la variante "nella vita mia" non è impossibile, ma è utilizzata esclusivamente in contesti poetici o in alcune parlate regionali (non è standard).

    Altri casi particolari sono i nomi di parentela: in generale, si omette l'articolo quando gli aggettivi possessivi (tutti tranne "loro") precedono i nomi di parentela singolari, purché non si tratti di diminutivi/vezzeggiativi o siano accompagnati da un aggettivo qualificativo: Questa è la loro sorella/ Questa è mia sorella/ Queste sono le mie sorelle/ Questa è la mia sorellina/ Questa è la mia cara sorella/ Questa è la mia sorella prediletta.
    In merito a questo specifico argomento esistono altre discussioni che puoi consultare.

    Eccezioni a parte, in linea generale i sostantivi hanno l'articolo possessivo davanti, preceduto dall'articolo; es. la mia bicicletta/ la mia auto/ il mio cane/ ecc. (e anche se si dovesse spostare il possessivo dopo il sostantivo, cosa che si fa quasi solamente in poesie/canzoni o in alcune parlate regionali, l'articolo viene comunque mantenuto: la bicicletta mia/ l'auto mia/ il cane mio/ ecc.). Il tuo esempio (al tuo posto/ al posto tuo) lo conferma.
     
    Last edited: May 13, 2013
  10. kokosz1975 Junior Member

    polski
    oh, bice - tante grazie per la correzione.

    Connie Eyeland- non so come esprimere la mia gratitudine per la spiegazione. Molte, molte grazie.:)
    Saluti!
     
  11. Anaiss

    Anaiss Senior Member

    Venezia
    Italiano - Veneto
    Probabilmente non è una forma standard, ma mi è capitato di sentire di sentire anche "in macchina mia":
    Ti accompagno in macchina mia per dire Ti accompagno in macchina/con la mia macchina.
     
  12. Connie Eyeland

    Connie Eyeland Senior Member

    Brescia (Italia)
    Italiano
    Prego, Kokosz. Sono lieta di esserti stata utile.:)

    Avevo dimenticato di segnalarti che nelle esclamazioni il possessivo si mette sempre dopo il sostantivo e non si usa mai l'articolo: Piacere mio!/ Bontà [sua/loro]!/ [Amore/Amico/Figlio/ecc.] mio!

    Di seguito altri casi particolari che mi sono venuti in mente nel frattempo:

    - espressioni idiomatiche (sottolineate negli esempi) cristallizzatesi con il possessivo posposto al sostantivo e sempre senza articolo:

    E' merito mio/ E' successo per merito mio/ E' colpa mia/ E' successo per colpa mia/ Questo regalo è da parte mia/ Per parte mia, sarei d'accordo/ Ho fatto di testa mia/ In cuor mio sapevo di aver ragione/ L'ho fatto per amor tuo


    - le espressioni "Quello è uno che sa il fatto suo" e "Pace all'anima sua", che per posizione del possessivo sono simili alle precedenti, hanno l'articolo;

    - espressioni idiomatiche (sottolineate negli esempi) cristallizzatesi con il possessivo preposto al sostantivo e sempre senza articolo :

    L'ho fatto di mia iniziativa/ E' mio dovere mantenere la famiglia/ Sto raccogliendo prove a mia discolpa/ Hai agito a mio discapito/ Qui non mi trovo a mio agio/ A tuo dire, questo documento sarebbe falso/ A mio giudizio, questo documento è falso/ L'ho scritto di mio pugno/ L'ho completato di mia mano/ Farò tutto ciò che è in mio potere/ Sto bene in tua compagnia
    (sicuramente questa lista non è completa, ma al momento non mi sovviene altro);

    - l'espressione "per mano mia"/"per mia mano" (es. "Non morirà [per mano mia/per mia mano]"), che può avere il possessivo sia prima che dopo il sostantivo, ma sempre senza articolo.

    N.B.: In tutti gli esempi sopra ho quasi sempre usato il possessivo "mio", ma queste costruzioni rimangono invariate con tutti i possessivi.

    Qui puoi trovare ulteriori spunti sull'argomento.
     
    Last edited: May 14, 2013
  13. gams Junior Member

    Slovenian
    Salve a tutti!

    Ho letto diverse discussioni ma ancora non sono sicura quando utilizzare preposizione semplice e quando quella articolata. Esiste qualche regola?

    Vi propongo alcuni esempi:

    • che cosa fai IN soggiorno / NEL soggiorno?
    • che cosa fai IN bagno / NEL bagno?
    • Che cosa fai IN cucina / NELLA cucina?
    • Che cosa fai IN sala da pranzo / NELLA sala ...?
    • Che cosa fai IN camera da letto / NELLA camera ...?
    • Che cosa fai in studio / NELLO studio?


    In alcuni frasi userei IN, in altre invece userei la preposizione articolata.

    Grazie per l'aiuto!

    Gams
     
  14. sarnico New Member

    Bergamo, Italia
    Serbian
    @Gams
    Secondo me ci vuole tempo e pazienza per superare queste cose, ma dopo la spiegazione di Connie Eyeland me le sembrano più chiare.


    @Connie Eyeland
    Grazie mille!
     
  15. francisgranada Senior Member

    Slovakia
    Hungarian
    Secondo me, senza l'articolo si tratta piuttosto di una situazione/concetto generale, per esempio:
    Che cosa fai IN cucina? - più o meno nel senso "cosa fai (in genere, di solito ...) quando sei/ti trovi nella cucina?"
    Che cosa fai NELLA cucina? - situazione più concreta, p.e. "Cosa fai ancora nella cucina? Devi andare al lavoro ..."

    (Aspettiamo le opinioni dei madrelingua ....)
     
  16. Nino83 Senior Member

    Italian
    Più che altro la tendenza è la seguente.
    Quando si parla in generale la preposizione non è articolata.

    Ad esempio:
    Un cuoco passa molto tempo della sua giornata in cucina.
    Lo spazzino passa molto del suo tempo in strada.

    Però questo procedimento non è reversibile. Quando si parla di una camera specifica si tende ad utilizzare sia la preposizione articolata sia quella semplice.

    Le chiavi sono in cucina/nella cucina, sul tavolo accanto al frigo. (Stiamo parlando della cucina di casa nostra, è sottinteso).

    Se, però, segue una preposizione o un pronome relativo che specifica di che camera si parla, l'articolo determinativo è d'obbligo.

    La bicicletta è in garage.
    La bicicletta è nel garage di tuo zio. --> Preposizione di.
    In palestra c'è un personal trainer molto competente.
    Nella palestra di cui ti ho parlato c'è un personal trainer molto competente. --> Pronome relativo di cui.

    Se qualcosa non è chiaro chiedete pure.

    Saluti
     
    Last edited: Jan 10, 2014
  17. Sempervirens Senior Member

    italiano
    Ciao, Nino! Colgo l'occasione per porti un'ennesima domanda. Permetti? Credo che sia attinente al discorso. Se non lo è allora mi scuso anzitempo;non è certo mia intenzione intralciare il lavoro encomiabile dei moderatori.

    Passiamo alla domanda, sempre se mi sia permesso di porla.
    Come ti comporteresti nel caso dei seguenti sostantivi, tutti usati come complementi di stato in luogo?

    Prendi per esempio cameretta e cucinotto, oppure studiolo e stanzetta. Non ti verrebbe di usare la preposizione semplice con il primo e quella articolata con gli altri? In cameretta; nel cucinotto; nello studiolo; nella stanzetta.

    Sono tutti nomi alterati. come possiamo dedurre. Eppure...

    Ciao. S.V
     
    Last edited: Jan 11, 2014
  18. Nino83 Senior Member

    Italian
    Ciao Sempervirens.
    Si, userei anch'io le stesse preposizioni. Potremmo dedurre che con diminuitivi, vezzeggiativi ecc.. la preposizione articolata è più utilizzata che altrove.

    Altro esempio, cittadella. Va in città. Va nella cittadella.

    Comunque in linea generale, consiglierei agli studenti stranieri di privilegiare (quando vi è un dubbio) la preposizione articolata visto che sono meno frequenti i casi in cui si utilizza esclusivamente quella semplice.
     
    Last edited: Jan 11, 2014
  19. Sempervirens Senior Member

    italiano
    Grazie nino! Ecco, forse la tua soluzione potrebbe essere drastica ma determinante. Non contravverrebbe alla comune usanza di mettere l'articolo (a parte le centinaia di locuzioni avverbiali o di altro tipo, formatesi con o senza l'articolo) con i nomi comuni.

    Altra soluzione, per coloro ai quali non dispiace di dare un tocco alla prosa, è quello di aggiungere un aggettivo al nome, specialmente se serve a descrivere meglio ciò di cui stiamo parlando. Ecc.

    S.V
     
  20. Nino83 Senior Member

    Italian
    Esatto Semper, dimenticavo.
    Anche con i sostantivi seguiti (o preceduti) da uno o più aggettivi l'articolo è d'obbligo.
    Es. Va nella città vecchia.

    L'unico modo, per uno straniero, di essere sicuro circa l'uso o meno l'articolo è quello di studiare "liste" di sostantivi oppure di guardare volta per volta sul dizionario (oppure chiedere qui, sul forum).
     

Share This Page