la/le prende una voglia

Discussion in 'Solo Italiano' started by cunegonde, May 6, 2011.

  1. cunegonde Junior Member

    Milano
    Italian
    Ciao a tutti,

    sarà l'ora tarda, ma stavo scrivendo e mi è venuto un dubbio:
    'abbandona il proposito di leggere e subito la/le prende una voglia irrefrenabile di allungare la mano verso il telefono...'

    così, per logica, mi sembra che l'espressione 'prendere la voglia' regga il complemento oggetto, e quindi io direi: 'la prende una voglia'. Però ho in mente anche che si usa dire 'le è presa la voglia', usando la forma impersonale del verbo. Sono corrette entrambi? Se sì, quali differenze di significato trovate?

    Grazie :)
     
    Last edited: May 15, 2011
  2. Necsus

    Necsus Senior Member

    Formello (Rome)
    Italian (Italy)
    Direi proprio 'la prende'. Dal Treccani:
    i. Con riferimento ad affezioni fisiche o morali, impossessarsi improvvisamente di una persona e dominarla: lo prese il freddo, una improvvisa sensazione di gelo; spesso al passivo: essere preso dal freddo, dalla febbre, dal male; essere preso dal sonno, dall’ebbrezza. Con riferimento a sentimenti violenti: lo prese una gran paura, la smania, un forte sdegno, una grande irritazione.
     
  3. One1 Senior Member

    Italiano
    Che ne pensa la Treccani di: "gli prese una voglia di cantare" ?

    Sicuramente "lo prese una voglia di cantare" suona alquanto artificioso ed enciclopedico.
     
    Last edited: May 15, 2011
  4. cunegonde Junior Member

    Milano
    Italian
    Grazie a Necsus per il suo intervento tempestivo e anche a One1 per aver riaperto la questione. Sicuramente il Treccani non sbaglia, però a me il dubbio che rimane.
    Non si usa dire, ad esempio, 'ma che gli/le è preso?'
    E' un'espressione che si usa nel parlato, certo, ma è scorretta grammaticalmente?
     
    Last edited: May 15, 2011
  5. Necsus

    Necsus Senior Member

    Formello (Rome)
    Italian (Italy)
    Si usa per lo più nel parlato, sì, ma non è scorretta, se non nella scelta dell'ausiliare, che a mio avviso è avere (che cosa gli ha preso?).
    Però in questo caso prendere è usato in senso assoluto, con il significato di 'succedere all'improvviso', che è costruzione diversa da quella oggetto della discussione. E forse proprio da qui deriva il ricorso al complemento di termine nella costruzione con il soggetto espresso.
     
  6. cunegonde Junior Member

    Milano
    Italian
    grazie! ora non ho più dubbi :)
     
  7. One1 Senior Member

    Italiano
    Mah, se la metto in seconda persona, l'ausiliare avere non mi sembra molto corretto: "cosa ti ha preso?" mi fa pensare, che lo ha preso un rapitore. Meglio "cosa ti è preso?".

    Qui, in pratica, prendere ha il significato di succedere, accadere, cosa ti è accaduto? cosa ti è successo?
     
  8. Angel.Aura

    Angel.Aura del Mod, solo L'aura

    Roma, Italia
    Italian
    Ciao cunegonde,
    Per favore, ricorda le maiuscole. Qui l'ortografia è una regola (la #11).
    Grazie e buon proseguimento.

    Laura
    Moderatrice
     
  9. kreiner Senior Member

    Treccani online:
    Prendere: "Venire, capitare addosso all’improvviso: gli prese un fortissimo mal di testa; mi aveva preso una febbre altissima (cfr. anche, in questa voce, il sign. 7 b); pop., che ti prenda un accidente!; succedere: che ti prende?, che gli ha preso? (e più correttamente che gli è preso?), per esprimere stupore di fronte al comportamento strano, insolito di una persona."
     

Share This Page