1. The WordReference Forums have moved to new forum software. (Details)

maiuscole o minuscole dopo i due punti

Discussion in 'Solo Italiano' started by Chichittu, Apr 15, 2013.

  1. Chichittu New Member

    italiano
    Ciao a tutti,
    è la prima volta che entro in questo forum, e spero possiate aiutarmi a risolvere il seguente dubbio:

    dopo i due punti, seguiti dall’elencazione numerata non di parole o di frasi brevi, ma di concetti, spiegati ampiamente attraverso molte frasi separate tra loro da punti fermi (e quindi formanti dei paragrafi), è corretto iniziare la prima
    frase di ogni paragrafo numerato con la lettera minuscola ?
    Mi spiego meglio riportando un testo come esempio.

    “In questo studio sono emersi alcuni dati interessanti [...] che si possono riassumere in tre punti:
    1) il lago risulta particolarmente adatto alla sopravvivenza di specie [...] raggiungendo in entrambi i casi densità elevate. Esso presenta infatti [...] collegamento con il mare. Un’altra specie [...] adattata a i fondali sabbiosi.
    2) il ritrovamento di [...] rappresenta la prima segnalazione di questa specie per le coste italiane. Esso ha raggiunto il bacino del Mediterraneo [...] in ambienti marini. Un’altra questione [...] in atto nel Mediterraneo.
    3) la grande quantità di materiale esaminato [...]
    variabilità intraspecifica. [...]. Questo rende plausibile [...] nell’identificazione delle specie. ”

    In un testo come questo le prime frasi di ogni paragrafo numerato vanno fatte iniziare con la lettera minuscola perchè introdotte dai due punti ? oppure con la lettera maiuscola perchè la frase che le precede termina con un punto fermo ( tranne la prima) ? cioè così:
    1) il lago risulta…
    2) Il ritrovamento di…
    3) La grande quantità di…?
    Ringrazio in anticipo per la risposta.
    Un saluto cordiale
    Chichittu
     
  2. oh bice Senior Member

    Trezzo sull'Adda
    Italiano
    Il mio parere è che i punti sono comunque bruttini (quelli che chiudono ogni singola voce dell'elenco). Di solito chiudo con un punto e virgola o con niente del tutto (solo l'ultima voce dell'elenco, al limite, la chiudo con un punto). Inoltre direi che se le singole voci contengono periodi chiusi da punti (e quindi contengono al loro interno lettere maiuscole) è più elegante iniziare con una maiuscola.
    Per il resto credo che l'unica regola sia la coerenza all'interno di un testo: non può esistere (all'interno dello stesso testo) che un elenco ammetta le maiuscole e un altro no, che un elenco abbia punti in coda alle singole voci e un altro abbia punti e virgola, o virgole, o nulla...
    Si tratta (a mio modesto parere) di regole di composizione tipografica che, una volta fissate (e di solito ogni editore ha un suo modo ben codificato di comporre le pubblicazioni) non vanno tralasciate. Ma tocca a te fissarle, se l'editore sei tu, e puoi fare più o meno quello che preferisci (entro i limiti del buon senso).
    Attendi anche altri pareri. Ciao.
     
  3. Chichittu New Member

    italiano
    Grazie per aver risposto, oh bice.
    A me sembra che abbia senso chiudere con un punto e virgola le singole voci dell'elenco, quando queste sono rappresentate da singoli periodi, e non da paragrafi interi.
    Mi rendo conto che quello che ho sollevato è un problema, forse, di stile, e lo stile è qualcosa che attiene alle scelte personali di chi scrive.
    A questo punto una soluzione potrebbe essere quella di eliminare i due punti, e iniziare ogni paragrafo con la lettera maiuscola. Però non è una soluzione che mi convinca molto.
    Comunque rimango in attesa di altre risposte. Ciao.
     
    Last edited: Apr 15, 2013
  4. Connie Eyeland

    Connie Eyeland Senior Member

    Brescia (Italia)
    Italiano
    Ciao e benvenuto/a, Chichittu.:)

    La regola generale per gli elenchi sarebbe:

    1. se le voci della lista sono semplici e brevi, non si utilizza punteggiatura tra una voce e l’altra. Esempio:
    Prima di uscire indossa:
    - cappotto
    - guanti

    - sciarpa


    2. se le voci sono la continuazione della frase che introduce la lista (terminante con i due punti), si usa l'iniziale minuscola per ciascuna voce, il punto e virgola per separare l'una dall'altra e il punto a chiusura dell'ultima. Esempio:
    Prima di uscire è consigliato indossare:
    - un cappotto piuttosto pesante;
    - un paio di guanti felpati;
    - una calda sciarpa di lana.

    3. se le voci sono costituite da frasi di senso compiuto, distinte rispetto al periodo introduttivo (chiuso da un punto o da nessuna punteggiatura, come nel caso di un titolo), si usa l'iniziale maiuscola per ciascuna voce e la si chiude con il punto. Esempio:
    Come vestirsi in Norvegia
    - Si consiglia un caldo cappotto contro il gelo pungente, meglio se imbottito con piuma d’oca.
    - Per evitare geloni alle dita delle mani, è bene indossare guanti tecnici da montagna.
    - Una l
    unga e avvolgente sciarpa di lana eviterà fastidiosi colpi di freddo al collo.


    Nel Nuovo manuale di stile (Zanichelli) l'autore Roberto Lesina afferma che non esistono regole assolute per la redazione degli elenchi (ogni casa editrice stabilisce infatti le proprie), ma consiglia due metodi convenzionali alternativi che chiama "stile testo" e "stile elenco" (a cui si conforma, ad esempio, Wikipedia - vedi qui-):

    Stile testo
    - Si seguono le regole del testo corrente, dato che i singoli elementi dell'elenco fanno parte di un unico periodo ed è solo per rendere più agevole la lettura che vengono organizzati in una lista. In particolare:

    • si usa l'iniziale minuscola se la voce prosegue il periodo della frase introduttiva;
    • ogni voce termina con il segno di punteggiatura che le spetterebbe nel contesto della frase;
    • l'ultima voce si chiude con il punto.

    Stile elenco
    - Si considerano le voci come elementi informativi autonomi.

    • Ciascuna voce ha l'iniziale maiuscola.
    • Se una voce costituisce una frase di senso compiuto, è seguita dal punto.
    • Quando le voci sono semplici denominazioni o brevi termini, non sono seguite da alcuna punteggiatura.
     
    Last edited: Apr 15, 2013
  5. Paulfromitaly

    Paulfromitaly MODerator

    Brescia (Italy)
    Italian
  6. francisgranada Senior Member

    Slovakia
    Hungarian
    Ho capito, comunque dopo "Come vestirsi in Norvegia" mi manca qualche punteggiattura (se non si tratta di un titolo, ovviamente). E questo non solo dal punto di vista (diciamo) "logico", ma anche per quanto riguarda l'intonazione: non saprei bene come intonare la detta frase.
     
  7. Connie Eyeland

    Connie Eyeland Senior Member

    Brescia (Italia)
    Italiano
    Ciao, Francis!:)
    Infatti c'era scritto:
    Quindi a "Come vestirsi in Norvegia" non si aggiunge punteggiatura finale solo se è un titolo, sennò ci va un punto.
    L'intonazione, nel caso manchi il punto, sarebbe quella che si dà per esempio al titolo di un paragrafo (che di norma non ha punteggiatura finale).
     
    Last edited: Apr 16, 2013
  8. francisgranada Senior Member

    Slovakia
    Hungarian
    Hai ragione :). Ma strano ... ora vedo che la frase
    si può interpretare in due modi diversi.

    A proposito, dici che per la frase "Come vestirsi in Norvegia" ci va il punto alla fine. Ok, ma il punto interrogativo o due punti, non ci andrebbero bene in assoluto (secondo le regole) in questo caso?
     
    Last edited: Apr 16, 2013
  9. Connie Eyeland

    Connie Eyeland Senior Member

    Brescia (Italia)
    Italiano
    @ Francis:
    Hai ragione.:) Il senso per me è: ...periodo introduttivo, che sia chiuso da un punto, oppure che non abbia nessuna punteggiatura (come nel caso di un titolo).
    Il punto interrogativo andrebbe benissimo, in questo caso, data la natura della frase, introdotta da "come".
    Tra l'altro, i punti interrogativo ed escamativo si usano abitualmente anche nei titoli (al contrario del punto).

    Se alla fine di "Come vestirsi in Norvegia" metti i due punti, ricadi nel caso 2 e devi poi iniziare ciascuna voce dell'elenco con la lettera minuscola.
    In italiano le voci che seguono una frase introduttiva terminante con i due punti non hanno infatti l'iniziale maiuscola (come invece accade in inglese).
    Ecco perché i casi 1 e 2 prevedono una frase introduttiva chiusa con i due punti e voci d'elenco con iniziale minuscola.

    Gli esempi sopra utilizzati per lo stile 3 sono dati da frasi tutto sommato brevi, che volendo potrebbero quindi, in alternativa, seguire lo stile 2.
    Ma nel caso di frasi più lunghe e articolate, oppure di più frasi che compongono ciascuna singola voce, lo stile 3 sarebbe l'unica scelta sensata (cioè la più chiara). In quel caso sono previste le iniziali maiuscole per ciascuna voce e non c'è la possibilità di chiudere la frase introduttiva con i due punti.
     
    Last edited: Apr 16, 2013

Share This Page