1. The WordReference Forums have moved to new forum software. (Details)

Morirsene per qualcuno

Discussion in 'Solo Italiano' started by Lorenc, Mar 17, 2014.

  1. Lorenc Junior Member

    Italian
    Stavo dando un'occhiata ad una grammatica italiana per stranieri [R. Tartaglione, S. Nocchi, 'Grammatica avanzata della lingua italiana', Alma edizioni] alla sezione sui verbi pronominali. Alcuni degli esempi dati mi sono sconosciuti o comunque non mi suonano bene, e vorrei sapere le impressioni di altre persone. L'espressione presa dalla grammatica è in grassetto. Originariamente sono di Milano.

    Me ne morivo per quella attrice!
    Suona strana, al limite 'morivo dietro a quell'attrice'




    Grazie
     
  2. CateEffe New Member

    italiano
    Infatti è scorrettissima. "Ne" e "Me" sono di troppo, in quanto il primo è un pronome e sta per "di lei, per lei" e il secondo potrebbe essere una sorta di variante di mi (pronome riflessivo).
     
  3. pizzi

    pizzi Senior Member

    Urbìn
    Italian, Italy
    Scusa Lorenc, ci diresti l'anno di pubblicazione della grammatica in questione? Visti i freschi esempi riportati dal Treccani... ;)

    3. Nell’uso ant. e poet., è talvolta usato con la particella pron.: ella già sente Morirsi, e ’l piè le manca egro e languente (T. Tasso); anche nei sign. fig.: se ode squilla di lontano Che paia il giorno pianger che si more (Dante); io mi muoio dal desiderio di rivederla (Leopardi).
     
  4. dragonseven

    dragonseven Senior Member

    near Milan
    italiano
    :confused:
    Ciao Cate,
    perché affermi che è scorrettissima?
    La costruzione con me ne è molto usata in italiano, in due costruzioni in particolare.
    Inoltre non sono pienamente d'accordo con la tua analisi:
    me sta letteralmente per io e non per mi;
    ne è pleonastico e ha valore intensivo.

    Altri esempi per questa costruzione:
    - Me ne stavo per i fatti miei.
    - Me ne andavo per quella strada.
    - Me ne uscivo pazzo per quella scenata.

    Sono errate?

    La seconda costruzione, più usuale, dove me sta per mi inteso come a me e ne, il più delle volte, sta per di ciò:
    - Me ne rincresce/ dispiace...
    - Me ne compiacevo...
    - Me ne dispiaceva...
     
  5. CaioGiulio Junior Member

    Italiano
    Presumo che sia di origine dialettale. A Roma si dice, per esempio: "me ne moro pe 'n piatto de pasta", nel senso di "mi andrebbe da morire un piatto di pasta".
     
  6. francisgranada Senior Member

    Slovakia
    Hungarian
    A prima vista mi pare "ridondante" piuttosto la combinazione di ne + per in questo caso (e non la combinazione di ne+me) perché sia la preposizione per che la particella ne mi sembrano di riferirsi allo stesso oggetto, cioè all'attrice. Questo, secondo me, non è il caso degli esempi di Dragonseven (#4). Ma posso anche sbagliarmi ...

    Ho una domanda a proposito. Lasciando a parte la particella ne, si usa (o meglio: è correto usare) nell'italiano standard il verbo morire con pronomi riflessivi (mi muoio, si moure, ci moriamo ...) in alcuni casi?
     
    Last edited: Mar 19, 2014
  7. CaioGiulio Junior Member

    Italiano
    In effetti è ridondante. L'errore grammaticale sta nel fatto che la particella ne viene prima del soggetto (l'attrice) per cui è giocoforza ripetere il soggetto. In realtà sarebbe corretto scrivere come il Leopardi (eliminando il ne): "io mi muoio dal desiderio di rivederla". Però, ripeto, è una formula di derivazione dialettale.

    Il mi muoio è quello citato sopra dal Leopardi (riportato da Treccani). Quindi è corretto e, di conseguenza, lo è anche nella forma plurale ci moriamo anche se poi, a parte qualche dotta citazione, io non l'ho mai né sentito né letto da nessuna parte. È invece d'uso comune il "si muore" ("si muore di caldo", "in guerra si muore tutti i giorni", ecc.).
     
  8. Paolo Yogurt

    Paolo Yogurt Senior Member

    Italiano
    Difficile ricostruire una semantica dei clitici che compongono questo verbo procomplementare. La combinazione di clitici "si" + "ne" ha un generico valore intensivo, come in "andarsene" e "venirsene" (cfr. Vocabolario Treccani, "ne1", acc. 2)
     

Share This Page