1. The WordReference Forums have moved to new forum software. (Details)

né... e né...

Discussion in 'Solo Italiano' started by dancko, Jul 18, 2013.

Thread Status:
Not open for further replies.
  1. dancko New Member

    italy
    italiano
    Salve a tutti

    volevo chiedere un parere a qualcuno di voi esperto presente sul forum un dubbio che ho sulla congiunzione nè.

    In pratica volevo sapere se è proprio un errore grave scrivere due congiunzioni nè che si susseguono in una frase separate dalla congiunzione e.

    Un qualcosa del tipo: nè... e nè .....

    La frase e il contesto in cui ho usato questa forma è la seguente:

    sono mortificato ma, come le dicevo, sono stato tutta la mattina impegnato e non sono riuscito nè a leggere e nè a rispondere alle email.

    Volevo sapere gentilmente se scrivere in questo modo è proprio un errore e se si quanto è grave.

    grazie in anticipo.
     
  2. stella_maris_74

    stella_maris_74 Mod About Chocolate

    Rome
    Italian - Italy
    Ciao :)
    Innanzitutto occorre dire che l'errore sta nello scrivere "nè" con l'accento grave, in quanto la grafia corretta è ;)
    Venendo alla tua specifica domanda, più che sbagliato è ridondante associare "e" con "né" in una frase come quella che proponi, che funziona meglio senza quella "e" di troppo:

    ...sono stato tutta la mattina impegnato e non sono riuscito né a leggere né a rispondere alle email.

    Secondo me, comunque, anche il primo "né" può essere omesso:

    ...sono stato tutta la mattina impegnato e non sono riuscito a leggere né a rispondere alle email.

    La frase risulta al mio orecchio più scorrevole con questa "economia" di congiunzioni :)
     
  3. dancko New Member

    italy
    italiano
    Ciao :)

    Grazie sei stata chiarissima.
     
  4. infinite sadness

    infinite sadness Senior Member

    sicilia
    bilingue siciliano-italiano
    Secondo me la ragione per cui non si può scrivere "e né" è più semplice: la parola né significa "e non" (dal latino nec, neque), per cui equivarrebbe a scrivere "e e non".
     
  5. Connie Eyeland

    Connie Eyeland Senior Member

    Brescia (Italia)
    Italiano
    Esatto, Infinite.:) E' quella la ragione! :thumbsup:
    Stella ha detto che la presenza della congiunzione "e" accanto a "né" è ridondante, cioè di troppo (appunto perché costituisce una ripetizione), quindi mi pare che sostanzialmente non stiate dicendo cose diverse e mi associo anch'io.
    Aggiungo, per rispondere all'ultima domanda di Dancko, che se vuole ben parlare e scrivere non deve usare la "e" davanti a "né" (a scuola verrebbe infatti sicuramente corretta come errore), ma gli errori gravi sono altri (es. di schema orientativo per la valutazione di gravità dei più comuni errori in italiano).
     
  6. infinite sadness

    infinite sadness Senior Member

    sicilia
    bilingue siciliano-italiano
    Uhm... ho letto quello schema orientativo e... non mi sembra molto affidabile... non so... una guida per evitare gli errori che contiene errori... boh...
     
  7. Connie Eyeland

    Connie Eyeland Senior Member

    Brescia (Italia)
    Italiano
    Ciao, Infinite. E' uno schema indicativo usato in ambito didattico che ho postato tanto per far capire a Dancko quali sono gli errori gravi, dato che si preoccupava che il suo "e né" lo fosse. Nello schema vedo solo un d'altronde presente tra i possibili errori ortografici, che non dovrebbe esserci perché è invece la forma corretta. Non vedo altri errori, come tu dici. (Ma siccome questo non è l'argomento dell'OP, contattami semmai in privato per proseguire la discussione in merito).
     
  8. Anja.Ann

    Anja.Ann Senior Member

    Lombardia
    Italian
    Connie, mi perdonerai, ma sono completamente d'accordo con IS [ciao, Fabrizio :)] e, dal momento che "pubblichi" uno schema consultabile da chi madrelingua italiano non è, mi pare doveroso precisare che nutro forti dubbi sulla bontà delle valutazioni in esso contenute.
    Chi avrebbe mai stabilito che sbagliare accenti e apostrofi sia meno grave che sbagliare "le doppie" o scrivere "scuola" con la "q"?!
    sarebbe una frase con lievi errori ortografici secondo quello schema ... a casa mia "rè" :cross: o "eccezzione" :cross: " ... "perche" :cross: o "squotere" :cross: sono tutti errori gravi ... diciamo pure che, presi a coppie, fanno un bel 4.
     
  9. Connie Eyeland

    Connie Eyeland Senior Member

    Brescia (Italia)
    Italiano
    Ciao, Anja.:)
    Che gli errori non abbiano tutti la stessa gravità mi sembra talmente ovvio che mi fa specie trovarmi a scriverlo qui. Una volta erano classificati come "errori rossi" (veniali) e "errori blu" (gravi); tuttora è così in molte scuole per la valutazione delle versioni latine (link). Di fatto qualsiasi insegnante d'italiano considera più grave l'errore di ho/hai/ha senz'acca rispetto a *rè con l'accento.
    Ovviamente conta anche la quantità di errori in un compito, ma qui si sta parlando del valore di un singolo errore rispetto ad un altro.
    Al di là di ciò, lo schema che ho linkato voleva solo essere un'indicazione generale, come ho già scritto, per far vedere all'OP che il suo errore non era grave. E' uno schema redatto da un singolo istituto superiore, che non ha quindi validità universale, anche se in linea generale i parametri possono essere grosso modo simili anche altrove.
     
  10. Sempervirens Senior Member

    italiano
    Ciao! Come Toscano bado molto alla distinzione delle vocali aperte e chiuse E e O. Quindi mi impressionerebbe di più non tanto quella congiunzione E messa lì accanto , ma quel né pronunciato nè:warn:, sulle orme dei tanti perchè:warn: ( qui ,persino in questo forum di lingua italiana potrai contarne a bizzeffe!).

    Spesso uno che non fa tanto caso a tale differenza ( quando effettivamente la differenza è avvertibile) tende a trascrivere ciò che sente e pronuncia egli stesso.

    Ho come l'impressione - ma spero di sbagliarmi - che gli errori di accentazione siano meno sorvegliati al Settentrione che non nel Centro-Italia. Ben vengano le smentite!:)
     
  11. Connie Eyeland

    Connie Eyeland Senior Member

    Brescia (Italia)
    Italiano
    Ciao, Semper.:)
    Dipende: se l'OP si riferisce ad un manoscritto, in quel caso gli accenti di solito si fanno in modo univoco, senza distinzione tra acuti e gravi (solo nei compiti di francese, dove la differenza è fondamentale, si distinguono graficamente gli accenti). Tu distingui tra accenti acuti e gravi scrivendo a mano in italiano?
    Se invece si riferisce ad un testo prodotto al computer, allora si bada al verso dell'accento. Ma quello lo conosce perlopiù chi fa determinate professioni che hanno a che vedere con la scrittura; le persone comuni nella maggior parte dei casi non hanno idea di quale accento serva, per cui (senza distinzione tra Nord e Centro-Sud), si tende ad usare quella che la tastiera italiana presenta come opzione immediata (cioè "è" per la "e", mentre per la "o" esiste solo "ò").
    La differenza tra Nord e Centro-Sud nel distinguere gli accenti gravi e acuti su "e" e "o" avviene semmai nel parlato; abbiamo già trattato l'argomento in altri thread, ricordo.;)
     
  12. Sempervirens Senior Member

    italiano
    Ciao, Connie! No mi riferivo esclusivamente a quelle parole che vanno accentate nella scrittura attuale. Parlo di quelle parole come perché, caffè, tè, sé, né, è,... Non mi crederai ma quando le scrivo , ammettendo i refusi e varie ignoranze in materia, tendo ad accentarli con consapevolezza. Mi sembra invece che altrove, spostandoci verso le Alpi, si faccia a occhio o a abitudine. Ma forse mi sbaglio e la marea di perchè:warn: scritti come son scritti non è cosa di cui preoccuparsi.

    Ciao!
     
  13. Anja.Ann

    Anja.Ann Senior Member

    Lombardia
    Italian
    Ciao, Connie :)

    Una risposta un tantino elusiva

    Non è la questione in esame: gli errori grammaticali possono essere considerati più gravi degli errori ortografici (ma il caso vuole che il "tuo" schema includa gli errori grammaticali tra quelli ortografici ...) tuttavia, si stava cercando di capire perché scrivere "fà" :cross: o "citta" :cross: non sarebbe altrettanto grave che scrivere "squola" :cross:


    Be', il latino non c'entra con lo schema ;) ... Direi che dipende dall'insegnante e rimando alla puntualizzazione poco sopra. Ad ogni buon conto, sempre secondo lo schema, risulterebbe che scrivere "O comperato un aquilone" :cross: dovrebbe essere considerato un "errore grave" mentre scrivere "Alqune volte mi sento depressa" :cross:sarebbe classificato come "errore inaccettabile" ... in tutta onestà, mi sfugge la motivazione dell'affermazione.


    Be', sarebbe stato più corretto fare questa precisazione nel momento stesso in cui ti sei presa la responsabilità di consigliare lo "schema orientativo". O, forse, sarebbe bastato precisare che si tratta di uno "schema orientativo" arbitrariamente definito da un insegnante e di cui non si conoscono le reali finalità.

    Buona domenica, Connie :)
     
  14. Connie Eyeland

    Connie Eyeland Senior Member

    Brescia (Italia)
    Italiano
    Lo schema non è "mio". L'ho postato specificando che era orientativo (che ha ben altro significato che normativo) e nel post successivo ho ulteriormente specificato che era indicativo. Scrivere *"squola" non ha lo stesso peso che scrivere *"perche" e la valutazione dell'errore è dunque diversa. Se per te non è così, amen. Se hai fonti che attestano che gli errori ortografici abbiano tutti pari valore, come sostieni, condividile qui, così da arricchirci tutti.
    Io ho postato una cosa che poteva, secondo me, essere utile all'OP in linea generale. E' tuo diritto pensare che non lo sia, ma il tono polemico è fuori luogo. Buona domenica a te.
     
  15. Anja.Ann

    Anja.Ann Senior Member

    Lombardia
    Italian
    Nessuna polemica, Connie! Perché? Be', fonti attendibili a supporto del "tuo" schema, semmai, dovresti darle tu, visto che il link è tuo. :)
    Certamente, se dai credito allo schema e ritieni che scrivere "O visto :cross: che te la sei presa" sia meno grave che scrivere "E' sempre opportuno verificare il tipo di squola :cross:che si frequenta" ... sei liberissima di farlo ... meno, se mi permetti, di farlo credere agli altri.
     
  16. Paulfromitaly

    Paulfromitaly MODerator

    Brescia (Italy)
    Italian
    Il forum SOLO ITALIANO


     
Thread Status:
Not open for further replies.

Share This Page