1. The WordReference Forums have moved to new forum software. (Details)

passare di / da / per / a Roma

Discussion in 'Solo Italiano' started by luannante, Apr 26, 2011.

  1. luannante New Member

    italiano
    Nella mia ridente cittadina passerà il giro d'Italia. L'evento è ovviamente molto pubblicizzato, ma sui manifesti troneggia a caratteri cubitali la scritta : " IL GIRO D'ITALIA PASSA DA QUA"... non si dovrebbe dire ..PASSA DI QUA ..oppure PASSA DA QUI?
     
  2. piccolacoco

    piccolacoco Senior Member

    Italy - Puglia
    Italian
    Sull'uso di qui o qua, ti consiglio di leggere un altro post di WR:
    http://forum.wordreference.com/showthread.php?t=160370&langid=14

    Per quanto riguarda l'uso della preposizione semplice, di o da, "di qua" mi da il senso di moto per luogo. Quindi direi che "passa di qua" funzioni bene, anche se non credo che "da qua" sia sbagliato.
    Ma nn hoaltre idee:eek:
     
  3. piccolacoco

    piccolacoco Senior Member

    Italy - Puglia
    Italian
    Autocorrezione: Ma non ho altre idee.
     
  4. Giorgio Spizzi Senior Member

    Italian
    Non credo che se "passa da qua" non è accettabile, esso lo diventi sostituendo "qui" a "qua".
    Io direi "passa di qua/qui".
    Saluti.
    GS
     
  5. Mefite New Member

    Anch'io userei "passa da qui". Di qua lo useri se accompagnato dal per: "passa per di qua".
     
  6. Yulan

    Yulan Senior Member

    Lombardia
    Italian
    Ciao Luannante :)

    Concordo con Giorgio: forse l'amico Sabatini Coletti può essere d'aiuto ...

    di [di] prep.

    LOCUZIONI: avverbiali:
    - in combinazione con avverbi di luogo, di qui, di sotto, di dietro, espressioni di moto a luogo, stato in luogo, moto per luogo, per indicare una posizione rispetto a un termine anche non specificato: andiamo di là; passa (per) di qua; vado di sopra;

    Ciao :)
     
  7. chlapec aMODiño...

    Galicia, Spain
    Galician & Spanish-Spain
    Buongiorno,
    Secondo il Garzanti :

    da
    7 in dipendenza da verbi che esprimono transito, passaggio, stabilisce un moto per luogo, talvolta sottintendendo un attraversamento con sosta: passare dalla finestra, dal cortile; al ritorno passeremo da Torino; se resti in casa, passerò da te nel pomeriggio.

    Allora, "passa da qui/qua" non sarebbe neanche scorretto, no?
     
  8. italo_da_b Junior Member

    English - Ireland
    Ciao luanannte,
    secondo me l'errore di fondo è da parte del committente del manifesto che se avesse voluto seguire una logica propagandistica avrebbe dovuto scrivere:

    ''Il giro d'Italia passa per ... (nome della tua ridente cittadina)''

    e come si potrebbe fare se uno volesse dire:

    ''La processione di Pasqua passa da qua''

    qualcuno potrebbe interpretarlo come

    ''La processione di Pasqua passalacqua'' che è una marca di caffè

    Diamo anche più valore all'anniversario dell'Unità d'Italia!
     
  9. Lituano Senior Member

    l'arabo
    Salve amici! Secondo la dottoressa Vittoria De Rienzo ("Corriere della sera") sono correte tutte e quattro espressioni: DI QUA/ DI QUI/ DA QUA/ DA QUI ("... dipende dal suono che preferisce chi le usa"). Saluti!
     
    Last edited: Nov 23, 2011
  10. adicharlas Junior Member

    italian
    Volendo essere precisetti comunque "passa da qua" suona male anche per tutta l'abbondanza di A...
     
  11. Giorgio Spizzi Senior Member

    Italian
    Chiedo scusa a tutti, e soprattutto alla Dott.ssa De Rienzo, che non conosco.

    Io non riesco proprio a dire: "(*) Il Giro passa di Milano", ma solo "...da Milano" o "... per Milano".

    Cogli avverbi, invece, trovo naturale l'uso di "di": "Passa di qui/là/qua/lì e vedrai che arrivi prima".

    La grammatica di Serianni ce l'ho a casa: magari qualcuno potrebbe controllare lì.

    GS
     
  12. Lituano Senior Member

    l'arabo
    Sono d`accordo con te, Adicharlas, "passa da qua" non suona bene...
    Hai ragione anche tu, Giorgio, perche` il verbo "passare" in questo caso richiede le preposizioni DA o PER. Anch`io direi: "Passare DA/PER Milano"... A proposito della grammatica dell`egregio Serianni: c`e` anche l`espressione DA LA` (in senso "da quel luogo"). Comunque anche a me pare che suoni meglio DI LA` e non DA LA`!
    E la dott.ssa Vittoria De Rienzo e` la condutrice della rubrica linguistica "Scioglilingua" del quotidiano "Corriere della sera".
    Cordiali saluti!
     
    Last edited: Nov 24, 2011
  13. Giorgio Spizzi Senior Member

    Italian
    Grazie, Lit.

    GS
     
  14. adicharlas Junior Member

    italian
    Ciao Lituano :)
    Credo anch'io che i manifesti non corrispondano alle intenzioni degli autori (a meno che non fossero: che ne parlino, purché ne parlino! :p).
    Non rendono nemmeno tutta l'enfasi dell'attraversamento, forse...
     
  15. Milkinis New Member

    Serbo
    Che differenza c'è tra:

    Quando passi per Roma fatti sentire.
    Quando passi a Roma fatti sentire.
     
  16. whyofcourse New Member

    Italian
    Passare a non suona molto bene quando si parla di un luogo, non credo che in questo contesto sia una forma corretta.

    L'unica altra alternativa ampiamente accettata che mi viene in mente è passare da, che è perfettamente equivalente a passare per.

    Ciò non toglie che frasi come "quando passi a prendermi?" siano corrette.
     
  17. dôghen Senior Member

    italiano
    Ciao Mikinis
    come ha detto whyofcourse il verbo "passare" inteso come andare attraverso o transitare viene di solito accompagnato dalle preposizioni "da e "per".

    In italiano però sia lo stato in luogo che il moto a luogo prevedono anche l'uso di "a" come in
    "il mese prossimo sarò a Roma" e "vado a casa mia prima di andare a scuola".

    Il verbo "passare" può anche significare, in certi contesti "andare" "dirigersi" "fare un salto". In questi contesti dunque se richiede un moto a luogo non c'è motivo per cui non possa essere accompagnato dalla preposizione "a". Se sostituisci "passare" ai verbi dei miei esempi sopra, avrai frasi di senso compiuto e grammaticalmente corrette in cui "passare" è usato con "a".

    Infine, la differenza tra i due esempi da te proposti è solo a livello di implicatura, essendo entrambe corrette e accettabili, la seconda forse implicando una sosta maggiore a Roma ("per" implica attraversamento "a" moto o stato in luogo) ma qui siamo nel campo delle ipotesi personali....
     
  18. Milkinis New Member

    Serbo
    Grazie a tutti e due delle vostre risposte.
    Specialmente la tua ultima frase dôghen spiega proprio quello che volevo sapere. ;)
     

Share This Page