1. The WordReference Forums have moved to new forum software. (Details)

Pronomi diretti e indiretti e concordanze

Discussion in 'Solo Italiano' started by moyo, May 22, 2007.

  1. moyo Junior Member

    Andalucia
    spanish
    Ciao di nuovo:

    Ho ascoltato la canzone: l'ho ascoltata o l'ho ascoltato

    Ho un dubbio, non so quando devo concordare il participio

    GRazie
     
  2. Jana337

    Jana337 Senior Member

    čeština
    Ho fatto un piccolo riassunto qui.
     
  3. claudine2006

    claudine2006 Senior Member

    Andalucía Spain
    Italy Italian
    Por si no hablas inglés:
    Ho ascoltato la canzone.
    L'ho ascoltata.
     
  4. alsmich Junior Member

    Ciao ragazzi!

    Ho un dubbio... non riesco a capire completamente i pronomi diretti e indiretti. Ho scritto una piccola redazione in italiano, e non so se ho usato correttamente questi pronomi, più concretamente con la parola avercilo. Potete dirmi se è corretta per favore?

    E un'altra cosa: so che quando si usa il verbo avere come aussiliare nel passato prossimo (cioè ho mangiato per essempio), se c'è un pronome diretto davanti al verbo, il participio deve concordare in genero e numero col pronome (cioè, con l'oggetto):
    • Ho mangiato un cioccolatino -> L'ho mangiato
    • Ho mangiato una mela -> L'ho mangiata
    • Ho mangiato dei cioccolatini -> Li ho mangiati
    • Ho mangiato delle mele -> Le ho mangiate
    Il mio dubbio è: questo succede con tutte le persone o unicamente con i pronomi della terza persona? Cioè, quale di queste due sentenze è corretta?
    • María, ti ho chiamato due ore fa?
    • María, ti ho chiamata due ore fa?
    Quando l'aussiliare è il verbo essere, comunque, il participio deve concordare in genero e numero col soggetto, vero?
    • Io (un uomo) sono andato dal panettiere
    • Io (una donna) sono andata dal panettiere
    • Noi (uomini e donne) siamo andati dal panettiere
    • Noi (donne) siamo andate dal panettiere
    Ah! Per ultimo, quando ci sono due pronomi in una sentenza, cioè, uno diretto e un altro indiretto, prima deve mettersi l'indiretto ed il participio del passato prossimo deve concordare con diretto, vero?
    • Mi ha dato un regalo -> Me l'ha dato
    • Ho dato una camicia a te e a tuo cucino -> Ve l'ho data
    Grazie mille ragazzi!
     
  5. Silvia10975

    Silvia10975 Senior Member

    Toscana-GR-Italia
    italiano (Toscana-Italia)
    Beh, complimenti, vedo che hai capito tutto perfettamente!!
    :) Silvia.
     
  6. alsmich Junior Member

    Grazie Silvia, anche per le tue correzioni! :)
     
  7. md7dani New Member

    Vorrei prendere in prestito questo thread per una domanda, se è ok;

    Non ho capito questa frase:

    La mia ragazza invece è una salutista, dice che il caffè non le fa bene, che la rende nervosa e beve solo tè deteinato.

    Perche è le quale è il sogge'tto??

    Credo è la perche -> (La mia ragazza), ma non sono sicuro.
     
  8. honeyheart

    honeyheart Senior Member

    Quilmes
    Spanish (Argentina)
    Guarda:

    le fa bene: fa bene a lei
    la rende nervosa: rende nervosa lei

    Facci sapere se hai ancora dei dubbi. :thumbsup:
     
  9. Dreyfus New Member

    São Paulo, Brazil
    portuguese
    Ciao a tutti,


    Qualcuno potrebbe spiegarmi l'impiego dei pronomi diretti nelle frasi che seguono? Li ho trovati nel libro "Nuovo Progetto Italiano 2", tuttavia, mi sembra che i pronomi diretti non sono necessari, perché le frasi già presentano un oggetto espresso avanti del pronome. Sembra un po' ridondante, ma non sono sicuro...


    1) Signora, gliela porto io questa valigia così pesante?


    (la = questa valigia, quindi, non sarebbe più correto "Signora, gli porto io questa valigia così pesante?).


    2) Sono certo che Alessandra ce li avrebbe prestate i soldi se tu gliel'avessi chiesto in modo più cortese e convincente.


    (Sono certo che Alessandra ci avrebbe prestato i soldi se tu gliel'avessi chiesto in modo più cortese e convincente?)


    Grazie in anticipo.
     
  10. Sempervirens Senior Member

    italiano
    Ciao, Dreyfus!

    Venendo al dunque, e elaborando una frase da te citata, questa:1) Signora, gliela porto io questa valigia così pesante? La frase, come vorresti che diventasse?

    Magari così:
    Signora, io porto questa valigia così pesante. Oppure così: Signora, porto io questa valigia così pesante? O ancora così: Signora, porto questa valigia così pesante?

    Ma potremmo fare di più: Io, signora, porto questa valigia così pesante? Signora, porto questa valigia così pesante, io?

    Ecco, se hai intuito il perché della posizione del pronome soggetto io, o la sua assenza, allora applicando lo stesso processo deduttivo agli altri oggetti grammaticali ti dovrebbe apparire più chiaro l'uso , la presenza( a volte anche doppia) e la posizione di questi, e l'enfasi che danno ad un particolare punto della frase.
     
    Last edited: Jan 5, 2013
  11. Kibichan

    Kibichan New Member

    Italy
    Italian
    Ovviamente, sono entrambe frasi corrette. Personalmente, però, mi sembra che il "la" e il "li" nelle frasi citate sottolineino il concetto.
    Nella prima, ad esempio, la persona che parla potrebbe essere un uomo gentile che si offre di portare la valigia al posto della signora, quindi, usando "la", sottolinea il fatto che la valigia sia pesante, e che quindi per aiutarla vuole portarla al posto suo. La frase proposta da te non é sbagliata, ma credo che quella usata nel libro sia più corretta.

    Ma passiamo alla seconda, che mi sembra più facile da spiegare. Nell'esempio del libro, é implicito che qualcuno (il "tu" della frase) abbia chiesto ad Alessandra dei soldi in una maniera brusca o non cortese.
    Se la persona parlasse del fatto in generale, direbbe "sono certo che Alessandra ci avrebbe prestato i soldi", sì, questo é vero.
    Ma ipotizziamo che qualcuno abbia appena criticato Alessandra perché non glieli ha prestati, qualcosa tipo "Io glieli ho chiesti, ma lei non me li ha dati!". Allora, chi risponde direbbe "E invece sì che ce li avrebbe prestati, se solo tu l'avessi chiesto in una maniera più cortese" per sottolineare il fatto che, a suo parere, tale persona si sta sbagliando/sta criticando ingiustamente Alessandra.

    Mi sembra che questa possa essere una corretta interpretazione, forse qualche altro utente potrebbe averne di diverse.
     
  12. Dreyfus New Member

    São Paulo, Brazil
    portuguese
    Sempervirens e Kibichan, grazie mille per il vostro aiuto! Adesso riesco a capire meglio l'uso dei pronomi diretti . A volte (purtroppo rsss), cerco di imparare l'italiano in maniera somigliante al portoguese, ma non sempre funziona molto bene...
     
  13. Giorgio Spizzi Senior Member

    Italian
    Ciao, Drey.

    Da un punto di vista strettamente "logico" hai ragione tu: la presenza del pronome dà, a chi non parla la nostra lingua, l'impressione d'una inutile ridondanza, ma di fatto questo avviene normalmente ed è considerato corretto (non conosco il portoghese ma mi pare che lo spagnolo si comporti in modo molto simile all'italiano).

    Quanto alle frasi che riporti, vanno osservate alcune cose:

    1) Signora, gliela porto io questa valigia così pesante? (La frase è corretta)
    (la = "questa valigia", quindi, non sarebbe più corretto "Signora, gli porto io questa valigia così pesante? Non proprio; dovresti dire "Signora, le porto io questa valigia così pesante?").

    2) Sono certo che Alessandra ce li avrebbe prestati i soldi se tu glieli avessi chiesti in modo più cortese e convincente. (la frase è corretta)

    (Sono certo che Alessandra ci avrebbe prestato i soldi se tu glieli avessi chiesti in modo più cortese e convincente)
     
  14. Necsus

    Necsus Senior Member

    Formello (Rome)
    Italian (Italy)
    A mio avviso: "Signora, gliela (o più semplicemente le) porto io questa valigia?" = "Signora, porto io per lei questa valigia?"
    Vedi anche questo thread in I/E. :);)
     

Share This Page