un assassinio non garantire alle persone il lavoro

Discussion in 'Solo Italiano' started by cialuzzo, Jan 6, 2013.

  1. cialuzzo Senior Member

    new york
    english
    Salve a Tutti

    Sono in grato se qualcuno mi puo spiegare che vuol-dire quella frase.
    Il seguente è il contesto: Danilo Dolci veniva arrestato mentre guidava un gruppo di braccaianti a lavorare. Al commissario di polizia che era intevenuto per interrompere quello 'sciopero alla rovescia' (che presuppongo vuol-dire 'lockout'). Dolci rispose che 'il lavoro non è solo un diritto, ma per l'articolo 4 della Costituzione un dovere: che sarebbe stato, era ovvio, un assassinio no garantire alle persone il lavore, secondo lo spirito della Costituzione'.

    Vi ringrazio in anticipo, Cialuzzo
     
  2. sanjulez New Member

    Italiano
    Al posto di "assassinio" potresti usare un 'generico' "delitto".
    E riscrivere la frase come " (Il) non garantire alle persone il lavoro sarebbe stato un 'delitto'. "
    Il soggetto della frase ossia, cio' che sarebbe stato equiparabile ad un delitto od un assassinio, e' il fatto proprio di non garantire/permettere alle persone di lavorare.
    Mi spiego?
     
  3. cialuzzo Senior Member

    new york
    english
    Grazie sanjuez

    Adesso è chiaro. La parole assassinio che è un delitto definitivo mi confuso.

    Grazie ancora, Cialuzzo
     
  4. Giorgio Spizzi Senior Member

    Italian
    Hullo, cialuzzo.

    When Dolci uses the words "sciopero alla rovescia" ("reversed strike") he's referring to the fact that workers who — when they go on strike do not go to work — do want to go to work instead, though they may not be in a position to do so due to their employer's 'lockout', which we call "serrata".

    GS
     
  5. cialuzzo Senior Member

    new york
    english
    Caro G.S.

    Grazie per la risposta. Quindi avevo ragione che il 'sciopero alla rovescia' è una serrata o in inglese un lockout e il reato di Docli era portare i braccianti a lavorare. A proposito il saluto americano è scrito hello. Spero che non faccio offesa.

    Ciao e grazie, Cialuzzo.
     
    Last edited: Jan 7, 2013
  6. Giorgio Spizzi Senior Member

    Italian
    Non proprio, Cialuzzo.

    La serrata (lockout) è la chiusura degli stabilimenti da parte dei datori di lavoro: essa comporta l'impossibilità, per gli operai, di andare al lavoro.
    Lo "sciopero alla rovescia" (forse "reversed strike"?) è la reazione dei lavoratori che, a causa della serrata, si presentano al lavoro, pretendendo di lavorare.

    Grazie per la segnalazione: niente offesa, anzi! È che sono abituato da troppi anni a scrivere "britannico" — hullo, mum, colour, behaviour, ... and tomahto ;)

    GS
     
  7. cialuzzo Senior Member

    new york
    english
    Secondo quello che mi ha scritto, se gli datori di lavoro, fanno una 'serrata', gli operai non possono andare a lavorare da nussun altra parte. Se questo è la verità, e non ho ragione di prende in dubbio, una 'serrata' non è lo stesso che un 'lockout' e anche non è un sciopero alla roverscia, invece è il opposto di un sciopero.
    Quindi, se me permitte una domanda; se gli operai vanno in sciopero (non so se la frase è proprio così) per fare la legge a paragone, gli datari di lavoro non possono predere oltre operai al posti di quelli che sono in sciopero. Non è vero?

    Cialuzzo
     
  8. VogaVenessian Senior Member

    Venezia
    Italiano
    La SERRATA, più che uno "sciopero a rovescio" è semplicemente uno "sciopero dei padroni" i quali, per rappresaglia allo sciopero dei lavoratori, chiudono la fabbrica. Chiariamo che lo "sciopero dei lavoratori" è garantito quale loro diritto (quindi non è lecito sostituirli con altri al loro posto, né è ammesso licenziarli, ecc.) mentre la serrata NON è un diritto che i padroni possano rivendicare o esercitare.
    Per questi motivi, credo che "sciopero alla rovescia" sia da intendere, come nel caso dei movimenti bracciantili, l'occupazione delle terre incolte dei latifondi: in questo caso la forma di lotta adottata dai braccianti era di occupare e LAVORARE QUELLE TERRE. Quindi l'espressione "sciopero alla rovescia" è un paradosso per rendere immediatamente comprensibile la particolarità di questa lotta.
     
  9. cialuzzo Senior Member

    new york
    english
    Grazie V.V.

    Adesso è chiaro. Un 'sciopero alla rovescia' non è un sciopero nè è una serrata ma un occupazione per sfruttare di terre incolte. E questa è legale o non legale?

    Ciao, Cialuzzo
     
  10. VogaVenessian Senior Member

    Venezia
    Italiano
    L'occupazione, così detta, delle terre, ma anche delle fabbriche o delle scuole, ...NON è legale perchè contrasta il diritto alla proprietà. Ma qui mi fermo, sia per incompetenza (non vorrei dire castronate, parlando a braccio) ma anche perchè stiamo uscendo dal piano linguistico.
    Voglio aggiungere però che di "sciopero alla rovescia" si può parlare anche in situazioni di questo tipo: gli infermieri dell'ospedale non ricevono lo stipendio da uno o più mesi (per, diciamo, una qualche crisi di liquidità dell'azienda sanitaria); allora, come forma di lotta che porti a conoscenza di tutti il loro caso e non danneggi i pazienti dell'ospedale, decidono di continuare a lavorare (anche se - credo - avrebbero ogni diritto di "togliersi il camice" da infermiere, mollare l'ospedale e cercasi un altro lavoro).
     

Share This Page