1. The WordReference Forums have moved to new forum software. (Details)

un bel trigo

Discussion in 'Solo Italiano' started by pizzi, Mar 29, 2014.

  1. pizzi

    pizzi Senior Member

    Urbìn
    Italian, Italy
    Da un link di escursionismo alpino:

    Non uno spasso con centinaia di metri di detrito mobile ma la vetta stramerita ed immagino che cresta e canalini finali impiastrati di neve siano un bel trigo.

    Cosa significa un bel trigo?
     
  2. Ragio

    Ragio Senior Member

    Italiano
    Ciao pizzi,:)
    è un termine dialettale che in questo contesto significa "una faccenda complicata". Vedi ad esempio qui, dal libro "Primo Levi e il Piemontese: La lingua de La chiave a stella" di Bruno Villata.
    ...piemontese trigu che ha il valore di "pasticcio, intrigo, confusione"
     
  3. dragonseven

    dragonseven Senior Member

    near Milan
    italiano
    Ciao Piz :)
    Pensando al termine trigo m'è venuto in mente di riflesso intrigo, garbuglio e vedo che, da ciò che riporta anche Ragio nel suo post, non è poi così assurdo il paragone tra i due termini.
    Però non sono affatto persuaso che quello sia il vero senso del termine da te richiesto, poiché ricordo anche che in cima ad ogni vetta vi è impiantato o scolpito o installato un contrassegno o segnale detto trigonometrico il quale indica la raggiunta sommità della stessa. Credo inoltre che questo sia considerato un po' come un 'trofeo'.
    Quindi il mio dubbio nasce dal fatto che la parola trigo in realtà potrebbe essere un diminutivo, nel linguaggio tecnico dell'alpinista, dell'espressione 'segnale trigonometrico' (forse guardando queste foto si capisce meglio ciò che intendo :arrow:LINK).
    Sono più portato a credere a quest'ultima; perché nel caso invece mi sbagliassi, e fosse in realtà un termine dialettale corrispondente a quanto detto da me all'inizio e da Ragio prima di me, ne sarei molto dispiaciuto, in quanto a mio parere si dovrebbe, per buon senso, buona educazione e soprattutto buon lessico, evitare di utilizzare vocaboli dialettali o regionali senza (pre) avviso, ragion per cui ritengo che se trigo è un termine dialettale si dovrebbe evincere dal contesto, altrimenti, per quello che hai riportato, lo ritengo derivante dal linguaggio tecnico (comunque alla fine dei conti prendendo in considerazione entrambi i casi non è che il senso cambi poi tanto quello che cambia è il lessico).

    Tu che ne pensi?
     
  4. pizzi

    pizzi Senior Member

    Urbìn
    Italian, Italy
    Sono favorevole alla spiegazione di Ragio, nel contesto citato e non proprio chiaro, ma il tuo spunto è da tenere in considerazione.
    Ci vorrebbe un forero alpinista... e un narratore di montagna più chiaro ;)!
     
  5. francisgranada Senior Member

    Slovakia
    Hungarian
    E' assolutamente esclusa la eventuale connessione con lo sp. trigo nel senso di "frumento, grano ..." ?
     
  6. pizzi

    pizzi Senior Member

    Urbìn
    Italian, Italy
    Sì, socio :). Basta che tu sostituisca frumento/grano alla frase montanara, vedrai che non ha alcun senso ;).
     
  7. francisgranada Senior Member

    Slovakia
    Hungarian
    Vero, sioca :).

    (ho pensato piuttosta a qualche possibile connesione "lontana", visto che sia detrito che lo sp. trigo provengono dallo stesso verbo latino terere).
     
  8. giginho

    giginho Senior Member

    Svizzera / Torino
    Italiano & Piemontese
    Occhio! Si scrive trigo ma si legge trigu e devo ammettere che ho sempre creduto che fosse italianissimo!

    Secondo me è corretto interpretare secondo quanto detto da Ragio

    Perché ne saresti molto dispiaciuto? solo perché non è dialetto napoletano/romano/siciliano allora non deve avere dignità di stampa? Scusa ma questa osservazione non la capisco e, per come la intendo, non la condivido nemmeno sotto minaccia delle Nazioni Unite!
     
  9. dragonseven

    dragonseven Senior Member

    near Milan
    italiano
    Provo a spiegarmi meglio (anche se non so se ci riuscirò, comincio a sentire un filo di stanchezza:p).
    Se un articolo, una recensione, una critica ecc. sono scritte interamente in italiano, un'eventuale termine dialettale, o regionale, o anche straniero dal mio punto di vista va marcato in qualche modo (p. es. inserendo il lemma tra virgolette) per far notare che esso non segue tutto il resto e ha una differenza di fondo (oltretutto se neppure firmato). Se ciò non accade e il lemma non lo trovo né sul dizionario né sull'enciclopedia, come faccio a sapere che è piemontese, o siciliano, o spagnolo, o filo-russo? Quindi sono portato a credere che quello sia un termine tecnico della materia di cui si parla.

    Non è una questione di origine del dialetto, vale in generale. Se dovessi parlare o scrivere di mobilio e in particolare di ottime cadreghe, scrivendo tutto il pezzo in italiano tranne quella parola, probabilmente arriverebbe un Aldo Baglio a chiedermi magari venti casse di mele :)thumbsdowscusate il bruttissimo esempio ma comincio a vedere qualche stella:().

    P.S.: Per la parte in rosso non discuto, sarà sicuramente più chiaro per te l'argomento e il suo fine. Mi sono limitato solo ad esporre il mio dubbio dando un'alternativa italiano-tecnica al significato di quel termine prima di accettare incondizionatamente che fosse di origine dialettale.
     
  10. giginho

    giginho Senior Member

    Svizzera / Torino
    Italiano & Piemontese
    Ahhh, ora ho capito cosa intendevi dirmi.

    Allora siamo d'accordo, è una questione di contestualizzare la parola all'interno del testo.....sorry ma non avevo proprio capito!

    Beh, Piz ora ha tutte le opzioni possibili su trigo, quella dialettale e quella tecnica.

    Grazie della spiegazione!
     
  11. dragonseven

    dragonseven Senior Member

    near Milan
    italiano
    :cool:Meno male! Pensavo di confondere ancor più le idee dopo 'sto post. :D:p
     

Share This Page