Uscire verbo anche transitivo?

Discussion in 'Solo Italiano' started by infinite sadness, Feb 3, 2008.

Thread Status:
Not open for further replies.
  1. infinite sadness

    infinite sadness Senior Member

    sicilia
    bilingue siciliano-italiano
    L'uso del verbo uscire in modo transitivo (es. "io esco i libri dallo zaino") si può considerare sicuramente errore? o è solo una piccola improprietà?
     
  2. housecameron

    housecameron Senior Member

    Italy
    Italian/ Italy
    Per me è inascoltabile, però il De Mauro lo cita:

     
  3. Mariano50 Senior Member

    Germany
    Italiano Germany
    Penso si tratti di un meridionalismo.
    Nel parlato ho sentito spesso dire "esci i soldi", porta fuori i soldi (dalla tasca)
    Dal De Mauro:
    20 v.tr. RE merid., fare uscire, portare fuori: uscire il bambino

    (scusa l'interferenza, housecameron, non ti "vidi"!)
     
  4. Amada Junior Member

    Poland
    Italy Italian
    Erroraccio!
    Ce ne sono tanti di errori così. Anche "ho rimasto il portafogli a casa" per esempio, è un errore. L'ho sentita da una settentrionale.
     
  5. la italianilla Senior Member

    Italia
    Vi riporto la risposta di Giorgio De Rienzo (in rosso) a due lettori di Scioglilingua, rubrica linguista del Corriere della Sera:

     
  6. gabrigabri

    gabrigabri Senior Member

    奥地利
    Italian, Italy (Torino)
    E' sicuramente sbagliato, ma me dispiace, visto che rende la vita "più semplice", come tutti quei verbi che non si potrebbero usare al transitivo (uscire, entrare, ritornare). Spero che in futuro si potranno usare!

    Dai escilo!
    dai portalo fuori --> troppo lungo :)

    Ho notato invece che in francese alcune "castronerie" si possono dire (come imparare qualcosa a qualcuno).
     
  7. Montesacro Senior Member

    Roma
    Italiano
    Ho cercato sul De Mauro anche altri verbi usati transitivamente al sud, come scendere e salire: il dizionario scrive di utilizzo regionale e popolare.
    Invece uscire transitivo non viene etichettato come popolare; che il suo utilizzo venga quindi esteso (a differenza degli altri verbi citati) dai meridionali cólti anche ad ambiti (semi)formali?

    Ad ogni modo alle mie orecchie uscire, scendere, salire, sparare etc. usati transitivamente stonano (e credo che ciò valga in tutto il centro – nord, con l’eccezione di gabri-gabri :)).


    Non mi sono mai imbattuto in un rimanere per lasciare.
    Però ho sentito spesso tornare con il significato di restituire (uso regionale settentrionale), egualmente sgradevole.
     
  8. Mariano50 Senior Member

    Germany
    Italiano Germany
    Penso che l'estensione non sia da ridurre al solo settentrione.
    "tornare" con il significato di "restituire" è uno "standard" in Sardegna, avendo un unico corrispondente sardo (torrai) che si usa di regola con il doppio significato di "tornare" e "restituire" :)
     
  9. TraductoraPobleSec

    TraductoraPobleSec Senior Member

    Barcelona
    Catalan & Spanish
    Mi chiedo se tornare in questo senso sia un vostro catalanismo: da noi, restituire qualcosa è tornarla, così!

    Allora, cosa si direbbe in italiano standard? Tirar fuori?

    "Io tiro fuori i libri dallo zaino" sarebbe come io lo direi nel mio italiano di straniera... :)
     
  10. Silvia10975

    Silvia10975 Senior Member

    Toscana-GR-Italia
    italiano (Toscana-Italia)
     
  11. TraductoraPobleSec

    TraductoraPobleSec Senior Member

    Barcelona
    Catalan & Spanish
    Grazie. Ero quasi sicura che fosse così.
     
  12. VelistaPerCaso New Member

    Italia italiano
    Puoi anche estrarre i libri dallo zaino. In questo caso estrarre suona bene, in altri farebbe un po' ridere.
     
  13. pizzi

    pizzi Senior Member

    Urbìn
    Italian, Italy
    Una domanda su i verbi causativi.

    Enrica Lisciani Petrini è una filosofa, esegeta di Vladimir Jankélévitch. In una intervista radiofonica (Uomini e Profeti, Radio Tre) ha detto "Io ho uscito questo termine" circa una parola da lei utilizzata in scritti sul filosofo.

    Il Treccani riporta, in coda ad uscire:

    In usi region., come trans. con valore causativo, far uscire, portare fuori: il bambino non deve avercela con me perché l’ho uscito con quest’acqua (Fenoglio); far venire fuori, tirar fuori: un avvocato ... aveva uscito di tasca un giornale (Calvino).

    Questa forma ha liceità solo in alcuni tipi di scrittura e in determinati contesti, o è possibile usarlo anche nel parlato alto senza che sembri un errore?
     
  14. dôghen Senior Member

    italiano
    Ciao a tutti

    in un thread di qualche tempo fa si era parlato di salire e scendere usati in senso transitivo.
    Ribadisco quello che ho detto allora, in linea con molti commenti di questo.
    Gli usi transitivi di verbi intransitivi o inaccusativi come scendere salire uscire etc sono fortemente marcati in diatopia (sono dei meridionalismi) e in diastratia (appartengono perlopiù al cosiddetto italiano sub standard).
    Il fatto che si possano citare autori che hanno fatto uso di queste forme non significa che siano corrette. In Fenoglio e in Calvino per esempio (per citare quelli riportati da pizzi) si può tranquillamente parlare di scrittura neorealista (compiutamente per Fenoglio e parzialmente per Calvino) e quindi di un uso consapevole e volontario di stilemi della lingua popolare. Ma questo non significa che chiunque possa, a sproposito, dire o peggio scrivere: "esci il cane" o "scendimi la spesa".
    Nell'italiano di autori più antichi non sarà impossibile trovare forme del tipo "aveva uscito di tasca etc" come in Calvino. Ma anche questo, pur avendo ragioni che appartengono alla storia della lingua letteraria (e che sarebbe lungo e annoso discutere qui) non autorizza a considerarle oggi come forme di italiano standard.

    EDIT
    In realtà il thread è molto vecchio ed è stato solo "ripreso". Chiedo scusa per la confusione. Credo però che il concetto di fondo valga, anche solo come risposta a pizzi (che saluto). Non a caso il Treccani, citato da te, parla di uso regionale.
     
    Last edited: Oct 16, 2013
  15. francisgranada Senior Member

    Slovakia
    Hungarian
    Ho una sensazione (da non madrelingua, quindi può essere sbagliata) che uscire e far uscire, scendere e far scendere ecc ... "non bastano" per esprimere tutte le eventuali esigenze/sfumature, per cui c'è la tendenza (anche se regionale) a usare questi verbi anche come transitivi.

    Insomma, "Io ho uscito questo termine" (anche se non accettatto o considerato erroneo) secondo me non significa esattamente lo stesso che è "Io ho fatto uscire questo termine". O mi sbaglio?
     
  16. Nino83 Senior Member

    Italian
    Ciao francis.
    In effetti "io ho uscito questo termine" ha un significato molto vicino a "sono stato io ad inventare questo termine" mentre il significato di "ho fatto uscire questo termine" è più vicino a "ho fatto in modo che questo termine diventasse famoso/conosciuto/di uso comune", quindi, sì, hanno due significati differenti.

    Il fatto è che il verbo uscire transitivo si trova soltanto nell'italiano parlato in alcune regioni, probabilmente per influenza, come quasi sempre accade, dei dialetti (o, se si preferisce, "lingue") regionali.
     
  17. giginho

    giginho Senior Member

    Svizzera / Torino
    Italiano & Piemontese
    Ciao ragazzi!

    Da Torinese, se sento: esci i soldi rido fino alle lacrime e lo ripeto fino alla nausea con l'accento tipico de "Il Padrino"...."eeeesci i sooooldi, ah!".

    Da parte mia non si può sentire, anche se il De Mauro ne autorizza l'uso mi si accappona la pelle!

    P.S. dopo aver sentito qualcuno dire "esci i soldi" continuerei a prenderlo in giro dicendo le tipiche frasi battezzate come meridionali da noi polentoni: "scendi il cane che lo piscio", "esci il bambino che lo gioco" ecc ecc....per gli amici stranieri (ciao Francis!!), queste frasi sono sbagliate!
     
  18. francisgranada Senior Member

    Slovakia
    Hungarian
    Ciao Nino. E' esattamente questo che voelvo dire anch'io.
    Ciao Gigi. Questa è una evidente discriminazione. Come mai, noi stranieri non possiamo scendere i cani ? :D...
    Fuori scherzo, personalmente non sono abituato ad usare i menzionati verbi come transitivi. Anzi, un tale uso di uscire e pisciare non l'ho mai sentito prima.
     
  19. Nino83 Senior Member

    Italian
    Comunque preciso che questi verbi sono usati come transitivi nella lingua parlata. Non è che si può scrivere "esci l'auto dal garage" in un tema a scuola. :)

    A questo punto dillo in siciliano! "Nesci i soddi"
     
  20. giginho

    giginho Senior Member

    Svizzera / Torino
    Italiano & Piemontese
    Ciao Fra,
    L'uso storpiato di questi verbi, come detto, è usanza del sud e, dalla mia esperienza, prettamente praticato da popolazione non molto scolarizzata. Tu hai studiato nella capitale Sabauda, caro mio, ovvio che non li hai incontrati!!!

    P.S. voi stranieri non potete scendere e pisciare i cani perchè non c'avete la tecnica adeguata!!!! :D :D
     
  21. giginho

    giginho Senior Member

    Svizzera / Torino
    Italiano & Piemontese
    La mia domanda è: ma lo si usa solo al presente / imperativo: "esci i soldi!" o si usa anche al passato, magari durante un racconto? (ex: ha uscito la pistola e lo ha sparato.....fiera degli errori regionali!).

    P.S: non sum dignus di dirlo alla siciliana correttamente!
     
    Last edited: Oct 17, 2013
  22. Nino83 Senior Member

    Italian
    Per quanto riguarda il siciliano lo ha sparato non si può sentire :) E' sempre gli ha sparato (ci sparàu, a iddu, oggetto indiretto).
    Si, di solito si usa all'imperativo. Se devo dire è salito in auto/macchina dico 'nchianau cà machina (con la macchina).
    Se invece devo dire ha portato/avvicinato l'auto dico puttau a machina e non 'nchianau a machina.
     
  23. giginho

    giginho Senior Member

    Svizzera / Torino
    Italiano & Piemontese
    Ah ecco! grazie mille della spiegazione!!!

    P.S: il siciliano è una lingua meravigliosa!
     
  24. Nino83 Senior Member

    Italian
    Forse, ma non sono sicuro di ciò, il maggior utilizzo in Campania piuttosto che in Sicilia (piuttosto non con valore disgiuntivo! :)) può essere una conseguenza della maggior presenza degli spagnoli (come può essere, invece, intrinseco alla lingua napoletana, questo non so dirlo).

    In siciliano soltanto i verbi di movimento, come salire, scendere, uscire, entrare sono utilizzati come transitivi, ma non verbi come giocare o altri.

    P.S.
    Grazie. Anche il piemontese è affascinente come lingua (anche se la presenza di vocali frontali arrotondate e dello schwa rende difficile la comprensione a noi, poco abituati a questi suoni).
     
  25. dôghen Senior Member

    italiano
    Ciao francis, naturalmente differenze tra i due (verbo e perifrasi) ci sono e significative. Ma l'italiano ha le risorse lessicali per permetterti di esprimere correttamente ("io ho inventato questo termine", come dice giustamente Nino) tutte le opzioni che ti servono (io potrei aggiungere "io ho introdotto l'uso di", ma ce ne sono molte). Non c'è bisogno insomma di utilizzare "uscire" in modo così, diciamo, "marginale" per esprimere il concetto, semplicemente se la sua intransitività impedisce di usarlo in quel senso, usi un altro verbo o un'altra perifrasi.

    Qui giginho, ha espresso con sagacia i limiti e i pericoli di un uso, appunto, marginale e sub standard come quello di cui stiamo parlando. Il problema infatti non sta tanto nello "sbagliare" l'uso del verbo. L'italiano è una lingua con vaste zone "grigie", potrebbe saltar fuori in qualsiasi momento uno che dica di usare "scendere" transitivamente e che per lui è giusto perché al suo paese si dice così e anche il tal autore lo ha usato eccetera.
    Il problema è che, a fronte di uno standard che seppur faticosamente si è imposto lungo la penisola, certi usi sono così marcati (regionalmente o socialmente) che la parodia, quando non addirittura la barzelletta sono in agguato....Meglio evitare, quindi, soprattutto se uno ha le risorse linguistiche per farlo.
     
    Last edited: Oct 17, 2013
  26. Alimurgico New Member

    Italian - Italy
    Credo che il distinguo di "sfumature" di significato che Francis ha notato possa riferirsi all'uso della forma transitiva dei verbi di movimento come rafforzamento semantico - da osservatore "autoctono" lo trovo un fenomeno estremamente diffuso nella Sicilia della costa orientale, meno nel palermitano.
    Per dirla in breve, l'uso transitivo viene usato sottolineare con maggiore intensità un ordine, magari già espresso in precedenza.

    Per fare un esempio, se alla domanda: "Per favore, puoi far uscire il cane per la passeggiata pomeridiana ?" me la prendessi comoda, è estremamente probabile che io riceva poco dopo un ben più marcato " 'O vo' nesciri du cani, o no?" - traducibile più o meno come " vuoi uscire quel cane, allora?". Tuttavia usare la stessa forma senza alcun preavviso suonerebbe da maleducati, o perlomeno suggerirebbe una certa fretta da parte dell'interlocutore.
     
Thread Status:
Not open for further replies.

Share This Page