Venire v Essere nel passivo

Discussion in 'Solo Italiano' started by jimmyb, Feb 18, 2007.

  1. jimmyb Junior Member

    United Kingdom

    Un’altra domanda per i nativi. Mi ha colpito che, spesso, ci sono delle situazione quando sembrerebbe meglio o più esatto di usare la forma col verbo “venire” invece di “essere”. Lasciatemi (o lasciateme??) fare un esempio che viene dal libro “Illusioni”di Richard Bach.

    “Fu un interrogative che mi venne posto più di una ………...

    Capisco la frase ed anche il passato remoto ( non l’uso quasi mai ma credo che sia più diffuso al sud nella lingua parlata) ma perché l’uso di “venne” qui e non “fu”. Si tratta di qualcosa solo per la parola scritta o sarebbe anche meglio di usarla in conversazione? Credo di averla sentito anche parlata.

    Vorebbe dire qualcosa diversa se fosse scritto “ .... che mi fu posto...”

    Ho tentato di usare gli accenti un po qui. Sono creaturi strani a me.

     
  2. Jana337

    Jana337 Senior Member

    čeština
    Eccone una spiegazione nel forum italiano-inglese.

    A me hanno insegnato che venire sottolinea il processo (la porta viene chiusa).

    Attenzione: Venire non si può usare nel passivo in tempi composti (era --> veniva :tick:, è stato --> è venuto :cross: ).
     
  3. _forumuser_

    _forumuser_ Senior Member

    New York City
    Italian
    Ottima spiegazione. Io non ci sarei mai riuscito. More power to ya, Jana! :D Quanto alla differenza tra mi venne posto e mi fu posto, direi che sono assolutamente identici.
     
  4. jimmyb Junior Member

    United Kingdom
    grazie Jana

    L'ho letto e ora sembra piu' chiaro. Comunque, sono sicuro che faro' degli errori come sempre:)
     
  5. gabrigabri

    gabrigabri Senior Member

    奥地利
    Italian, Italy (Torino)
    Ciao!

    Guarda cosa ho trovato in internet:



    L'ausiliare essere si può usare con tutti i tempi (semplici e composti) ed indica più che altro il risultato del processo.
    Es.: La porta è chiusa. (risultato)
    L'ausiliare venire si può usare solo con i tempi semplici ed indica soprattutto il processo.
    Es.: In questo momento la porta viene chiusa.

     
  6. Jana337

    Jana337 Senior Member

    čeština
    Mah! :cool:
    Quarda, non minacciarci con degli errori e vai a scrivi qualche frase. Poi vediamo. ;)

    Jana
     
  7. jester.

    jester. Senior Member

    Aachen, Germany
    Germany -> German
    Perché non si può usare nei tempi composti? (Forse si dovrebbe aprire un'altro filo per questa domanda...)
     
  8. Jana337

    Jana337 Senior Member

    čeština
    No, va bene; è lo stesso tema.

    Comunque non credo che esista una spiegazione. Per me è sempre stato un fatto che bisogna prendere in considerazione e basta. :)

    Jana
     
  9. gabrigabri

    gabrigabri Senior Member

    奥地利
    Italian, Italy (Torino)
    Forse perché cambierebbe di significato: venire può anche significare "diventare".
    La porta è venuta chiusa=la porta è diventata chiusa.:confused:

    O forse sto dicendo fesserie?
     
  10. gabrigabri

    gabrigabri Senior Member

    奥地利
    Italian, Italy (Torino)
  11. jester.

    jester. Senior Member

    Aachen, Germany
    Germany -> German
  12. mauro63 Senior Member

    Buenos Aires
    spanish/italian - Argentina
    Ciao a tutti,
    vorrei sapere se le frasi "venir fatto " e "venir detto" sono usate o sono un po' ricercate . Grazie
     
  13. MünchnerFax

    MünchnerFax Senior Member

    Germany
    Italian, Italy
    Forse ti riferisci alla costruzione passiva del verbo con l'ausiliare venire, che è ancora usata (anzi, viene usata ;)) regolarmente. Leggi qui. :)
     
  14. mauro63 Senior Member

    Buenos Aires
    spanish/italian - Argentina
    Mi riferivo specificamente a questo uso:
    gli venne detto che era stanco di tutta quella faccenda .
    non mi venne fatto di persuaderlo.
    Mi venne fatto di incontrarlo .
     
  15. gabrigabri

    gabrigabri Senior Member

    奥地利
    Italian, Italy (Torino)
    Le ultime due frasi non si dicono. (neanche sostituendo "venne" con "fu").
     
  16. MünchnerFax

    MünchnerFax Senior Member

    Germany
    Italian, Italy
    Venir fatto invece esiste, è una costruzione piuttosto disusata che significa "riuscire" oppure "capitare per caso":

    Non mi venne fatto di persuaderlo = Non riuscii a persuaderlo / Non mi riuscì di persuaderlo.
    Mi venne fatto di incontrarlo = Mi capitò di incontrarlo.

    Gli venne detto
    invece è per l'appunto il passivo di dire costruito con l'ausiliare venire.
     

Share This Page