Vostro/tuo vs. Il vostro/il tuo

Discussion in 'Solo Italiano' started by francisgranada, Nov 28, 2012.

  1. francisgranada Senior Member

    Slovakia
    Hungarian
    Ciao a tutti!

    Alla fine d'una lettera, qual è la forma giusta/preferita/usata: con articolo o senza?

    Contesto:
    Alla fine d'una lettera, uno si sottoscrive (normalmente ...). Ma a volte si aggiunge (almeno dalle mie parti) anche "tuo/a" o "vostro/a", a seconda della situazione o il rapporto concreto. Allora, in questo caso particolare, qual è la forma giusta/usata, con articolo o senza ? Oppure, in altre parole: si può ommettere l'articolo in questi casi?

    Esempi:
    Il tuo Filiberto - Tuo Filiberto
    La vostra Anastasia - Vostra Anastasia

    Grazie in anticipo!
    Il vostro Francis :)
     
  2. Paulfromitaly

    Paulfromitaly MODerator

    Brescia (Italy)
    Italian
    Diciamo che alla fine di una lettera scritta nel secolo scorso la gente si firmava in quel modo..Io non ho mai visto nessuno firmare così una lettera nella mia vita.
     
  3. francisgranada Senior Member

    Slovakia
    Hungarian
    Grazie per la risposta prontissima :).

    Quindi dici che né con articolo né senza, ma semplicemente non si scrive (firma) più così. Ho capito bene?
     
  4. Paulfromitaly

    Paulfromitaly MODerator

    Brescia (Italy)
    Italian
    Al giorno d'oggi no di sicuro, a meno chè si voglia per qualche motivo scimmiottare lo stile del secolo passato.
    Detto questo, secondo me sia con che senza articolo è corretto.
     
  5. ursu-lab

    ursu-lab Senior Member

    Lunezia
    italian, catalan & spanish
    Veramente, con "tuo/a" si usa ancora abbastanza tra familiari (figli ai genitori, fratelli, nipoti, ecc.):
    Un forte abbraccio,
    tua Eleonora.
    Io lo uso ancora e ho "soltanto" una quarantina d'anni...:p
     
  6. Giorgio Spizzi Senior Member

    Italian
    Ciao, Paul,

    A sentirti si direbbe che parli del secolo passato come se fosse passato ... da un secolo. Dopo tutto anche tu, quando il secolo moriva, andavi verso la trentina.
    Forse ti riferivi all'ottocento?
    Personalmente, anch'io, come ursu, nelle condizione appropriate scrivo:

    :::

    "... e ti faccio i miei anguri d'ogni bene."
    Tuo
    GS

    GS :)
     
    Last edited: Nov 29, 2012
  7. Paulfromitaly

    Paulfromitaly MODerator

    Brescia (Italy)
    Italian
    Giusto, mi riferivo alla fine '800 inizi '900.
    Anche io posso scrivere "la signoria vostra" se voglio fare lo spiritoso, ma questo non significa che l'espressione sia di uno quotidiano o tanto meno come normalmente uno si rivolge ad un'altra persona.
     
  8. ursu-lab

    ursu-lab Senior Member

    Lunezia
    italian, catalan & spanish
    Quando mando una cartolina a un parente a cui sono legata da un affetto sincero, concludo quasi sempre con "tua xxxx" senza fare nessuno sforzo traumatico e senza intenzioni snob né tentomeno spiritose. Forse è il fatto di mantenere la tradizione delle cartoline o lettere affettuose ai parenti a sembrarti démodé, ma dire che questa forma di saluto è antiquata mi sembra, come minimo, un'esagerazione.
    Certo che se scrivo una mail a mia sorella solo per ricordarle di fare la spesa o per altre ragioni prive di implicazioni affettive non la saluterò dicendo "tua xxxx" :cool:
     
  9. Giorgio Spizzi Senior Member

    Italian
    D'accordissimo, ursu.

    GS :)
     
  10. Sempervirens Senior Member

    italiano
    Ciao:). Mah, Francis, alla rassegna di risposte che hai già ricevuto, io aggiungerei che proprio di recente il mio avvocato-amico mi ha fatto una comunicazione, di natura né troppo privata né troppo formale, la quale termina con la formula Suo...
    Con questo, non volendo né isolare né screditare chi sostiene il suo punto di vista, mi sembra evidente che al giorno d'oggi - non certo in questo forum alle prese con arcigni soggetti del creato;)- la forma in questione alla fine di una lettera è ancora utilizzata , viva, e senza l'articolo, nel caso specifico.

    Pure io mi faccio pregio della forma Suo amico/ Suo stimatore/... a completamento di una lettera indirizzata ad una persona particolare.

    Che poi tutto ciò faccia ridere,beh , questo è un altro par di maniche. Detto con il Manzoni.

    :)
     

Share This Page