bonjour finesse !

tie-break

Senior Member
Salve a tutti :)

"Bonjour finesse!" (in risposta a una persona che si è appena espressa con dei termini alquanto volgari).

Qualcuno conosce l'origine di questa espressione visto che in Francia risulta totalmente sconosciuta ? :confused:

Grazie.
 
  • Necsus

    Senior Member
    Italian (Italy)
    Direi che è in qualche modo usato come parafrasi di 'bonjour tristesse (buongiorno tristezza)' per dire appunto ironicamente 'complimenti per la finezza!' o più direttamente 'alla faccia della finezza!'. L'origine probabilmente è da ricercare nel romanzo della Sagan (o nel film trattone da Preminger)...
     

    gabrigabri

    Senior Member
    Italian, Italy (Torino)
    Ciao!

    Hm, curioso che i francesi non la conoscano!
    Sarà stata creata da qualche italiano, e sarà in francese perché il francese è molto fine:)
    Come per esempio quando si dice "scusate il francesismo".
     

    Cosimo Piovasco

    Banned
    Italiano, Italia
    Sicuramente (guarda caso, proprio oggi vi stavo pensando) deriva da Bonjour Tristesse, ed è certamente da considerare il fatto che i francesi sono conosciuti per la finezza (che sfocia in ampollosità) dei loro gesti (ovviamente parliamo di luoghi comuni che contengono, sopra un sedimento di verità, un limaccioso strato di pregiudizio).
    Farei anche notare il commento che, a principiare del Misogallo, Alfieri da di questa considerazione popolare; non certo accomodante, ma Alfieri aveva ai tempi a che fare con l'invasione di NapoLadrone Bonaparte, per cui senz'altro comprensibile.
     

    ursu-lab

    Senior Member
    italian, catalan & spanish
    Un altro falso francesismo è "fare pendant" (es. abbinare un capo d'abbigliamento a un altro per il colore), che in francese non si usa in questo senso. Gli italiani a quanto pare amano sbizzarrirsi col francese ;)
     

    Cosimo Piovasco

    Banned
    Italiano, Italia
    Per essere, si sente spesso usare boutique, inteso come "luogo ove si vendono cosmetici e simili". In realtà, un francese potrà confermarci che la boutique, per loro, è la bottega, dove si fa la spesa. Gabrielli faceva notare cose come "farsi la manicure" che erano, oltre che inutili doppioni, addirittura delle clamorose cantonate. Ad esempio, la manicure è per i francesi non l'atto della cura delle mani, ma la persona che cura le mani. Da cui "farsi la manicure", più che un vezzo estetico, diventa un resoconto da bar.
    Sono lasciti, per fortuna in via di sparizione, di una colonizzazione linguistica. Oggi la lingua da cui si presta dissennatamente è l'americano. Fin tanto che gli americani sono i padroni del mondo, andrà così. La massa (e non parlo solo di quella italiana o supposta tale) ha bisogno di sentirsi alla moda, purtroppo. Distinguersi non è poi così difficile, eppure lo fanno così pochi...
     

    luway

    Senior Member
    Cosimo, riguardo a 'boutique', io non l'ho mai sentito usare né l'ho mai usato per riferirmi al negozio in cui vengono venduti prodotti cosmetici. Il senso che ho sempre sentito attribuire al termine (per cui l'ho pure usato allo stesso modo) è di "negozio di lusso" e soprattutto un tempo il riferimento era a luogo di vendita di capi d'abbigliamento di gran nome o comunque fattura, in qualche modo ricercati. In anni più recenti, non c'è dubbio, è stato utilizzato anche per altri generi di merce/prodotti, spesso per dar risalto all'immagine (questa almeno l'intenzione, non commento sul risultato effettivo). Non sono rari infatti i vari "Boutique del Pane/della Scarpa/della Frutta/del Formaggio/..." (appena trovati nell'elenco delle Pagine Gialle).
    :D
     

    matoupaschat

    Senior Member
    Français (Belgique)
    Cosimo, riguardo a 'boutique', io non l'ho mai sentito usare né l'ho mai usato per riferirmi al negozio in cui vengono venduti prodotti cosmetici. Il senso che ho sempre sentito attribuire al termine (per cui l'ho pure usato allo stesso modo) è di "negozio di lusso" e soprattutto un tempo il riferimento era a luogo di vendita di capi d'abbigliamento di gran nome o comunque fattura, in qualche modo ricercati. In anni più recenti, non c'è dubbio, è stato utilizzato anche per altri generi di merce/prodotti, spesso per dar risalto all'immagine (questa almeno l'intenzione, non commento sul risultato effettivo). Non sono rari infatti i vari "Boutique del Pane/della Scarpa/della Frutta/del Formaggio/..." (appena trovati nell'elenco delle Pagine Gialle).
    :D
    Esattissimo!
    Atto secondo: la "manucure" è sia l'insieme delle cure alle mani che la persona che le somministra.
     

    Cosimo Piovasco

    Banned
    Italiano, Italia
    Ma mi confermate che "boutique" non ha il senso originale francese, o improvvisamente il francese è cambiato e non me ne sono accorto? :D
     

    One1

    Senior Member
    Italiano
    Anche in napoletano si usa il termine gateau per indicare non una torta dolce, ma uno sformato di patate salato. Usiamo i prestiti linguistici come più ci piace.
     

    stella_maris_74

    Mod About Chocolate
    Italian - Italy
    Nota di moderazione:

    Amici, l'argomento del thread è la frase "Bonjour finesse!", non la disamina di ogni francesismo in uso nella nostra lingua :rolleyes: ;)

    Grazie,

    Mod
     

    Cosimo Piovasco

    Banned
    Italiano, Italia
    Rientriamo dunque nei ranghi dicendo che l'uso di un esotismo non implica la conoscenza della lingua di partenza. Anzi, di solito sono i calchi linguistici (ossia i nomi tradotti con "materiale autoctono" che implicano una conoscenza di base della lingua di partenza, mentre il prestito è un vocabolo più o meno aderente all'originale, secondo chi lo crea.

    ps: io dico pane in cassetta...! ;)
     
    Top