Congiuntivo in frasi subordinate a dire.

< Previous | Next >

satyaputra

Member
USA
Italian
Salve a tutti!
Vorrei avere il vostro parere sulle seguenti frasi:

1) Giulio non (m') aveva detto che Maria fosse incinta.

2) Giulio (m') aveva detto che Lucia fosse incinta, ma io non ci avevo creduto.

Le trovate grammaticali?

Grazie mille,

N.
 
  • dragonseven

    Senior Member
    italiano
    Ciao Satya!
    Grammaticalmente penso non ci sia niente da ridire, ma una cosa è certa non se ne capisce il senso.
    Cosa si intende dire di preciso con queste frasi? Cosa ha o non ha detto Giulio?
     

    satyaputra

    Member
    USA
    Italian
    Ciao Giulio,

    (1) potrebbe essere usata nel seguente contesto: scopro che Maria è incinta ed io ho visto Giulio (che mettiamo è suo marito) proprio pochi giorni fa. Ma non mi aveva detto niente. Allora me ne esco con:

    Giulio non (m') aveva detto che Maria fosse incinta.

    Ti può tornare in questo contesto?

    (2) in un contesto in cui tempo fa Giulio mi aveva detto che Maria era incinta. Però io non gli avevo creduto.

    Che ne pensi?

    Chiedo perché di solito si assume che dopo "dire" ci vada piuttosto l'indicativo e non il congiuntivo.

    Grazie mille
     

    dragonseven

    Senior Member
    italiano
    Ciao Giulio,

    (1) potrebbe essere usata nel seguente contesto: scopro che Maria è incinta ed io ho visto Giulio (che mettiamo è suo marito) proprio pochi giorni fa. Ma non mi aveva detto niente. Allora me ne esco con:

    Giulio non (m') aveva
    detto che Maria fosse incinta.

    Ti può tornare in questo contesto? No. Direi: "Giulio non m'ha detto che Maria è incinta.".

    (2) in un contesto in cui tempo fa Giulio mi aveva detto che Maria era incinta. Però io non gli avevo creduto.

    Che ne pensi? "Giulio m'aveva detto che Maria era incinta, ma io non gli credetti/avevo creduto."

    Chiedo perché di solito si assume che dopo "dire" ci vada piuttosto l'indicativo e non il congiuntivo. Esatto!:thumbsup: Di solito, perché dipende dai verbi pronunciati da chi riferisce a chi.

    Grazie mille
    Edit: Figurati, capita di sbagliare:).
    Per questo c'è il tasto "modifica il messaggio" (che dura 24h) che si deve utilizzare per non postare più post di seguito come nel caso in oggetto, per cancellare errori, per aver dimenticato di aggiungere qualcosa come ho fatto io in questo preciso momento, insomma, per qualsiasi evenienza.;)

    Ciao
     
    Last edited:

    dragonseven

    Senior Member
    italiano
    Se Giulio ti avesse detto:
    "Cara Satya, penso/credo/sospetto che Maria sia incinta.",

    tu potresti riferire a qualcun altro:
    "Giulio m'ha detto che Maria potrebbe essere incinta.".

    Altrimenti, se Giulio ti avesse detto:
    "Cara Satya, se avessi un figlio con Maria credo che sarei l'uomo più felice al mondo."

    e tu nel riferire dovresti dire:
    "Giulio m'ha detto che se con Maria riuscisse ad avere un bambino sarebbe/si riterrebbe l'uomo più felice a questo mondo.".

    A parte gli esempi, più o meno verosimili, spero che ti sia chiaro ora cosa intendevo e come funziona.:p
     

    bearded

    Senior Member
    Salve a tutti
    Vorrei cercare di mettere un po' di ordine in questa discussione che finora mi appare alquanto confusa, e chiedo scusa fin d'ora se la mia risposta sarà un po' lunga. Naturalmente tutto quanto dirò potrà essere contestato o discusso.
    Torniamo alla domanda iniziale e consideriamo le due frasi di OP:
    1. G. non mi aveva detto che Maria fosse incinta
    2. G. mi aveva detto che Maria fosse incinta, ma io non ci avevo creduto
    Bisogna distinguere due 'registri', o modi di esprimersi: uno letterario o elevato o, se volete, antiquato, e uno colloquiale o corrente o, se volete, volgare.

    A) Nell'Italiano letterario, il congiuntivo è il modo dell'incertezza, dell'ipotesi, del dubbio, mentre l'indicativo è il modo della realtà nota ed assodata, della verità. In questo 'registro', entrambe le frasi dopo il 'che' (discorso indiretto) si possono correttamente mettere sia al congiuntivo che all'indicativo, ma c'è una leggera differenza di significato:
    1.- G. non mi aveva detto che M.fosse incinta: qui chi parla non sapeva che(o se) lo fosse, lascia aperta la porta al dubbio, era la possibile opinione solo di G.;
    - G. non mi aveva detto che M. era incinta: qui non è più l'opinione di G., è certo e ormai assodato che M. era incinta, anche se G. non l'aveva detto.
    2. - G. mi aveva detto che M. fosse incinta, ma io non ci avevo creduto: l'opinione di G. è messa in dubbio fin dall'inizio, non è affatto certo che M. lo fosse davvero, anzi da subito chi parla non ci ha creduto;
    - G. mi aveva detto che M. era incinta, ma io non ci avevo creduto: quanto affermato da G. era vero, era la realtà che ormai è nota, e ciononostante io non ci avevo creduto.

    B) Nell'Italiano colloquiale (quello a noi più familiare) le finezze o sfumature di cui sopra non esistono, inoltre il congiuntivo va scomparendo, e pertanto le due frasi sono di uso corrente solo all'indicativo:
    1.G. non mi aveva detto che M. era incinta
    2. G. mi aveva detto che M. era incinta, ma io non ci avevo creduto.
    L'Italiano colloquiale è poco propenso a considerare il dubbio, e preferisce frasi che aderiscono alla realtà.
     
    < Previous | Next >
    Top