Cosa ti aspettavi che facessi/avrei fatto?

Status
Not open for further replies.

Govinda80

New Member
italian
Salve a tutti. Sono nuovo della piattaforma e mi scuso in anticipo per eventuali errori commessi riguardo al funzionamento del sito e soprattutto, se il soggetto che vi sottopongo sia già stato affrontato precedentemente. Pur cercando a lungo, non l'ho trovato. Ho un dubbio che mi assilla: "Cosa ti aspettavi che facessi/avrei fatto?"
Entrambe le versioni sono corrette? Se sì, quali sono le differenti sfumature delle due opzioni?
Grazie.
 
  • bearded

    Senior Member
    Salve e benvenuto nel forum!
    Secondo la sintassi tradizionale è giusto solo ''che facessi''. Nel presente, si direbbe ''che cosa ti aspetti che faccia'': cioè dopo ''aspettarsi che'' ci vuole il congiuntivo.
    Tuttavia, nel parlato (lingua familiare/colloquiale) non è raro sentire ''che cosa ti aspetti che farò'' / ''che cosa ti aspettavi che avrei fatto''. Benché non del tutto corrette, queste forme sono tuttavia comuni.
    La dimostrazione della non-correttezza sta in questo: nel presente, se la frase è affermativa e non interrogativa, il futuro suona sbagliato all'orecchio di tutti gli italiani - e lo è per la sintassi:
    ''mi aspetto che tu vada a scuola'' (giusto) / ''mi aspetto che andrai a scuola'' (sbagliato), e dunque ''mi aspettavo che saresti andato a scuola''(sbagliato).
    Quanto alla diversa sfumatura di significato,
    in ''che cosa ti aspettavi che facessi'': il ''fare'' è formalmente contemporaneo all'aspettarsi,
    in ''che cosa ti aspettavi che avrei fatto'' si sottolinea che il ''fare'' è successivo all'aspettarsi (ma non ce ne sarebbe bisogno, visto il significato di aspettarsi (= prevedere).
    Mi aspetto che arrivino (meglio di 'arriveranno' :)) altre risposte con obiezioni alla mia spiegazione, dovute a diversa sensibilità linguistica e/o a diversi usi regionali.
     
    Last edited:

    Necsus

    Senior Member
    Italian (Italy)
    Ciao e benvenuto.
    Dire "cosa ti aspettavi che facessi" se l'azione del fare doveva essere contemporanea o immediatamente successiva; "cosa ti aspettavi che avrei fatto?" se l'azione doveva avere luogo in un futuro meno immediato.

    Oops... incrocio...
     

    GabrielH

    Senior Member
    Portuguese - Brazil
    Ciao Bearded e Necsus,
    La dimostrazione della non-correttezza sta in questo: nel presente, se la frase è affermativa e non interrogativa, il futuro suona sbagliato all'orecchio di tutti gli italiani - e lo è per la sintassi:
    in un libro per stranieri si dice che si in questi casi si usa il futuro con i verbi di opinione, dubbio, speranza. Il verbo aspettarsi non rientrerebbe in nessuna di queste tre categorie?
     

    lorenzos

    Senior Member
    italiano
    Mah...
    - Mi aspettavo che bearded avrebbe risposto...
    - Mi aspettavo che bearded rispondesse...
    per me pari son, dipende da come continua la frase.
    ''mi aspetto che tu vada a scuola'' (giusto) / ''mi aspetto che andrai a scuola'' (sbagliato), e dunque ''mi aspettavo che saresti andato a scuola''(sbagliato).
    Quanto alla diversa sfumatura di significato,
    in ''che cosa ti aspettavi che facessi'': il ''fare'' è formalmente contemporaneo all'aspettarsi,
    in ''che cosa ti aspettavi che avrei fatto'' si sottolinea che il ''fare'' è successivo all'aspettarsi (ma non ce ne sarebbe bisogno, visto il significato di aspettarsi (= prevedere).
    Cioè:
    - "Prevedevo che tu andassi a scuola" sarebbe giusto
    e
    - "Prevedevo che tu saresti andato a scuola" sarebbe sbagliato?
     
    Status
    Not open for further replies.
    < Previous | Next >
    Top