Cosa vuol dire?

< Previous | Next >

MedicenSaraTomate

Senior Member
Spanish (Perú)
Ciao a tutti,

Attualmente imparo l'italiano e mi sembra molto stranno che la gente dice "cosa vuol dire" invece di "cosa vuole dire", grammaticalmente quale è corretto?

grazie in anticipo
 
Last edited:
  • Lituano

    Senior Member
    Lithuanian
    Ciao a tutti,

    Attualmente imparo l'italiano e mi sembra molto stranno che la gente dice "cosa vuol dire" invece di "cosa vuole dire", grammaticalmente quale è corretto?

    grazie in anticipo
    Ciao Med.! Non ti pare che "cosa vuole dire" sia un`espressione troppo "lunga"? ;) "Vuol" è un`abbreviatura (un troncamento) di "vuole" e mi pare che suoni normale. :)
     
    Last edited:

    violadaprile

    Banned
    italian
    È solo un uso normale di alcune parole, che in italiano di possono troncare (abbreviazione e non abbreviatura):
    quale = qual
    tale = tal
    cotale = cotal
    bello = bel
    >
    cielo = ciel
    pelo = pel
    colle = col
    vuole = vuol
    Ma per pronomi e aggettivi si ammette solo al maschile. Il femminile non si tronca.
    Almeno per quello che so.
    :)
     

    francisgranada

    Senior Member
    Hungarian
    È solo un uso normale di alcune parole, che in italiano di possono troncare ...
    quale = qual
    tale = tal
    cotale = cotal
    bello = bel
    >
    cielo = ciel
    pelo = pel
    colle = col
    vuole = vuol
    ...
    Sì, infine si può dire anche amor, venir, cantar ... e migliaia di altre parole che terminano in -e. Ma queste forme sicuramente non sembrano "strane" per un ispanoparlante, anzi...

    Tornando al merito del tema, cioè il "troncamento" dei verbi in 3.pers. singolare, oltre a vuol ho incontrato anche vien e par, invece di viene e pare (altri esempi non mi vengono adesso in mente). Quindi voglio chiedervi, se le forme vien e par (e simili) sono usate anche nella lingua parlata, oppure vengono considerate piuttosto arcaiche o poetiche?
     

    pizzi

    Senior Member
    Italian, Italy
    "Ho invitato Luca a cena" "Uh, che bello! Vien da solo?" "No, con la sua ragazza!" "Non mi par vero! Finalmente ce la fa conoscere!"
     

    Youngfun

    Senior Member
    Wu Chinese & Italian
    pizzi:
    Non ti sembra che "vien" e "par" siano poetici come dice francisgranada? :)

    Direi che nella lingua corrente, "grande" e "bello" si troncano quasi sempre in "gran" e "bel".
    Ma non si possono troncare davanti a z, pn, gn, ps, x, y, s+cons. (s impura), vocale (stessa regola dell'articolo lo)
    Davanti a vocale normalmente si elide: grand' e bell'
    Ma non è regola fissa...

    Poi mi vengono in mente casi con 2 verbi consecutivi, in cui il primo si tronca: far fare, poter fare, saper fare, ecc.

    Avverto una differenza tra vuol dire e vuole dire...
    Vuol dire: significa
    Vuole dire: desidera dire
     

    Lituano

    Senior Member
    Lithuanian
    È solo un uso normale di alcune parole, che in italiano di possono troncare (abbreviazione e non abbreviatura):
    quale = qual
    tale = tal
    cotale = cotal
    bello = bel
    >
    cielo = ciel
    pelo = pel
    colle = col
    vuole = vuol
    Ma per pronomi e aggettivi si ammette solo al maschile. Il femminile non si tronca.
    Almeno per quello che so.
    :)
    Sì, Viola, certo che "abbreviazione". Ho sbagliato il termine...:(
     
    < Previous | Next >
    Top