Essere/stare a casa

Status
Not open for further replies.
  • champagne

    Member
    Italy
    Dove sei? Sono a casa
    Esci stasera? No, sto a casa
    In questo periodo è molto indaffarata, sta tutto il giorno chiusa in casa a studiare.

    Essere e stare possono essere equivalenti in determinati contesti. In questi esempi sono a casa è un dato di fatto, mentre sto a casa mi sembra più in relazione a un movimento. Però è difficile da spiegare...

    Ciao!
     

    moodywop

    Banned
    Italian - Italy
    I think they are both correct but have different meanings.

    (on the phone) A: Dove sei? B: Sono a casa

    Cara, sono a casa! = Darling, I'm home!

    Stare is restare in un luogo senza muoversi o allontanarsi (De Mauro):

    E' molto depresso. (Se ne) sta sempre a casa

    However in my part of Italy (Campania) stare is often used instead of essere.
     

    Gemelle

    Senior Member
    English
    Volevo dire:

    At the moment, I'm home from school for two weeks for the holidays.

    Adesso, sono/sto a casa per due settimane di vacanze da scuola.
     

    Giannaclaudia

    Senior Member
    Italian
    Ciao!

    Adesso sono a casa per due settimane di scuola, cioè non devo andare (a scuola) per due settimane.

    Adesso sto a casa per due settimane di scuola, cioè rimango a casa.

    Questa, secondo, me la differenza.
     

    champagne

    Member
    Italy
    Io direi "Adesso sono a casa da scuola per due settimane per le vacanze" ma non c'è grandissima differenza tra stare ed essere in questo contesto.
    Ciao!
     

    Giorgio Spizzi

    Senior Member
    Italian
    Scusa, Oblo,
    Sto a casa - significa che non esco, che rimango a casa (I'm not leaving, I'm staying home).
    Let's help the poor foreigner...
    GS
     

    cippolino

    New Member
    Italiano
    ciao a tutti,
    penso che la differenza essere/stare riferita alla localizzazione spaziale sia più o meno la seguente.

    essere: indica la semplice localizzazione in un luogo, nel momento in cui si parla o a cui si riferisce l'azione. Le chiavi sono nel cassetto. Domani sarò a Bruxelles. Ieri eravamo al concerto in piazza.

    stare
    : indica, in più di essere, l'idea di permanenza per un tempo determinato in quel luogo e, spesso, è accompagnato dall'indicazione esplicita della durata. Stamattina sono stato dal dentista per due ore. Starò a casa fino alle sei del pomeriggio, poi uscirò. Stamattina non ho voglia di lavorare: sto a casa.

    Si possono dare molte altre sfumature, ma mi sembra che la differenza fondamentale sia questa. Nota: ho dedotto questa spiegazione dallo studio di altre lingue molto simili all'italiano, come lo spagnolo o il catalano, in cui la differenza essere/stare è molto ben marcata e riconosciuta dalla grammatica e nell'uso corrente.

    PS: differerenza: Le chiavi sono nel cassetto / Le chiavi stanno nel cassetto. Si può applicare la regola che ho riportato sopra. Se dico "le chiavi sono nel cassetto", intendo semplicemente informare dove si trovano in questo momento, senza specificare quanto tempo rimarranno lì o se quello sia il loro posto abituale; se dico, invece, "le chiavi stanno nel cassetto", sottintendo che è abitudine che rimangano in quel luogo.
     
    Last edited:

    zippy.free

    New Member
    English - American
    Sono d'accordo con Cippolino, aggiungendo solo che mi e' stato molto utile nel imparare l'italiano pensare di "sta" come "stay". Suonando cosi' simili, mi sembravano anche di avere un senso molto simile. Lei e' a casa / She is at home. Lei sta a casa / She is staying in (su casa, per qualche motivo suo). Come sistema, mi ha eliminato dei problemi nel scegliere il verbo corretto tra "essere" e "stare". Ora sembra naturale ed inevitabile.
     
    Last edited:

    cecil

    Senior Member
    USA American English
    ciao a tutti,
    penso che la differenza essere/stare riferita alla localizzazione spaziale sia più o meno la seguente.

    essere: indica la semplice localizzazione in un luogo, nel momento in cui si parla o a cui si riferisce l'azione. Le chiavi sono nel cassetto. Domani sarò a Bruxelles. Ieri eravamo al concerto in piazza.

    stare: indica, in più di essere, l'idea di permanenza per un tempo determinato in quel luogo e, spesso, è accompagnato dall'indicazione esplicita della durata. Stamattina sono stato dal dentista per due ore. Starò a casa fino alle sei del pomeriggio, poi uscirò. Stamattina non ho voglia di lavorare: sto a casa.

    Si possono dare molte altre sfumature, ma mi sembra che la differenza fondamentale sia questa. Nota: ho dedotto questa spiegazione dallo studio di altre lingue molto simili all'italiano, come lo spagnolo o il catalano, in cui la differenza essere/stare è molto ben marcata e riconosciuta dalla grammatica e nell'uso corrente.

    PS: differerenza: Le chiavi sono nel cassetto / Le chiavi stanno nel cassetto. Si può applicare la regola che ho riportato sopra. Se dico "le chiavi sono nel cassetto", intendo semplicemente informare dove si trovano in questo momento, senza specificare quanto tempo rimarranno lì o se quello sia il loro posto abituale; se dico, invece, "le chiavi stanno nel cassetto", sottintendo che è abitudine che rimangano in quel luogo.

    :thumbsup:
     

    cecil

    Senior Member
    USA American English
    Sono d'accordo con Cippolino, aggiungendo solo che mi e' stato molto utile nel imparare l'italiano pensare di "sta" come "stay". Suonando cosi' simili, mi sembravano anche di avere un senso molto simile. Lei e' a casa / She is at home. Lei sta a casa / She is staying in (su casa, per qualche motivo suo). Come sistema, mi ha eliminato dei problemi nel scegliere il verbo corretto tra "essere" e "stare". Ora sembra naturale ed inevitabile.

    :thumbsup:
     

    Giorgio Spizzi

    Senior Member
    Italian
    Ciao, zippy.
    In effetti può risultare utile, però non dimenticare che noi diciamo comunemente "Dove sta tuo fratello?" e "Sta a Roma colla sua famiglia", usando "stare" col significato di "abitare/vivere", che in inglese non potrebbe essere "stay", ma piuttosto "live".
    Saluti.
    GS
     

    zippy.free

    New Member
    English - American
    Ciao, Giorgio.
    Si', e' vero che "sta" non tradusce sempre (o neanche la maggior parte delle volte) letteralmente come "stay"; pero' in quasi tutte le situazioni ce' almeno un senso (direi quasi un "gusto") di "stare" comunque. E' difficile explicarlo. Pero', devo dire che l'esempio citato, ("Dove sta tuo fratello?" e "Sta a Roma colla sua famiglia), me sembra di funzionare benissimo con il mio sistema. Cioe', il fratello "sta" con sua famiglia, ma scometto che quella famiglia (o almeno i vecchi genitori) "vive" / "vivono" da sempre in quella casa a Roma; ma quando quella famiglia va al mare per le ferie, loro "stanno" in albergo. Il fratello e' giovane e non "stara'" al lungo nella casa dei suoi. Puo' "vivere" li' se vuole, ma non dev'essere per forza dove "vive". E prima o poi lui se n'andra' a fare la sua propria casa dove "vivere". (O forse sono "splitting hairs." O mi sbaglio del tutto?)

    Nota bene: Per favore fare sempre delle correzioni anche grammatiche sui miei "posts". Ne ho bisogno, e gli apprezzo sempre.
     
    Status
    Not open for further replies.
    Top