la mia mamma/zia

< Previous | Next >

esila10070

Senior Member
Italian
Volevo sapere se grammaticalmente e' corretto dire "la mia mamma". A me non suona molto bene, penso che un madrelingua di solito non lo dica a meno che non si voglia sottolineare un particolare significato.

Devo correggere la frase: " Ogni mattina la mia mamma va al mercato".

Secondo voi e' corretta?

Grazie mille
 
  • daniele712

    Senior Member
    Italia
    Volevo sapere se grammaticalmente e' corretto dire "la mia mamma". A me non suona molto bene, penso che un madrelingua di solito non lo dica a meno che non si voglia sottolineare un particolare significato.

    Devo correggere la frase: " Ogni mattina la mia mamma va al mercato".

    Secondo voi e' corretta?

    Grazie mille
    Dipende con chi parli.
    Di solito si usa 'madre' quando si parla con estranei.
    ogni mattina mia madre va ect.

    Mentre
    Ogni mattina mia mamma (o la mia mamma) va ect.
    quando vuoi particolarmente sottolineare affetto verso di lei , se parli a qualcuno con cui sei in confidenza.( Cosi si esprimerebbe anche un bambino ,,la mia mamma ha fatto questo e quello:)).
    Mentre a un familiare, fratello cugino zio (non semplice amico) dirai di solito:
    ogni mattina mamma va ect.

    Daniele
     

    fiorilù

    Senior Member
    italian
    Volevo sapere se grammaticalmente e' corretto dire "la mia mamma". A me non suona molto bene, penso che un madrelingua di solito non lo dica a meno che non si voglia sottolineare un particolare significato.

    Devo correggere la frase: " Ogni mattina la mia mamma va al mercato".

    Secondo voi e' corretta?

    Grazie mille

    Secondo me è giusto omettere "la" - il "la" è aggiunto specialmente in certe regioni del nord (Lombardia, Veneto)...
     

    gabrigabri

    Senior Member
    Italian, Italy (Torino)
    A quanto so io, la versione corretta sarebbe "la mia mamma", oppure "mia madre". Ma io ho sempre detto "mia mamma" senza articolo...
     

    DanyD

    Senior Member
    Italiano, Italy
    Anch'io, come gabrigabri, ho sempre detto "mia mamma".
    Però non trovo sabgliato dire "la mia mamma", soprattutto in casi in cui si vuole esprimere affetto:
    "la mia mamma mi ha preso tutti gli arretrati di Dylan Dog" :)-D).
     

    DrLindenbrock

    Senior Member
    Italian
    In parziale disaccordo con alcune delle opinioni espresse, io dico:
    la mia mamma & mia madre
    E anche la maggior parte dei miei amici e conoscenti fa lo stesso (zone geografiche di provenienza: Roma, Toscana, Umbria).

    Oltretutto è difficile dare un risposta univoca perché quando si dice "mamma" si è in situazioni molto informali per cui nelle dette zone si tende a usare la forma dialettale "la mi' mamma" ... e quando la situazione è più formale si usa il termine "madre"....
     

    daniele712

    Senior Member
    Italia
    ho incontrato mio papà
    è venuto il mio papà
    ho incontrato/è venuto mio padre

    ho incontrato mia mamma(articolo facoltativo)
    è venuta (la) mia mamma(articolo facoltativo)
    è venuta/ho incontrato mia madre.

    Anche voi fate differenza tra 'mamma' e 'papà' nel decidere se farli precedere dall'articolo?
     

    Akire72

    Senior Member
    Italian - Italy
    Ho trovato questo estratto dalla Treccani che è molto interessante. conferma la regola che ricordavo approssimativamente ovvero che si dice la mia mamma, ma non la mia madre:

    Lemma: mamma
    mamma s. f. [lat. mamma (voce infantile), che aveva entrambi i sign. (di “madre” e di “mammella”);
    [...] vuole sempre l'articolo quando è preceduta da agg. poss. (la mia m., la tua m., ecc.), mentre l'uso o l'esclusione dell'articolo dopo prep. dipende da preferenze region.: chiedi alla m.; vai da m. o dalla m.;
    esco con m. o con la m.; sempre senza articolo quando ha valore indeterminato, in espressioni quali: amore di m., cuore di m., e sim. Oltre che la madre propria può indicare anche, senza bisogno dell'agg. poss., la madre d'altre persone, parenti stretti o amici: di' a m. che le telefonerò stasera (e s'intende “a tua madre”); e come forma di rispetto, è spesso chiamata mamma (vocativo) anche la suocera.
    [..]
    ✦ Dim. mammétta, non com.; mammina, mamma ancora giovane, oppure bambina che fa da mamma ai fratelli minori, e genericam. mamma, come espressione affettuosa; mammùccia, mammuzza, anche in tono spreg. (fare alle mammucce, non com., perdere tempo in cose futili); accr. mammóna; pegg. mammàccia. Come vocativo, è in uso anche la forma affettiva mammi o mami.
     

    daniele712

    Senior Member
    Italia
    Ho trovato questo estratto dalla Treccani che è molto interessante. conferma la regola che ricordavo approssimativamente ovvero che si dice la mia mamma, ma non la mia madre:
    Che si dovrebbe dire,forse(forse:Treccani o non Treccani).
    Ti posso assicurare che si dice anche mia mamma oltre che la mia mamma.

    Io comunque noto un uso diverso dell'articolo davanti a mamma,babbo o papà.

    E' venuto papà- mamma/la mamma- babbo/il babbo.
    Papà andava al mercato-mamma/la mamma-babbo/il babbo
    Il mio papà andava al mercato(senza articolo davanti sembra che me lo mangi)
    (Il)mio babbo/mamma andava al mercato (facoltativo).

    Daniele (non mi toccate la mamma!!:D)
     

    Akire72

    Senior Member
    Italian - Italy
    Daniele, confermo che si dice anche mia mamma/mio papà senza l'articolo, ma ribadisco che assolutamente non si dice la mia madre, il mio pdre. La mia sorella, il mio fratello invece in Toscana ad esempio sono sempre preceduti dall'articolo , quindi i nostri amici potrebbero sentirlo, ma è sbagliato in italiano se non c'è un aggettivo che lo determini o se non è un diminutivo.

    Es.

    La mia sorella è andata al mercato:cross:
    Mia sorella è andata al mercato:tick:
    Mia sorella maggiore è andata al mercato:cross:
    La mia sorella maggiore è andata al mercato:tick:

    Mia sorellina piange:cross:
    La mia sorellina piange:tick:
     

    daniele712

    Senior Member
    Italia
    Daniele, confermo che si dice anche mia mamma/mio papà senza l'articolo, ma ribadisco che assolutamente non si dice la mia madre, il mio pdre. La mia sorella, il mio fratello invece in Toscana ad esempio sono sempre preceduti dall'articolo , quindi i nostri amici potrebbero sentirlo, ma è sbagliato in italiano se non c'è un aggettivo che lo determini o se non è un diminutivo.

    Es.

    La mia sorella è andata al mercato:cross:
    Mia sorella è andata al mercato:tick:
    Mia sorella maggiore è andata al mercato:cross:
    La mia sorella maggiore è andata al mercato:tick:

    Mia sorellina piange:cross:
    La mia sorellina piange:tick:
    :thumbsup:
    Confermo mio/a padre/madre senza articolo davanti.
    (non son sicuro che non si usi dire 'mia sorellina piange' senza articolo davanti, di certo con l'articolo è preferibilie -dipende dal contesto :se è la mia unica sorellina o meno -la mia sorellina più piccola obbligatoriamente
    se ho una sola sorella più piccola e sorellina diventa un vezzeggiativo forse l'articolo si può omettere-).

    Ciao(non mi toccate la mamma! )
     

    DrLindenbrock

    Senior Member
    Italian
    Secondo me per i diminutivi l'articolo ci va; si dice "mio fratello" ma "il mio fratellino", "mia sorella" ma "la mia sorellina". Almeno, questo è quel che ho sempre sentito.

    Riguardo a quello che dice Daniele, credo dipenda anche dalle singole abitudini...fatto sta che alcuni usano "babbo" anche senza articolo. A me non piace, ma c'è chi lo usa... Per il resto, è vero che non ho mai sentito "papà" preceduto da articolo. Per "mamma" credo siano egualmente comuni entrambe le forme, con o senza articolo (ma io preferisco con l'articolo ;) ).
    Alla prossima :)
     

    Exceptions

    Member
    Italian
    Quanto a questo siamo in due :)

    Daniele
    Non è esatto, da noi si dice il papà:

    Hai chiesto al papà?
    Il papà è uscito, torna subito.

    Invece "il mio papà" lo vedo più come un vezzeggiativo (anche "la mia mamma" in quanto a questo).

    Per restare sulla correttezza, mi rifarò alla Treccani succitata... e nemmeno a me, non mi toccate la mamma!!! :D
     

    laurentius87

    Senior Member
    Italian
    Comunque di norma i nomi di parenti con possessivo non sono preceduti da articolo determinativo, così almeno mi disse di aver studiato l'insegnante di tedesco - e riflettendoci direi che la regola vale tranne che per la mia mamma che si sente spesso soprattutto nel linguaggio infantile -.
     

    Sinenomine

    New Member
    Español - Argentina
    Non ho qui la grammatica, ma ricordo di aver studiato che i nomi di parenti con possessivo non sono preceduti da articolo determinativo, tranne quando sono al plurale (mia sorella, ma le mie sorelle) o sono "modificati" (mio fratello, ma il mio fratellastro o il mio fratellino). Secondo questa regola sarebbe mia madre, ma la mia mamma.
     

    laurentius87

    Senior Member
    Italian
    Non ho qui la grammatica, ma ricordo di aver studiato che i nomi di parenti con possessivo non sono preceduti da articolo determinativo, tranne quando sono al plurale (mia sorella, ma le mie sorelle) o sono "modificati" (mio fratello, ma il mio fratellastro o il mio fratellino). Secondo questa regola sarebbe mia madre, ma la mia mamma.
    Sì hai ragione. Però "mamma" non è modificato... infatti è comunissimo sentire mia mamma e mio papà.
     

    marco.cur

    Senior Member
    Normalmente si dice "mia mamma", ma a volte anche "la mia mamma", quando si vuole enfatizzare la componente affettiva.

    Per esempio:
    Oggi mia mamma è andata al mercato
    Le voglio tanto bene perché è la mia mamma
     

    ursu-lab

    Senior Member
    italian, catalan & spanish
    I nomi di parenti al singolare non vogliono l'articolo davanti al possessivo tranne nei seguenti casi:

    1) quando è implicito un tono d'affetto, come nel caso di mamma e papà (a differenza dei più "neutri" madre e padre):

    mia madre, mia mamma -> tono "normale"
    la mia mamma / il mio papà -> tono affettuoso o infantile

    2) quando sono accompagnati da aggettivi o in presenza di suffissi che alterano il nome (vezzeggiativi, ecc):
    mia sorella, mio fratello, mio cugino, ma:
    la mia sorella più piccola
    la mia sorellina, la mia nonnina
    il mio bel cuginetto
    il mio fratellastro
    la mia zietta
    la mia giovane zia

    L'articolo è sempre obbligatorio davanti al possessivo "loro".
     
    Last edited:

    Giorgio Spizzi

    Senior Member
    Italian
    Nota di colore da aggiungere, se volete, alle altre utili notizie sulle forme di italiano (NON dialetto) sub-standard di certe parti del Bel Paese. In diverse località della Romagna (Cesena, Forlì, ecc.) si dice sempre "la mia mamma", "il mio babbo", "la mia sorella", "il mio fratello", "la mia moglie", "il mio marito", "la mia figlia", "la mia nonna", ecc.

    Nota di colore da aggiungere, se volete, alle istruttive notizie sui regionalismi citati fin qui. In diverse località della Romagna si dice in pratica soltanto: la mia moglie, la mia sorella, la mia mamma, il mio marito, la mia nonna, il mio nonno, il mio fratello, la mia figlia, il mio figlio, la mia cugina, ecc. Alé!
     

    Sinenomine

    New Member
    Español - Argentina
    Laurentius, hai ragione, scusa, mi sono espressa male. Ma ho trovato la grammatica! Copio:

    "Davanti a nomi indicanti parentela, l'articolo non si omette:

    a) quando i nomi indicanti parentela sono usati al plurale

    b) quando i nomi indicanti parentela sono alterati (fratellastro, nonnino) o in forma vezzeggiativa (mamma, babbo, papà)

    c) quando i nomi indicanti parentela sono accompagnati da un aggettivo qualificativo o da un complemento di specificazione

    d) quando l'aggettico possessivo che accompagna il nome indicante parentela è l'aggettivo di terza persona plurale loro.

    (La grammatica della lingua italiana, Marcello Sensini, pg. 158.)

    Mi hai fatto fare un bel ripaso! :)
     

    marcogaiotto

    Senior Member
    Italian
    La mia zia/ mia zia mi ha regalato una collana.

    Ciao! Scusate, in questo caso l'articolo è possibile o meno? Ho trovato informazioni diverse. Nel dizionario si dice che entrambe le versioni sono possibile, sul web si dice che l'articolo non ci va.
    E se aggiungessi il nome, tipo "la mia/mia zia Elvira"?
    Vi ringrazio....
     

    Mary49

    Senior Member
    Italian
    Uso dell'articolo e dell'aggettivo possessivo coi nomi di parentela | Accademia della Crusca "Nella lingua italiana quando ci troviamo di fronte a dei singenionimi (termine tecnico per indicare i nomi di parentela) occorre fare delle distinzioni, poiché la casistica è assai varia. Innanzitutto, con padre, madre, figlio, figlia l'articolo si omette; non sono corrette frasi come "il mio padre era un uomo d'affari" oppure "questa è la mia figlia" (quest'ultimo caso potrebbe essere accettabile solo quando al sostantivo segua, o preceda, un aggettivo: "questa è la mia figlia maggiore", "questa è la mia bella figlia", ecc.). L'articolo, invece, come suggerisce Serianni (Italiano, Milano, Garzanti, 2000), si esprime normalmente con le varianti affettive dei singenionimi, ad esempio con babbo, papà, mamma, figliolo, figliola, nonna, nonno; perciò, "la mia mamma", "il mio papà" oppure "il mio babbo" sono espressioni corrette, usate nella letteratura da autori sia toscani (come Collodi), sia di altre provenienze geografiche (come Verga). Nell'italiano familiare, specie fuori dalla Toscana, sono tuttavia ben saldi i tipi mia mamma e mio papà. Con altri nomi di parentela l'uso toscano predilige l'articolo: sono molto diffusi nel linguaggio popolare "la mi' mamma" "i' mi' marito", ecc., ma altrove è comune l'omissione".
    possessivi, aggettivi e pronomi in "Enciclopedia dell'Italiano"
    "Vi sono tuttavia alcuni casi in cui l’aggettivo possessivo (a eccezione di loro) non può essere preceduto dall’articolo qualora il nome a cui si riferisce sia singolare. Ciò avviene, ad es., con i termini di parentela (➔ parentela, nomi di), come in (22); si noti anche il contrasto con (23), in cui i nomi sono al plurale, e con (24), in cui il possessivo è loro:
    (22) mio fratello, tua figlia, nostra nonna, vostro cugino, ecc.
    (23) i miei fratelli, le tue figlie, le nostre nonne, i vostri cugini, ecc.
    (24) il loro fratello, la loro figlia, la loro nonna, il loro cugino, ecc.".
     
    < Previous | Next >
    Top