lavoro precario / saltuario

Rallino

Moderatoúrkos
Turkish
Buonasera a tutti :)

Qualcuno saprebbe spiegarmi la differenza tra un lavoro precario e saltuario?

Le ho incontrate leggendo un passaggio in un libro di corso d'italiano, Progetto Italiano.

Il paragrafo comincia cosi':

L'Italia e' sicuramente uno dei paesi piu' belli del mondo. Tant'e' vero che gli italiani stessi lo chiamano "Belpaese". Per quanto questa penisola sia unica, pero', non e' perfetta: vediamo in breve alcuni dei suoi problemi.

E poi viene la frase: Uno dei grandi problemi dell'Italia di oggi e' la "sottoccupazione", cioe' il lavoro precario, saltuario e il lavoro nero.

----

Ho fatto una ricerca su questi termini, e secondo quello che ho trovato:

un lavoro precario: non e' un lavoro certo o sicuro. Cioe' oggi c'e', domani chissa'.
un lavoro saltuario: magari lavori quando serve, quando ti chiamano.

Francamente io non vedo molta differenza fra questi due tipi di lavoro... Cioe' e' cosi' sottile la differenza o c'e' qualcosa che mi manca?

Grazie in anticipo!
 
  • Paulfromitaly

    MODerator
    Italian
    un lavoro precario: non e' un lavoro certo o sicuro. Cioe' oggi c'e', domani chissa'.:tick: (è un lavoro continuato, si lavora tutti i giorni ma c'è sempre pericolo di lincenziamento)
    un lavoro saltuario: magari lavori quando serve, quando ti chiamano.:tick: (si lavora per brevi periodi di tempo)
     

    francisgranada

    Senior Member
    Hungarian
    Hmm, OK. Una sottigliezza interessante.
    Secondo me questa "sottigliezza" si può capire anche dal proprio termine saltuario (che evidentemente proviene dal verbo saltare), cioè nel senso figurato "qualcosa che non è continuo". Ovviamente, un lavoro saltuario può essere anche precario ...
     
    < Previous | Next >
    Top