nose to tail

vetusta

Senior Member
Italy, italian
Ciao a tutti/e,
è il nome di una ricetta.

It’s called rabbit nose to tail. It’s ballotine of the saddle, sausages made from minced leg and offal, and then there’s a little offal toast.


Si chiama "coniglio dal naso alla coda (???)". E' un ballotine della slla, salsicce fatte con le zampe e le frattaglie e poi c'è un piccolo toast/crostino di frattaglie.

Va bene tradurlo così letteralmente?

Grazie
 
  • alenaro

    Senior Member
    Italian
    It’s called rabbit nose to tail. It’s ballotine of the saddle, sausages made from minced leg and offal, and then there’s a little offal toast.
    Non ho trovato un equivalente in italiano. O lasci il nome della ricetta in inglese, oppure dovresti trovare l'equivalente modo di cucinarlo in Italia e utilizzare il nome della ricetta italiana. Altrimenti non tradurrei se fossi in te.
     

    vetusta

    Senior Member
    Italy, italian
    Non ho trovato un equivalente in italiano. O lasci il nome della ricetta in inglese, oppure dovresti trovare l'equivalente modo di cucinarlo in Italia e utilizzare il nome della ricetta italiana. Altrimenti non tradurrei se fossi in te.
    Grazie alenaro,
    una ricetta non l'ho trovata, ma l'espressione è usata, è anche il titolo di un libro, metterò la nota.
     

    Connie Eyeland

    Senior Member
    Italiano
    Ciao.:)

    Non si tratta di un metodo di preparazione, ma di una tendenza culinaria lanciata da un cuoco inglese, secondo cui vanno cucinate tutte le parti di un animale, soprattutto le meno nobili (frattaglie, orecchie, coda, ecc.), esaltandole in preparazioni che le rendano saporite ed apprezzabili.
    Seguire la filosofia del "nose-to-tail eating" equivale a fare con tutti gli animali commestibili ciò che si è sempre fatto con il maiale, del quale notoriamente "non si butta via niente".
    I piatti descritti nel tuo testo fanno parte di un menù di coniglio nose-to-tail, perché le portate sono composte da varie parti del coniglio, in special modo frattaglie.

    In italiano si mantiene l'espressione non tradotta e per spiegarla si ricorre alla nostra equivalente espressione idiomatica "dalla testa ai piedi".
    Per riferimenti vedi qui e qui.
     
    < Previous | Next >
    Top