più meno di

< Previous | Next >

Mister Draken

Senior Member
Castellano (Argentina)
Hola a todos.

Leo: "La filosofia, lingua morta. «La lingua dei poeti è sempre una lingua morta… curioso a dirsi: lingua morta che si usa a dar maggior vita al pensiero». Forse non una lingua morta, ma un dialetto. Che filosofia e poesia parlino in una lingua che è più meno della lingua, questo dà la misura del loro rango, della loro speciale vitalità." (Giorgio Agamben, «Quando la casa brucia»).

Borrador de traducción (porque las reglas lo piden): La filosofía, lengua muerta. «La lengua de los poetas es siempre una lengua muerta… resulta curioso: lengua muerta usada para dar más vida al pensamiento». Tal vez no una lengua muerta, sino un dialecto. Que la filosofía y la poesía hablen en un idioma que es menos que la lengua, esto da la medida de su rango, de su especial vitalidad.

Querría saber si el più es enfático/intensificador (rafforzativo) y si suele traducirse como si fuese un "muy/mucho", "harto", etcétera (mucho menos que la lengua). Por más que he buscado en el Dizionario Di Mauro y en el Treccani no he podido encontrar una explicación.

¡Gracias!
 
  • chlapec

    aMODiño...
    Galician & Spanish-Spain
    Esperemos lo que dicen los 'madrelingua', pero yo creo que aquí "più meno" corresponde simplemente a "più o meno" (más o menos), en el sentido de 'aproximadamente', o 'comparable a', o 'casi'...
     

    TheCrociato91

    Senior Member
    Italian - Northern Italy
    La verdad es que la oración me deja perplejo tal y como está redactada. En principio me decantaría por la sugerencia de chlapec, aunque se me hace bastante raro que se suprima la conjunción "o" de "più o meno".

    Querría saber si el più es enfático/intensificador (rafforzativo) y si suele traducirse como si fuese un "muy/mucho", "harto", etcétera (mucho menos que la lengua)
    Que yo sepa, no.

    Esperemos otras opiniones. A ver si también nos echan una mano los compañeros del foro de italiano, porque aquí la cuestión es entender el italiano antes de traducirlo al español.
    @bearded
    @Mary49
     

    bearded

    Senior Member
    Anche secondo me manca un ''o'' , o almeno una barra: più o meno - più/ meno. Però credo che il significato sia ''che ...parlino in una lingua che è sempre qualcosa di più o (rispettivamente) qualcosa di meno della lingua consueta'' : insomma la lingua della filosofia e della poesia non è mai come la lingua normale. Non ''più o meno'' nel senso di all'incirca.
     
    Last edited:

    Mister Draken

    Senior Member
    Castellano (Argentina)
    Grazie, bearded.

    Senza una buona interpretazione grammaticale diventa imposibile capire e tradurre corretamente... allora, per me risulta più difficile interpretare una idea non detta, tanto più se c'è un refuso o se manca qualcosa.
     

    bearded

    Senior Member
    Quel ''della'' in più (o) meno della lingua secondo me indica che siamo di fronte a un'espressione comparativa, e non a
    ''più o meno = aproximadamente''. Mi pare che la mia interpretazione dia un senso alla frase, e sono lieto di aver un po' aiutato Mr.Draken.
     

    bearded

    Senior Member
    Ma cosa faccio con il più?
    Il mio spagnolo non è tanto buono, ma io tradurrei algo más/algo menos que...
    Posso sbagliarmi (attendi altri pareri), ma mi sembra che le traduzioni citate non siano esatte.
    Il ''dialetto'', a cui l'autore fa riferimento, è contemporaneamente un di più (perché è più vivo) rispetto alla lingua, ma è di rango inferiore ad essa.
     
    Last edited:

    Mary49

    Senior Member
    Italian
    Ciao,
    io lo vedo come un comparativo di minoranza, espresso in maniera filosofica. Non è un "più o meno", ma proprio "più 'meno'", nel senso che la lingua della filosofia e della poesia, considerata lingua morta, è, in grado superiore, inferiore ad una lingua "normale".
     

    lorenzos

    Senior Member
    italiano
    Mi pare che abbiano bene inteso i traduttori: cercando tra i libri in rete sembra che "più meno" sia una forma arcaica per "per lo più meno", "ancor meno" o anche "maggiormente inferiore" (ma non sono affatto un esperto):
    - E più meno egli ci apparirà, se di azzurra ella si faccia verde: e meno ancora se gialla, e sempre meno se rancia o dorè (Francesco Algarotti · 1752)
    - Per provocar la urina ritenuta , e scacciar li calcoli con più meno travaglio , pigliate le Pietre Salici di fiume , ed in focatele bene, estinguendole poi nel vino, che beve il paziente. (Mariano Chiariana · 1724)
    - Queste son maraviglie di stupore, E chi le pensa più meno le intende. (
    Gasparo Cesana · 1606)
     
    < Previous | Next >
    Top