representation

Eatslowly

New Member
Italian
Devo tradurre questa frase in italiano:
Nothing contained in this document is intended to, nor shall have the effect of, creating any warranties or representations from XXX (or its suppliers or licensors), or altering the terms and conditions of the applicable licence agreement governing the use of XXX software.

Ho tradotto così, ma non so cosa indicare per "representations":
Nulla di quanto contenuto in questo documento è destinato e né avrà l'effetto di generare garanzie o ??????? da parte di XXX (o dei suoi fornitori o licenziatari), né di modificare i termini e le condizioni contenuti nello specifico contratto di licenza che regola l'uso di software XXX.

Grazie in anticipo a chi mi può dare un supporto
 
  • Lorena1970

    Banned
    Italy, Italiano
    Direi:
    "Niente di ciò che è contenuto in questo documento è volto a creare garanzia o rappresentare XXX ( o i suoi fornitori o licenziatari), né deve avere questo effetto, né deve modificare termini e condizioni relativi all'applicazione del contratto di licenza che presiede l'uso del software YYY."
     

    longplay

    Banned
    italian
    In cui la risposta giusta è quella di TR: "dichiarazioni". :)
    Vero. Quindi "Nessuna parte del presente documento è intesa a ,né avrà l' effetto di creare qualsivoglia garanzia e dichiarazione da.....o di modificare le clausole dell'accordo ..."
    E' accettabile, CPA? You have a better translation ...for sure !
     

    CPA

    Senior Member
    British English/Italian - bilingual
    Mah, io direi semplicemente: "Nessuna parte del presente documento costituisce garanzia o dichiarazione da parte di XXX..."
     

    longplay

    Banned
    italian
    Lo farei anch' io, ma qualche volta mi è stato obiettato che "omissions are not allowed" , specialmente in contesti "legalesi". Il che mi lascia un po' perplesso, ma gli avvocati...
    si sa ! Ciao.
     

    CPA

    Senior Member
    British English/Italian - bilingual
    Lo farei anch' io, ma qualche volta mi è stato obiettato che "omissions are not allowed" , specialmente in contesti "legalesi". Il che mi lascia un po' perplesso, ma gli avvocati...
    si sa ! Ciao.

    Se lo vogliono "paro paro", glielo dai "paro paro", anche se lo stile va a farsi benedire. Però chi ha una qualche dimestichezza con i contratti AE, sa che sono composti per almeno il 70% di frasi e/o clausole fatte, che trovano un corrispettivo italiano in altrettante frasi e/o clausole fatte, magari espresse in modo leggermente diverso e (miracolo!) più sintetico. Mi riferisco naturalmente alle clausole generiche e onnipresenti, non a quelle specifiche. :)
     

    tlaw

    New Member
    Italian
    Lo farei anch' io, ma qualche volta mi è stato obiettato che "omissions are not allowed" , specialmente in contesti "legalesi". Il che mi lascia un po' perplesso, ma gli avvocati...
    si sa ! Ciao.

    Ho appena risposto ad un thread simile (e - si - sono avvocato, ma nessuno è perfetto :cool: )

    No representation in legalese significa "senza garanzia / senza promessa". Quindi nel tuo caso tradurrei "Nulla di quanto contenuto nel presente documento intende creare, ovvero ha l'effetto di creare, alcuna garanzia e/o promessa (o "dichiarazione") di XXX"

    Ad esempio sui prodotti dimagranti c'è spesso scritto in piccolo "no representation" = ti ho venduto una crema esattamente come descritta sulla confezione. Non puoi lamentarti dal giudice che ti avevo fatto intendere effetti miracolosi.

    Saluti da Londra, e grazie per l'aiuto che mi date
     

    MissItalia

    New Member
    Italian
    Le risposte fornite mi sembrano quasi tutte interessanti (per qualche verso), in particolare quelle di CPA e di TLAW (anche per motivi di competenza professionale), ma vorrei aggiungere un mio personale contributo, spero utile per qualcuno.

    Innanzitutto, vorrei proporre una mia traduzione alternativa che, per quanto differisca dall'ultima proposta (che mi sembra anche la più valida) più nella forma che nella sostanza, qualcuno potrebbe apprezzare per il suo contributo alla diversificazione o all'allargamento del panorama (sono ben pochi i problemi che ammettono una soluzione unica, e le traduzioni non fanno certo eccezione):
    "Nessuna parte del presente documento intende fornire, o si deve assumere che fornisca, alcuna garanzia o promessa da parte di XXX, né modifica a termini e condizioni dell'accordo di licenza applicabile che regola l'uso del software YYY"

    Sempre allo scopo di allargare il panorama, propongo un'altra frase trovata recentemente in un sito di e-commerce, che altresì include il vocabolo controverso ('representation'):
    "XXX makes no warranties, nor express or implied representations whatsoever, regarding the accuracy, completeness, timeliness, comparative or controversial nature, or usefulness of any information contained or referenced on this Web site."
    Per questa frase (anch'essa scritta in tipico legalese), propongo la seguente traduzione:
    "XXX non fornisce alcuna garanzia, né promessa implicita o esplicita di alcun genere, relativamente alla precisione, completezza, attualità, natura comparativa o controversa, o utilità di qualsiasi informazione contenuta in questo sito Web o nei suoi riferimenti."

    Perdonatemi infine la seguente digressione, che spero 'rappresenti' altresì un contributo utile, piuttosto che un fattore negativo.

    Visto che siamo in tema di "disclaimers" (liberatorie), preciso per la cronaca che non sono un avvocato, ma ritengo che la figura del traduttore totalmente asettico (non-giuridico, non-scientifico, non-commerciale, etc.) non possa realmente più esistere in un mondo così interdisciplinare e variegato.
    Pertanto, se ci si trova di fronte (diciamo pure 'obtorto collo') ad un contesto specialistico, magari annegato in altro contesto non specialistico, bisogna essere attrezzati per affrontarlo in maniera sufficientemente corretta. La vera sfida è riuscire a coniugare la forma con la sostanza, ossia rendere il significato nel modo più preciso e fedele possibile, pur rispettando la forma ed i fraseggi tipici della lingua di destinazione; ed è qui che la specializzazione può rappresentare un vero valore aggiunto, grazie all'esperienza acquisita su grandi quantità di letteratura dello stesso genere in entrambe le lingue coinvolte.
    Per questo motivo, ritengo utile che, in contesti specialistici come quello in oggetto, gli utenti/contributori specifichino se sono professionisti o esperti del settore (ed è un peccato che qui uno solo l'abbia fatto, peraltro in modo puramente incidentale), dato che questo 'rappresenta' sicuramente un elemento di valutazione aggiuntivo della (qualità della) risposta in simili ambiti.
     
    Last edited:
    Top