salumiere, salumaio, norcino

Status
Not open for further replies.

L'aura che tu respiri

Senior Member
English - USA
Amici,

Cerco la parola giusta per la persona non che VENDE i salumi ma che FA i salumi. Se io capisca bene, norcino ha questo senso. Comunque, mi sembra norcino sia una parola regionale. Non credo che si possa dire che la persona che fa un salame in Calabria si chiama norcino. Comunque, tutti i dizionari (Treccani, Garzanti) dicono che il salumiere/salumaio sia la persona che VENDE i salumi.
 
Last edited by a moderator:
  • L'aura che tu respiri

    Senior Member
    English - USA
    Ho letto con TANTISSIMA attenzione Treccani, che dice il salumiere e il salumaio VENDONO i salumi. Per quando riguarda il norcino, ripeto una seconda volta che dato la riferenza a Norcia, non sono sicuro se la parola norcina si possa usare nel Sud.
     

    ohbice

    Senior Member
    Non so, servirebbe sapere di cosa stai parlando, a quale tipo di pubblico ti stai rivolgendo... le solite cose che chiamiamo contesto.
    A proposito dell'arte della norcineria, è vero che Norcia è una bella cittadina umbra. E' altrettanto vero che in Calabria, dove pure fabbricano salumi eccellenti e la tradizione è di antica data, esisteranno termini diversi per dire la stessa cosa. Ma - almeno a mio modesto parere - se devi descrivere il lavoro di fabbricante di salumi calabrese a un pubblico italiano Norcia è un ottimo punto di partenza. Altrimenti potresti ricorrere a produttore di salumi. Ho dato un'occhiata a un paio di salumifici di Sicilia e Calabria ma non usano termini più specifici di così.
    Ciao
    p
     

    L'aura che tu respiri

    Senior Member
    English - USA
    Ho dato un'occhiata a un paio di salumifici di Sicilia e Calabria ma non usano termini più specifici di così.
    Esatto; si direbbe raramente norcino nel Sud -- ecco la ragione che ho aperto il thread. Facendo la domanda in modo diverso: Come si chiama una persona meridionali che fa (non vende, fa) i salumi tipo salame, pancetta, guanciale?
     

    Pat (√2)

    Senior Member
    Italiano
    Come si chiama una persona meridionale che fa (non vende, fa) i salumi tipo salame, pancetta, guanciale?
    Al giorno d'oggi, solitamente si chiama "operaio in un salumificio" :rolleyes: Quei pochi che ancora lo fanno artigianalmente si chiamano norcini.
    Se il termine norcino non fosse diffuso in tutta Italia, i dizionari lo specificherebbero, qualificandolo come regionale (region.).
     

    furs

    Senior Member
    Italian
    Ma sicuramente nessuno nel Nord Italia usa la parola norcino. Certamente una persona di livello culturale (medio)alto ne conosce il significato, ma a mio avviso rimane un termine eminentemente centro-italiano. Prova ne sia che se fai una ricerca in rete, troverai 'norcinerie' esclusivamente in Toscana, Umbria e Lazio.
     

    Paulfromitaly

    MODerator
    Italian
    Ma sicuramente nessuno nel Nord Italia usa la parola norcino. Certamente una persona di livello culturale (medio)alto ne conosce il significato, ma a mio avviso rimane un termine eminentemente centro-italiano. Prova ne sia che se fai una ricerca in rete, troverai 'norcinerie' esclusivamente in Toscana, Umbria e Lazio.
    Qui tutti usano la parola norcino se si vogliono esprimere in italiano. L'unica alternativa sarebbe usare termini dialettali.

    http://www.norcinibresciani.it/
     

    giginho

    Senior Member
    Italiano & Piemontese
    Ma sicuramente nessuno nel Nord Italia usa la parola norcino. Certamente una persona di livello culturale (medio)alto ne conosce il significato, ma a mio avviso rimane un termine eminentemente centro-italiano. Prova ne sia che se fai una ricerca in rete, troverai 'norcinerie' esclusivamente in Toscana, Umbria e Lazio.
    No, contesto! ;) Da noi ci sono fior di salumi tipici che vengono fatti con l'aiuto del norcino, signore esperto nella dosatura di spezie e diavolerie varie che si usano per aromatizzare la carne degli insaccati. Se usi il termine norcino dalle mie parti verrai capito....e siamo abbastanza nordici da non essere del centro Italia!
     

    L'aura che tu respiri

    Senior Member
    English - USA
    Esattamente.
    Paolo, hai ragione in teoria ma torto in pratica. So che l'assenza di "reg." o "dial." indica che la parola fa parte della lingua italiana, che verosimilmente si parli sia ad Alagna Valsesia sia a Ragusa. Ma quello non guarantisce che si possa usare una parola in tutti i due luoghi ed essere capito. Vuol dire solamente che TEORETICAMENTE si DOVREBBE potere usare qualsiasi parola nel dizionario ed essere capito ovunque. Ma non sono d'accordo con te che la domanda "Si usa questa parola in quella zona?" sia illegittima.
    La risposta laconica, "Perché non guardi il dizionario?" non basta.
     

    furs

    Senior Member
    Italian
    No, contesto! ;) Da noi ci sono fior di salumi tipici che vengono fatti con l'aiuto del norcino, signore esperto nella dosatura di spezie e diavolerie varie che si usano per aromatizzare la carne degli insaccati. Se usi il termine norcino dalle mie parti verrai capito....e siamo abbastanza nordici da non essere del centro Italia!
    Sarà. Io ho vissuto in Venezia Giulia, Veneto, Lombardia, Piemonte, Liguria, Valle d'Aosta. E non credo di aver mai visto o sentito il termine in questione (che conosco solo per aver frequentato le regioni dove invece è relativamente comune) in nessuna di queste zone .
     

    giginho

    Senior Member
    Italiano & Piemontese
    Sarà. Io ho vissuto in Venezia Giulia, Veneto, Lombardia, Piemonte, Liguria, Valle d'Aosta. E non credo di aver mai visto o sentito il termine in questione (che conosco solo per aver frequentato le regioni dove invece è relativamente comune) in nessuna di queste zone .
    Ti racconto quando ho sentito per la prima volta il termine: era da poco passato Sant'Antonio, quando di solito si ammazza il maiale per farne salumi secondo la tradizione (almeno in Piemonte). Io e mio zio dovevamo andare da un produttore di salumi, nonché allevatore di maiali per comprare i prodotti e mio zio chiama per confermare l'appuntamento. Il fattore gli disse: "dobbiamo rimandare perché il Norcino non è riuscito a passare". Dubito fortemente (conoscendolo) che quel fattore avesse una cultura di molto superiore alla media; sicuramente era del mestiere e questo può essere il motivo per cui ha usato quel particolare nome per il signore esperto nel dosaggio di quelli che in piemonte si chiamano "gusti", ovvero sale e spezie varie (non so se è un termine universale).

    Questa è la mia esperienza diretta.

    Saluti!
     

    Paulfromitaly

    MODerator
    Italian
    che l'assenza di "reg." o "dial." indica che la parola fa parte della lingua italiana, che verosimilmente si parli sia ad Alagna Valsesia sia a Ragusa. Ma quello non guarantisce che si possa usare una parola in tutti i due luoghi ed essere capito.
    Invece lo garantisce.
    L'assenza di "reg." o "dial." indica ESATTAMENTE che una parola fa parte della lingua italiana, ovvero che è usata su tutto il territorio nazionale.
    Questo non significa che tale parola sia di uso comune o usata frequentemente, indica SOLO che è riconosciuta in tutta italia.
    Se io non conosco un termine presente nel dizionario e che non è indicato come "locale o regionale" ma usato su tutto il territorio, è per mia ignoranza personale o perchè per esempio è molto specifico, non per altre ragioni.
     

    Nino83

    Senior Member
    Italian
    Sarà. Io ho vissuto in Venezia Giulia, Veneto, Lombardia, Piemonte, Liguria, Valle d'Aosta. E non credo di aver mai visto o sentito il termine in questione (che conosco solo per aver frequentato le regioni dove invece è relativamente comune) in nessuna di queste zone .
    Non posso che essere d'accordo, per quanto riguarda la Sicilia.
    Parola quasi sconosciuta. L'ho sentita solo in televisione, in programmi del tipo "Linea Verde", "Ambiente Italia" e roba simile.
     

    alfaalfa

    Senior Member
    italiano
    Non posso che essere d'accordo, per quanto riguarda la Sicilia.
    Parola quasi sconosciuta. L'ho sentita solo in televisione, in programmi del tipo "Linea Verde", "Ambiente Italia" e roba simile.
    Stessa cosa in Puglia dove si conosce la figura dell' insaccatore (che però non lavora solo gli insaccati). Ma se chiedi ad un pizzicagnolo qualsiasi chi è il norcino te lo saprà dire anche se la maggioranza della popolazione locale non usa/conosce il termine. Faccio un piccolo paragone culinario: tutti sanno che nel vino vengono aggiunte sostanze chiamate comunemente "antiacido" o simili, ma se ad uno del settore, da nord a sud, parli di solfite/bisolfite sa esattamente a cosa ti riferisci.
     
    Last edited:

    Paulfromitaly

    MODerator
    Italian
    Ma se chiedi ad un pizzicagnolo qualsiasi chi è il norcino te lo saprà dire anche se la maggioranza della popolazione locale non usa/conosce il termine.
    Esttamente il punto della questione: la scarsa diffusione del termine è il motivo per cui alcune persone non ne conoscono il significato, NON un presunto uso solo regionale o locale.
     

    violapais

    Senior Member
    italian
    Ragazzi, io sono di Bergamo ma chi produce i salami l'ho sempre chiamato norcino. E lo stesso hanno sempre fatto mio padre e mio nonno. E mio nonno aveva frequentato la scuola fino alla quinta elementare, quindi non sono sicura di poterlo definire "di media o alta cultura", non nel senso che si attribuisce attualmente al termine.

    Semplicemente, penso che la gente che vive in città, lontano dalle realtà produttive, possa non conoscere il termine perché il salame, se lo vuole, lo va a comprare al supermercato. Semplicemente, non si è mai chiesto chi lo produca. Da noi c'è tantissima gente che il salame se lo fa in casa e c'è anche una certa competizione tra norcini (e tra fazioni che sostengono la bontà di uno o dell'altro prodotto, che dipende tra le altre cose dalla quantità e la qualità di spezie aggiunte, come diceva Giginho)... quindi direi che la maggior parte delle persone SA, fin da molto giovane, di cosa si sta parlando quando sente nominare un norcino.
     

    Anja.Ann

    Senior Member
    Italian
    Ciao a tutti :)

    Sono d'accordo con Violapais. "

    "Norcino" è il termine specifico per designare un mestiere (specifico), lo si può conoscere o meno (come per altri termini), ma dire che sia regionale o appartenente ad un "repertorio" culturalmente medio-alto sarebbe sbagliato.
     

    Odysseus54

    Mod huc mod illuc
    Italian - Marche
    Paolo, hai ragione in teoria ma torto in pratica. So che l'assenza di "reg." o "dial." indica che la parola fa parte della lingua italiana, che verosimilmente si parli sia ad Alagna Valsesia sia a Ragusa. Ma quello non guarantisce che si possa usare una parola in tutti i due luoghi ed essere capito. Vuol dire solamente che TEORETICAMENTE si DOVREBBE potere usare qualsiasi parola nel dizionario ed essere capito ovunque. Ma non sono d'accordo con te che la domanda "Si usa questa parola in quella zona?" sia illegittima.
    La risposta laconica, "Perché non guardi il dizionario?" non basta.

    Laura, guarda che Paul ha ragione al 100%, per quanto riguarda la questione delle indicazioni sul dizionario. Se manca l'indicazione che il termine e' locale o dialettale, puoi tranquillamente concludere che si tratta di italiano standard, quello che si insegna a scuola, quello che parlano alla radio e alla TV, quello che si legge sui libri in italiano.

    Anche sul termine 'norcino' puoi andare tranquilla. L'origine e' magari locale, nel senso che a Norcia esisteva una 'scuola' di artigianato relativa alla macellazione del maiale e alla preparazione di prosciutti e insaccati, che produceva artigiani che giravano per le campagne sicuramente del centro, ma forse anche oltre, facendo il loro mestiere specializzato. Che era importante, perche' se le carni del maiale di una famiglia andavano a male per una salatura fatta male, era la fame. Questi importanti artigiani hanno finito col prendere il nome dalla citta' di provenienza del mestiere. E il termine e' stato accolto nell'italiano standard, probabilmente perche' non esistevano termini concorrenti. In effetti, anche in questo thread i 'nazionalisti' meridionali e settentrionali hanno espresso dei dubbi antiimperialisti di principio sulla comprensibilita' universale del termine 'norcino', ma non hanno proposto alternative di termini specifici preferiti localmente. Il che mi pare rafforzi la teoria che il termine 'norcino' e' un termine magari specializzato e di origine locale, ma attualmente non locale. Il fatto che a Milano magari lo conoscano in pochi, ha piu' a che vedere con la Grande Distribuzione Organizzata del cibo, che allontana i consumatori dalla produzione e dai termini a essa connessi, che con un fatto linguistico.

    Ora, se la tua preoccupazione e' che possano esistere zone dell'Italia dove l'italiano si parla come seconda lingua, e la prima 'lingua' e' il dialetto, e vuoi assicurarti di esser capita da tutti, anche da persone degli strati socio-economici piu' umili e culturalmente isolati, il problema in effetti esiste, e non si limita a pochi termini, ne' e' problema solo del meridione.
    Ma non e' un problema della lingua italiana, e' un problema delle parlate degli italiani, che sono molto variegate e spesso non del tutto comprensibili per chi e' nato e cresciuto magari a solo 50 km di distanza. E ovviamente questo problema e' in genere piu' grave nelle zone piu' lontane dal centro, a misura che le parlate si allontanano sempre di piu' dal toscano e dai dialetti centrali (umbri, laziali, parte di quelli marchigiani), piu' omogenei e vicini all'italiano standard.

    La scelta, e non solo per questo termine, e' piuttosto semplice : o si parla l'italiano oppure, se l'interlocutore non parla l'italiano, o non lo parla a sufficienza, bisogna parlare la lingua o il dialetto dell'interlocutore, se si vuole essere capiti. Altra cosa che ha gia' detto Paul. O al limite si descrive il signiificato in termini piu' generici.
     
    Last edited:

    giginho

    Senior Member
    Italiano & Piemontese
    In effetti, anche in questo thread i 'nazionalisti' meridionali e settentrionali hanno espresso dei dubbi antiimperialisti di principio sulla comprensibilita' universale del termine 'norcino', ma non hanno proposto alternative di termini specifici preferiti localmente. Il che mi pare rafforzi la teoria che il termine 'norcino' e' un termine magari specializzato e di origine locale, ma attualmente non locale. Il fatto che a Milano magari lo conoscano in pochi, ha piu' a che vedere con la Grande Distribuzione Organizzata del cibo, che allontana i consumatori dalla produzione e dai termini a essa connessi, che con un fatto linguistico.

    Ody, ma hai letto bene il thread? sono solo in 2 a contestare il termine norcino, uno per il nord e uno per il sud, mentre tutti gli altri partecipanti sostengono che il termine norcino sia quello corretto da usare, siano essi "nazionalisti meridionali o settentrionali" per usare le tue parole.


    E ovviamente questo problema e' in genere piu' grave nelle zone piu' lontane dal centro, a misura che le parlate si allontanano sempre di piu' dal toscano e dai dialetti centrali (umbri, laziali, parte di quelli marchigiani), piu' omogenei e vicini all'italiano standard.

    Anche qui contesto. Le parlate sono una cosa e i dialetti sono altra cosa. Dire che i dialetti umbri, laziali (dio ci salvi!) e toscani sono vicini all'italiano standard mi sembra veramente eccessivo. Per quanto riguarda il lazio, inoltre, sembra che nemmeno i giornalisti laziali riescano ad esprimersi in italiano corretto senza cadere nella parlata locale.
    Riassumendo: abbiamo detto tutti, concordando con Paul e con te, che "Norcino" è un sacrosanto termine italiano, che è conosciuto praticamente da chiunque si muova nel settore salumiero (??) o in settori limitrofi e che anche uno dei più intransigenti nazionalisti sabaudi si trova d'accordo con un fratello pugliese (AlfaAlfa) circa il citato termine.

    P.S. Chiudo con una battuta...concedetemela, così, per ridere un po': forse in Umbria, nelle Marche o nel Lazio ci sono i dialetti, noi abbiamo una lingua ufficialmente riconosciuta: la lenga piemonteisa!
     

    L'aura che tu respiri

    Senior Member
    English - USA
    Odysseus e Paul, rispettosamente, avete torto in un modo enorme. Capisco perfettamente la differenza fra la lingua italiana e i dialetti. Per cortesia, non implicare che i meridionali non la capiscano. C'era pochissimo bisogno emfatizzare il fatto che un parola nel dizionario faccia parte della lingua italiana! La ragione che avete torto è che in un dizionario spagnolo, indicano parole che si usano o nel Sudamerica o nella Spagna, anche se tutti e due parlino spagnolo. La stessa cosa con i dizionari inglesi. Ma secondo la vostra logica, un'americano che non usa la parola "car park" sia ignorante della lingua (per usare le parole di Paolo stesso). Perché nella Sicilia la parola norcino non si usa NON VUOL DIRE che i siciliani non sappiano parlare l'italiano puro. State confondendo due cose diversissime: una persona che non capisce la differenza fra lui e iddu, e una persona che, a causa di dove si trova geograficamente, non usa certe parole che non si usano universalmente.
     
    Last edited:

    violapais

    Senior Member
    italian
    Non quoto se no viene un post lungo un chilometro. Il fatto è che lo spagnolo e l'inglese americani hanno iniziato a differenziarsi subito dopo l'indipendenza per questioni culturali e soprattutto lontananza geografica. Per quanto casa mia possa distare da Palermo, non è una distanza paragonabile. E poi qui qualcuno chiede la secessione, ma fin ora dichiarazioni di Indipendenza non ne ho viste. Anche perché Bossi dubito sappia scrivere come Franklin, senza offesa. Premesso questo, il termine è sul vocabolario, che non ne presenta uno alternativo come i "doppi" dell'inglese, o comunque fin ora non è emerso. Quindi mi permetto di dire che non c'entra l'italiano puro o il saperlo parlare. Il mestiere non è diffuso o conosciuto come quello dell'idraulico... è normale che qualcuno non lo conosca, a nord, sud o al centro. Mi viene in mente il liutaio... non è che se non so in cosa consista non conosco l'italiano, è solo un termine (ed un mestiere) poco diffuso in alcune zone.
     

    L'aura che tu respiri

    Senior Member
    English - USA
    Il mestiere non è diffuso o conosciuto come quello dell'idraulico... è normale che qualcuno non lo conosca, a nord, sud o al centro. Mi viene in mente il liutaio... non è che se non so in cosa consista non conosco l'italiano, è solo un termine (ed un mestiere) poco diffuso in alcune zone.
    Ma i salumi si fanno nel Sud in quantità enorme. Devono essere persone che li fanno -- sennò, i salumieri non avrebbero niente da vendere. Allora, chi sono queste persone, nel meridione, che fanno tutti questi prelibati salumi?
     

    violapais

    Senior Member
    italian
    Ma i salumi si fanno nel Sud in quantità enorme. Devono essere persone che li fanno -- sennò, i salumieri non avrebbero niente da vendere. Allora, chi sono queste persone, nel meridione, che fanno tutti questi prelibati salumi?
    Norcini? :) (Scusa, non sono riuscita a trattenermi)
    Chiaro che al sud si producono salumi L'Aura (come in tutto il Paese credo)... e secondo me potresti, la prima volta che vai in salumeria, chiedere come si chiama la persona che li produce e condividere la tua esperienza con noi. Così conosceremmo un'altra parola che magari fin qui non è saltata fuori. :)

    Buona serata a tutti.
    V.
     

    L'aura che tu respiri

    Senior Member
    English - USA
    vai in salumeria, chiedere come si chiama la persona che li produce e condividere la tua esperienza con noi
    E se la parola non sia autenticata ancora da Treccani et al. -- secondo la logica di certe persone qua -- non sarebbe una parola d'italiano puro, e dunque quel macellaio sarebbe un ignorante che non sa parlare l'italiano "puro." Ma cosa diciamo dell'ignoranza delle persone che non conoscono il processo usato dai lessicografi per scrivere un dizionario? I dizionari tentano d'includere le parole che la gente usa. In ogni edizione di ogni dizionario, ci sono nuove parole -- cioè, parole nuovamente autenticate -- e ci sono parole che erano cancellate, a causa di disuo. Sarebbe ignorante dire che la lingua sia la cosa che i dizionari ci comandano di usare. La lingua è quel che i dizionari tentano di codificare dopo il fatto.
     

    stella_maris_74

    Mod About Chocolate
    Italian - Italy
    E se la parola non sia autenticata ancora da Treccani et al. -- secondo la logica di certe persone qua -- non sarebbe una parola d'italiano puro, e dunque quel macellaio sarebbe un ignorante che non sa parlare l'italiano "puro."
    Ciao L'aura,
    temo ci sia un equivoco di fondo: dire che una persona può non essere a conoscenza di un termine non equivale a definire questa persona come "ignorante".

    Forse mi sono un po' persa tra tutti i post, ma mi sembra di aver capito che tu cerchi un termine usato (o comprensibile) specificamente in Calabria.
    Fino a ora, nonostante i numerosi interventi, questo termine non è saltato fuori, ma ne è saltato fuori un altro (norcino) che appartiene a tutti gli effetti alla lingua italiana e come tale si presuppone che possa essere usato e compreso in tutta Italia, per lo meno tra persone che hanno a che fare (a qualsiasi titolo) con l'arte di produrre i salumi e conoscono la relativa terminologia.

    Questo è tutto.
     

    Odysseus54

    Mod huc mod illuc
    Italian - Marche
    Ma i salumi si fanno nel Sud in quantità enorme. Devono essere persone che li fanno -- sennò, i salumieri non avrebbero niente da vendere. Allora, chi sono queste persone, nel meridione, che fanno tutti questi prelibati salumi?

    Sono norcini. La loro attivita' e il negozio su cui si appoggiano si chiama norcineria. Il termine e' italiano standard, e si utilizza in tutta Italia. Queste affermazioni sono sostenute da :

    - dizionari
    - vari madrilingua italiani che si sono espressi in questa discussione.
    - ricerche su google, di cui qui hai un esempio.

    Questa e' la mia posizione, di cui sono ragionevolmente certo. Non escludo in linea di principio l'esistenza di altri termini, ma non li conosco.


    Qual'e' la tua posizione? Come dovremmo chiamare secondo te i norcini nel sud d'Italia ? Ancora non l'ho capito.
     

    stella_maris_74

    Mod About Chocolate
    Italian - Italy
    Sì, nel senso che Paolo ha usato la parola "ignoranza" per una persona che non usa le parole nel dizionario nonostante la regione in cui vive. Questa scelta da parte di Paolo mi ha offeso.
    Hai frainteso, L'Aura. Paul ha scritto:

    Se io non conosco un termine presente nel dizionario e che non è indicato come "locale o regionale" ma usato su tutto il territorio, è per mia ignoranza personale o perchè per esempio è molto specifico, non per altre ragioni.
    In questo caso "per mia ignoranza personale" non significa "perché sono ignorante", ma semplicemente "per mia mancata conoscenza".
    Ci sono un sacco di termini che io personalmente non ho mai sentito, ad esempio, anche se si tratta di termini comunemente utilizzati in lingua italiana. Non significa che quei termini non esistano, né che io sia "ignorante" (nel senso spregiativo). Significa solo che non ne conosco il significato, perché non li ho mai incontrati prima oppure perché appartengono a una terminologia specifica che non fa parte della mia esperienza o del mio lessico abituale.
     

    L'aura che tu respiri

    Senior Member
    English - USA
    Se i dizionari in sé fossero sufficienti, non ci sarebbe bisogno per gli utilissimi forum come questo. Io sono convinto che Treccani et al. tentino, in buona fede, di stabilire quali sono le parole usate dalla gente -- in tutta l'Italia, non solo Firenze. Mi è chiaro adesso che (1) Il termine salumiere si usa nella Sicilia per norcino; (2) Il termine norcino si usa POCHISSIMO in Sicilia, per la stessa ragione che noi in America non usiamo "car park." (3) Treccani, dunque, non è 100% preciso in questo lemma. Perciò abbiamo WordReference. Ma quando Paolo mi fa la domanda laconica, "Perché non hai consultato il dizionario?" -- poi facilmente capire perché rimango offeso.
     

    stella_maris_74

    Mod About Chocolate
    Italian - Italy
    (1) Il termine salumiere si usa nella Sicilia per norcino; (2) Il termine norcino si usa POCHISSIMO in Sicilia, per la stessa ragione che noi in America non usiamo "car park." (3) Treccani, dunque, non è 100% preciso in questo lemma. Perciò abbiamo WordReference. Ma quando Paolo mi fa la domanda laconica, "Perché non hai consultato il dizionario?" -- poi facilmente capire perché rimango offeso.
    Non so da dove hai stabilito questa cosa (la 2). Odysseus ti ha persino dato un link che la smentisce. Io te ne do un altro.
    Se fossi in te ci penserei due volte prima di affermare con tanta sicurezza che un dizionario autorevole come il Treccani "non è preciso".
    Se il termine norcino è scarsamente conosciuto (non solo in Sicilia ma probabilmente in tutta Italia, cosa comunque tutta da dimostrare) è perché si tratta di un termine che la maggior parte della gente non incontra abitualmente nei discorsi della vita quotidiana, e magari troverai anche a Milano, Torino e Reggio Emilia persone che dicono più sbrigativamente "salumiere" solo perché si tratta di un termine di uso e diffusione più comune (ancorché impreciso) e magari non sanno che il professionista che si occupa di quest'arte si chiama più propriamente "norcino". Non è un dramma, è normale. Non tutti sono tenuti a conoscere a memoria tutto il dizionario della lingua italiana.

    Se poi hai "deciso" di trarre autonomamente le tue conclusioni e di ignorare i contributi che le confutano, pace, sei libero di farlo :rolleyes:
     
    Last edited:

    L'aura che tu respiri

    Senior Member
    English - USA
    Ho scritto a un chef siciliano, che mi ha risposto, "Lo chiamiamo il salumiere [...] Noi semplifichiamo salumiere per chi vende e taglia i salumi." Ripeto, Treccani è impreciso in quest'istanza. (Anche Garzanti et al., che dicono solamente "chi vende salumi.")
     
    Last edited:

    stella_maris_74

    Mod About Chocolate
    Italian - Italy
    L'aura, nel primo post tu hai chiesto:

    Amici,

    Cerco la parola giusta per la persona non che VENDE i salumi ma che FA i salumi. [...]Comunque, tutti i dizionari (Treccani, Garzanti) dicono che il salumiere/salumaio sia la persona che VENDE i salumi.
    Ora scrivi:
    Ho scritto a un chef siciliano, che mi ha risposto, "Lo chiamiamo il salumiere [...] Noi semplifichiamo salumiere per chi vende e taglia i salumi." Ripeto, Treccani è impreciso in quest'istanza.
    A me il tuo amico chef siciliano sembra decisamente più impreciso del Treccani, e fra l'altro conferma ciò che io stessa ho scritto più sopra:
    magari troverai anche a Milano, Torino e Reggio Emilia persone che dicono più sbrigativamente "salumiere" solo perché si tratta di un termine di uso e diffusione più comune (ancorché impreciso) e magari non sanno che il professionista che si occupa di quest'arte si chiama più propriamente "norcino"
    Comunque contento tu, contenti tutti.
     

    stella_maris_74

    Mod About Chocolate
    Italian - Italy
    Qui non ci sono editori ed editrici, solo utenti, che danno un contributo basato sulla propria conoscenza ed esperienza. E sì, fino a prova contraria (che non c'è stata) i dizionari sono affidabili e sono punti di riferimento accettati e rispettati.
    Questo forum esiste non per sostituirsi ai dizionari, ma per chiarire alcuni aspetti particolari che sui dizionari possono non essere contemplati.. come ad esempio l'esistenza di un termine specifico in una regione specifica, noto probabilmente solo ai locali e non presente sul dizionario perché il dizionario di norma si occupa soltanto dell'italiano standard e (marcandole opportunamente) delle varianti regionali più diffuse. Che è quello che stiamo dicendo da oltre 30 post a questa parte :rolleyes:

    Se preferisci affidarti all'opinione del tuo amico chef, nessuno te lo impedisce.
     

    Nino83

    Senior Member
    Italian
    Odysseus ti ha persino dato un link che la smentisce. Io te ne do un altro.
    Ragazzi. Dei 9 risultati per "norcineria siciliana", un paio sono di riviste di "slowfood" (Petrini ha tutta la mia ammirazione ma, non è siciliano...), uno è di "eataly" (anche Farinetti è piemontese) e solo uno, dico uno (su tutto google) è siciliano (ovvero "gusto siculo"). Gli altri link non funzionano.

    Se si cerca, invece "norcineria marchigiana" (regione con poco più di un milione di abitanti), si trovano 926 risultati.

    Secondo me non sarebbe del tutto impreciso dire che, nonostante il termine possa essere conosciuto dagli addetti ai lavori in tutta Italia, è chiaramente più utilizzato in alcune regioni che in altre.

    Tutto ciò senza alcun intento polemico :)
     

    Pat (√2)

    Senior Member
    Italiano
    Treccani e Garzanti ascoltano gli chef, e tutti gli altri che parlano una lingua.
    Certamente. Quindi i dizionari sono tutti sordi?
    Il mestiere del norcino esiste da più di 1000 anni. Ora, non credi che in tutto questo tempo qualche dizionario si sarebbe degnato di registrare eventuali sinonimi? Altri termini che designano il mestiere? Anche solo regionali? L'unico che lo fa è proprio il Treccani, con salumaio -> Anche, nome generico di chi lavora alla salagione, insaccatura, stagionatura e affumicatura della carne, soprattutto suina.
     

    L'aura che tu respiri

    Senior Member
    English - USA
    Toscana ha 3.700.000 abitanti. "Norcineria toscana" fa 2680 risultati.
    Campania ha 5.770.000 abitanti. "Norcineria campana" fa 9 risultati.

    Quindi i dizionari sono tutti sordi?

    No, infatti seguono un certo processo lessicografico molto sano. Cercano di imparare (1) quali parole sono usate, e (2) dove sono usate? Anche il gergo e i colloquiali entrano nel dizionario se siano usati abbastanza - con una notazione, naturalmente. È questo il processo.
     
    Last edited:

    stella_maris_74

    Mod About Chocolate
    Italian - Italy
    Secondo me non sarebbe del tutto impreciso dire che, nonostante il termine possa essere conosciuto dagli addetti ai lavori in tutta Italia, è chiaramente più utilizzato in alcune regioni che in altre.
    Ciao Nino :)
    Mi sembra che questo sia proprio quanto abbiamo affermato quasi tutti. Il fatto che sia più utilizzato nelle regioni in cui storicamente questa figura è nata è fuor di dubbio. Frattanto ho fatto una ricerca e ho scoperto che delle varianti strettamente regionali esistono:
    http://www.madefortaste.eu/j/index.php?option=com_content&view=article&id=104&Itemid=77&lang=it
    [grassetti miei]:
    Il norcino

    La lavorazione di carni suine ha una lunga tradizione, dagli antichi romani, alle pratiche maturate nel medioevo, dall’attività artigianale dei mazén nell’Italia settentrionale e dei norcini in quella centro meridionale, alle prime forme di attività industriale.
    E su Wikipedia se ne cita un'altra:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Norcino
    In Friuli la sua attività era, ed è così importante che nella lingua friulana il termine norcino viene tradotto in purcitâr che deriva dal nome purcit, maiale
    Altre varianti strettamente legate al Meridione d'Italia non ne ho trovate. Ciò non significa che non esistano, naturalmente, solo che non sono (ancora) saltate fuori.
    Il punto è che di tutte le varianti locali o dialettali probabilmente esistenti, l'unica a essere entrata nell'italiano standard registrato nei dizionari è norcino, con salumaio in seconda posizione (ma anche per questo termine una eventuale maggiore diffusione nel Sud rispetto a norcino è tutta da dimostrare). E questo a prescindere da quante persone in tutta Italia (o in ciascuna regione) siano effettivamente a conoscenza di questa parola al di fuori dell'ambito di cui fa parte e la usino comunemente nella vita quotidiana.

    La penso come Pat:

    Il mestiere del norcino esiste da più di 1000 anni. Ora, non credi che in tutto questo tempo qualche dizionario si sarebbe degnato di registrare eventuali sinonimi? Altri termini che designano il mestiere? Anche solo regionali? L'unico che lo fa è proprio il Treccani, con salumaio -> Anche, nome generico di chi lavora alla salagione, insaccatura, stagionatura e affumicatura della carne, soprattutto suina.
    L'aura, mi pare che tu ti contraddica da solo. Da un lato affermi che i dizionari non fanno altro che registrare (ti cito) "(1) quali parole sono usate, e (2) dove sono usate? Anche il gergo e i colloquiali entrano nel dizionario se siano usati abbastanza - con una notazione"
    Da questa tua affermazione, su cui non ho nulla da eccepire, deriva necessariamente la conclusione (che tu però ti rifiuti di accettare) che se il dizionario ha registrato "norcino", e non lo ha marcato come strettamente regionale, allora vuol dire che questo è il termine (1) più usato e (2) facente ormai parte dell'italiano standard nonostante abbia avuto origine in una regione precisa.
    Perdonami la franchezza, ma non penso che tu sia nella posizione di poter affermare che il dizionario Treccani non sa fare il suo lavoro.


    In mancanza (perché non le abbiamo trovate) di altre varianti largamente confermate come specificamente in uso nel Meridione (per intenderci, di omologhi siciliani o calabresi di mazén e purcitar) l'opzione più sicura è ricorrere all'italiano standard, se uno vuole essere preciso, o altrimenti accontentarsi dei più imprecisi ma senz'altro più diffusi nel lessico quotidiano salumaio e salumiere.
     
    Last edited:

    L'aura che tu respiri

    Senior Member
    English - USA
    L'aura, mi pare che tu ti contraddica da solo.
    Nessuna contraddizione. I dizionari, usando il summenzionato processo lessicografico, si raffinano con ogni nuova edizione, sempre in ricerca del sapere come parla la gente in vita reale. Nel passato, usavano schedari e schede. Non so cose sono i mezzi oggigiorno. Ma oggi, come prima, appena fossero messi a conoscenza del problema, un essere umano inizierebbe una nuova "scheda" e scriverebbe "NORCINO" su essa. Tutte le "schede" sarebbero discusse prima della prossima edizione. Ecco il processo dei dizionari. Il processo in questo forum è un po' diverso: la soluzione di Paolo è che i siciliani debbano leggere più dizionari. Anche tu hai un'idea imperiale del dizionario come una scrittura sacra. Ti vedi in forma d'insultare gli altri utenti -- "Tu puoi credere il tuo amico chef siciliano se vuoi." Questo comportamento che dimostrate è un'altra cosa, off-topic per questo thread. Ma estremamente on-topic è la mancanza di comprensione linguistica. Hai visto le statistiche -- 2.000 hit vs. 9 hit. Treccani e Garzanti sono interessatissimi in queste statistiche. Tu e Paolo siete pochissimo interessati. Questo è il discorso. La mia domanda originale era LEGITTIMA E VALIDA.
     

    stella_maris_74

    Mod About Chocolate
    Italian - Italy
    la soluzione di Paolo è che i siciliani debbano leggere più dizionari. Anche tu hai un'idea imperiale del dizionario come una scrittura sacra. Ti vedi in forma d'insultare gli altri utenti
    Mi spiace dovertelo dire, L'Aura, ma queste sono conclusioni tue arbitrarie in quanto nessuno ha mai detto niente del genere e nessuno ha insultato nessuno.
    Abbiamo solo confrontato delle idee, conoscenze ed esperienze linguistiche, che è ciò che si fa in questo forum.
    Vedo però che è inutile continuare a parlarne visto che 1) ormai ti sei fatto la tua convinzione e 2), su questo ti do ragione, stiamo andando davvero off-topic.
     

    Anja.Ann

    Senior Member
    Italian
    Ciao, Nino :)

    Naturalmente. E' più utilizzato in alcune regioni rispetto ad altre proprio perché in queste regioni la diffusione del mestiere è più alta ... tanto da aver determinato addirittura l'origine del nome di un mestiere.
    Voglio dire che ogni regione ha prodotti tipici e relativi mestieri tipici: è assodato che "norcino" derivi da Norcia ed è quindi logico che la derivazione del nome sia sintomatica della grande quantità di "norcini" nella provincia e nella regione. E', fondamentalmente, così anche per la famosa "pasta all'amatriciana", tipica della città di Amatrice, da cui deriva il nome.

    Non parlerei di "diffusione" (propriamente detta) del termine, ma del mestiere e, semmai, di "conoscenza" del termine che può essere certamente considerato specifico perché derivato (ma non limitato) alla tipicità di una produzione locale. Lo dimostra il fatto che "gli addetti ai lavori", come giustamente dici, da nord a sud, si dichiarano "norcini": qui, ad esempio, si parla di mastri norcini che producono il prosciutto crudo San Daniele (Friuli). :)
     

    Nino83

    Senior Member
    Italian
    Stella, Anna, siamo d'accordo :)
    Se, invece di una laurea in giurisprudenza ne avessi presa una in agraria, probabilmente conoscerei il termine.
    Volevo solo sottolineare che ho chiesto ad un po' di persone (da novantenni che parlano prevalentemente in siciliano a coetanei laureati) e nessuno mi ha saputo rispondere. Qualcuno mi ha detto "un liquore" (forse confondendosi col "nocino") qualche altro "un nocciolato", altri semplicemente nulla.
    Ciò mi porta a pensare che ci possano essere categorie di vocaboli che fanno parte della lingua standard ma sono, allo stesso tempo, sconosciuti in alcune regioni.
     
    Last edited:

    stella_maris_74

    Mod About Chocolate
    Italian - Italy
    Ciao, Nino :)

    Naturalmente. E' più utilizzato in alcune regioni rispetto ad altre proprio perché in queste regioni la diffusione del mestiere è più alta ... tanto da aver determinato addirittura l'origine del nome di un mestiere.
    Voglio dire che ogni regione ha prodotti tipici e relativi mestieri tipici: è assodato che "norcino" derivi da Norcia ed è quindi logico che la derivazione del nome sia sintomatica della grande quantità di "norcini" nella provincia e nella regione. E', fondamentalmente, così anche per la famosa "pasta all'amatriciana", tipica della città di Amatrice, da cui deriva il nome.

    Non parlerei di "diffusione" (propriamente detta) del termine, ma del mestiere e, semmai, di "conoscenza" del termine che può essere certamente considerato specifico perché derivato (ma non limitato) alla tipicità di una produzione locale. Lo dimostra il fatto che "gli addetti ai lavori", come giustamente dici, da nord a sud, si dichiarano "norcini": qui, ad esempio, si parla di mastri norcini che producono il prosciutto crudo San Daniele (Friuli). :)
    :thumbsup::thumbsup: concordo in pieno :)

    Stella, Anna, siamo d'accordo :)
    Se, invece di una laurea in giurisprudenza ne avessi presa una in agraria, probabilmente conoscerei il termine.
    Volevo solo sottolineare che ho chiesto ad un po' di persone (da novantenni che parlano prevalentemente in siciliano a coetanei laureati) e nessuno mi ha saputo rispondere. Qualcuno mi ha detto "un liquore" (forse confondendosi col "nocino") qualche altro "un nocciolato", altri semplicemente nulla.
    Ciò mi porta a pensare che ci possano essere categorie di vocaboli che fanno parte della lingua standard ma sono, allo stesso tempo, sconosciuti in alcune regioni.
    Eh, ma qualcuno di loro ti ha suggerito un termine alternativo locale per chi fa questo mestiere? Perché oltre ad appurare, a spanne, quanto sia (s)conosciuta la parola norcino alle varie latitudini dello Stivale mi sembra di aver capito che lo scopo di questo thread sia anche scoprire se dalle tue parti questo professionista viene chiamato in un altro modo :)
     

    Anja.Ann

    Senior Member
    Italian
    Qualcuno mi ha detto "un liquore" (forse confondendosi col "nocino") qualche altro "un nocciolato", altri semplicemente nulla.
    :D :)

    Ciò mi porta a pensare che ci possano essere categorie di vocaboli che fanno parte della lingua standard ma sono, allo stesso tempo, sconosciuti in alcune regioni.
    Nino :), forse per la specificità del termine, ma specifico (per rispondere a L'Aura :)), non significa "regionale".
    Norcini di tutto il mondo ... unitevi! :eek: :)
     
    Status
    Not open for further replies.
    < Previous | Next >
    Top