soltero/soltera

nusepo

Member
Spanish - Spain
Hola, me ha surgido una duda y quería saber si existe alguna diferencia entre nubile y celibe. Busqué en el diccionario, pero en las dos lo pone como soltero.

Mi duda viene de que he visto escrito en 'stato civile' las dos cosas como respuesta y no sé que te puede llevar a poner una u otra o si es indiferente.

Un saludo y gracias!
 
  • ausermilar

    Senior Member
    Portuguese
    Avrei una domanda con il plurale prima di sposarsi:

    in spagnolo "Giovanni e Maria son solteros".

    In italiano, cosa dovrei dire: Giovanni e Maria sono celibi/nubili/di stato libero/non sposati...?

    Grazie
     

    symposium

    Senior Member
    Italian - Italy
    Certo, non è un termine "tecnico", ma sono sicuro che in un ufficio alla domanda: "Lei è sposato/sposata?" molti risponderebbero: "No, sono single". Credo che molti (e non sto facendo lo snob) non conoscano la differenza fra "nubile/celibe" (che non sono comunque termini del linguaggio quotidiano) e che a pochi verrebbe in mente di usare scapolo (scapola?). "Single" mi sembra che sia il termine usato nella vita di tutti i giorni.
     
    Buona domanda.
    Io direi ''sono celibi'' (maschile generico);). ''Nubili'' suona troppo/prettamente femminile in italiano.
    In effetti c'è un raro uso di celibe anche per le donne
    cèlibe agg. e s. m. [dal lat. caelebs -lĭbis]. – Chi non ha preso moglie, non ammogliato: essere, mantenersi c.; un vecchio c.; leggi, imposta sui celibi. Il genere femm. è adoperato, come agg., quasi esclusivam. nell’espressione vita c., da celibe; raro con il sign. di nubile: Perpetua ... aveva passata l’età sinodale dei quaranta, rimanendo celibe (Manzoni).
    quindi dovendo scegliere una solo termine in un contesto formale, celibe è corretto.
    Non mi pronuncio sul significato di soltero in spagnolo, ma se è lo stesso di solteiro in portoghese, allora celibe/nubile non sono sempre precisi come traduzioni. Celibe significa "che non si è mai sposato", solteiro invece (in portoghese) significa attualmente single. Un divorziato non è più celibe, ma può essere single/solteiro.
    In un contesto formale, la legge italiana ora dice "libero/a"

    Celibe e nubile, significato e differenza: cosa scrivere nello stato civile
    La circolare del ministero dell’Interno n. 09605006-15100/4571 ha semplificato le terminologie da usare per definire lo stato civile, eliminando lo status di divorziato/a, di vedovo/a, e la differenza tra celibe e nubile, così da prediligere esclusivamente l’identificazione dell’eventuale contratto matrimoniale in essere, ed eliminando i riferimenti a uno status precedente.

    Attualmente, nello stato civile, sono ammesse le seguenti definizioni:
    • coniugato/a;
    • libero/a.
     

    symposium

    Senior Member
    Italian - Italy
    Claro, pero me imagino que el 99% de los jóvenes, y quizá el 99% de los italianos si les preguntaras "Lei è celibe/nubile?" se quedaría de ojos y boca abierta... Sí son términos técnicos, no no son palabras cotidianas... "Single" (síngol) es la palabra que se utiliza normalmente.
     

    danieleferrari

    Senior Member
    Italiano (Ligure)
    Registro formale scritto
    Registro informale
    Celibe / Nubile / Coniugato (IT) -
    lessico italiano burocratico
    X​
    Single (IT)​
    X​
    Scapolo / Zitello / Zitella / Zitellone... (IT) - termini connotati
    X​
    Soltero / Soltera (ES)​
    X​
    X​
    Solterón / Solterona... (ES) -
    palabras connotativas
    X​

    Tra le accezioni di 'scapolo', non trovo niente di connotato, ma a me sembra di sì. Cosa ne pensate?
     
    Last edited:

    Penyafort

    Senior Member
    Catalan (Catalonia), Spanish (Spain)
    Allora come direste lo spagnolo núbil (anglese: nubile) in italiano, ciò che in modo non letterario vuol dire lo stesso di casadera (marriageable)? Lo so che il concetto è diventato antiquato ma proprio per questo è rilevante fare la differenza.
     

    danieleferrari

    Senior Member
    Italiano (Ligure)
    Vayamos por partes, estimado @Penyafort, que si no ya lío parda, como dijo aquel:

    Nubile 1. (IT, significato ordinario): termine burocratese per indicare donna non sposata (lo que se ponía en el estado civil de los documentos de identidad);

    Nubile 2. (IT, accezione desueta): stesso significato che aveva in latino, quindi 'che è in età da marito' (vedasi Treccani);

    Núbil (ES): que está en edad de casarse, especialmente para mujeres (como la segunda acepción de 'nubile');

    Maritabile (IT): che è in età da marito (termine non comune, non conosco il corrispettivo, forse caso di sessismo linguistico).

    EDIT: Per estensione, 'maritabile' si usa anche per il corrispettivo, quindi 'dare moglie a un uomo' (vedasi Maritabile).
     
    Last edited:

    Penyafort

    Senior Member
    Catalan (Catalonia), Spanish (Spain)
    Muy claro, Daniele.

    Maridable en español en cambio era aquello que se consideraba propio o adecuado de la unión entre marido y mujer. Hoy en día, al menos en España, es una palabra que ya solo se usa, en todo caso, para hablar de vinos ("abbinabile" en italiano?), cuando se dice que tal vino o tal otro es maridable con carnes, por ejemplo. (Acepción que curiosamente no recoge el DRAE)
     

    danieleferrari

    Senior Member
    Italiano (Ligure)
    Muy claro, Daniele.

    Maridable en español en cambio era aquello que se consideraba propio o adecuado de la unión entre marido y mujer. Hoy en día, al menos en España, es una palabra que ya solo se usa, en todo caso, para hablar de vinos ("abbinabile" en italiano?), cuando se dice que tal vino o tal otro es maridable con carnes, por ejemplo. (Acepción que curiosamente no recoge el DRAE)
    O la locuzione verbale 'andare a nozze'.
     
    Top