the very first time

Gemelle

Senior Member
English
Come si dice,"the very first time." Sto facendo la traduzione per l'omelia di un sacerdote. Parla della prima comunione di un ragazzo.

Do you remember the love that surrounded you and the love that you received when Our Lord was given to you for the very first time?
Vi ricordate l’amore che vi è circondato e l’amore che avete ricevuto quando il Nostro Signore è stato dato a voi per la primissima volta?

La primissima volta?
 
  • Gemelle

    Senior Member
    English
    Prima comunione, as simple as that.

    Ricordate l'amore che riceveste e che vi circondò quando il corpo del Signore vi fu dato nella Prima Comunione?
    The priest is trying to emphasise the first time (la prima volta), by adding VERY. That is, the VERY first time.
    If there's no such thing as "primissima volta", I'll just say "la prima volta."
     

    Blackman

    Senior Member
    Italiano/Sardo
    Well, la Prima Comunione is definitely la prima volta, no need to emphasize.

    The name of this sacrament(?) is Prima Comunione, not just Comunione. Saying la prima volta che hai ricevuto la comunione and quando hai ricevuto la Prima Comunione is exactly the same.
     

    Giorgio Spizzi

    Senior Member
    Italian
    Gemelle,
    è proprio come hanno detto gli altri prima di me. Naturalmente hai capito che non è perché "the very first time" non possa essere tradotto diversamente. Infatti, una delle più comuni è "proprio la prima volta", che, come puoi capire, qui sarebbe davvero fuori posto.
    Cari saluti.
    GS
     

    giovannino

    Senior Member
    Italian
    Anche a me "primissima" non piace nel contesto di un'omelia, però non è sbagliato. Dal Treccani:

    "Pur essendo già etimologicamente un superlativo, primo non è più sentito come tale, e può quindi avere il superl. primìssimo, usato per lo più con valore enfatico: trovarsi nelle primissime posizioni; occupare uno dei primissimi posti in graduatoria; è stato fra i primissimi a portare aiuto"

    Da notare però che negli esempi del Treccani è sempre usato al plurale, con "uno dei", "fra i" ecc.
     

    Blackman

    Senior Member
    Italiano/Sardo
    Anche a me "primissima" non piace nel contesto di un'omelia, però non è sbagliato. Dal Treccani:

    Pur essendo già etimologicamente un superlativo, primo non è più sentito come tale, e può quindi avere il superl. primìssimo, usato per lo più con valore enfatico: trovarsi nelle primissime posizioni; occupare uno dei primissimi posti in graduatoria; è stato fra i primissimi a portare aiuto

    Ok, lo accetto.

    Ma significa tra i primi, non primo o più primo di primo. Anzi, dicendo tra le primissime, escludi proprio la prima. In questo caso primissima ha lo stesso gusto di perfettissimo.
     
    Last edited:

    giovannino

    Senior Member
    Italian
    Black, prima di leggere il tuo post avevo fatto un edit e aggiunto:

    Da notare però che negli esempi del Treccani è sempre usato al plurale, con "uno dei", "fra i" ecc.

    Poi, però, ho fatto una ricerca su Google libri e ho visto che "la primissima volta" è ampiamente usato in testi letterari (link). Non mi sento di criticarne l'uso, visto che l'ha usato anche Leopardi (...io allora solo in sogno per la primissima volta provai...).
    In fondo è una forma enfatica, proprio come the very first time (anche se qui very non è l'equivalente del nostro superlativo assoluto, ma è solo un rafforzativo, come in the very thought of it).
     

    Blackman

    Senior Member
    Italiano/Sardo
    No, Giovannino, neppure io ne critico l'uso. Lo dico anche io qualche volta. Solo che neppure il Treccani riesce a giustificarne la correttezza grammaticale usato al singolare.

    The very first time, in certi contesti può essere reso con proprio la prima o la prima prima.
     

    Giorgio Spizzi

    Senior Member
    Italian
    Ma ragazzi, vi rendete conto?:
    Vi ricordate l’amore che vi ha circondato e l’amore che avete ricevuto quando il Nostro Signore vi è stato donato per la primissima volta?
    1a Voce dal fondo:" Io mi ricordo la prima ma non so se era la primissima"
    2a Voce dal fondo:" Io la primissima non me la ricordo, ma la secondissima sì"
    Meditate, gente.
    GS
     

    Blackman

    Senior Member
    Italiano/Sardo
    Ma ragazzi, vi rendete conto?:
    Vi ricordate l’amore che vi ha circondato e l’amore che avete ricevuto quando il Nostro Signore vi è stato donato per la primissima volta?
    1a Voce dal fondo:" Io mi ricordo la prima ma non so se era la primissima"
    2a Voce dal fondo:" Io la primissima non me la ricordo, ma la secondissima sì"
    Meditate, gente.
    GS

    Ecco, non avrei potuto dirlo meglio. Giorgio for President.
     

    grassapianta

    New Member
    Italian
    In effetti qui si intende esattamente la prima, proprio la prima, la primissima.
    Perchè il nome del sacramento è Comunione, non Prima Comunione ed è un gesto ke (almeno nelle intenzioni del parroco) ripeterai moltissime volte nel corso della tua vita dopo appunto "la primissima" cioè quella in cui vieni ammesso a partecipare al sacramento.
    Voi tutti ricorderete la primissima volta in cui avete ricevuto la comunione (tra tutte le volte in cui vi è capitato nella vita).
     

    Blackman

    Senior Member
    Italiano/Sardo
    In effetti qui si intende esattamente la prima, proprio la prima, la primissima.
    Perchè il nome del sacramento è Comunione, non Prima Comunione ed è un gesto ke (almeno nelle intenzioni del parroco) ripeterai moltissime volte nel corso della tua vita dopo appunto "la primissima" cioè quella in cui vieni ammesso a partecipare al sacramento.
    Voi tutti ricorderete la primissima volta in cui avete ricevuto la comunione (tra tutte le volte in cui vi è capitato nella vita).

    Si, GP, l'abbiamo chiarito nei primissimi post.

    Il sacramento è la Comunione ma la cerimonia alla quale si riferisce è la Prima Comunione.

    la prima volta che hai ricevuto la comunione and quando hai ricevuto la Prima Comunione is exactly the same.
     

    giovannino

    Senior Member
    Italian
    Solo che neppure il Treccani riesce a giustificarne la correttezza grammaticale usato al singolare.

    Da quando frequento questo forum ho rivisto molti miei preconcetti, come in questo caso. Sì, "primissimo" può sembrare "illogico", ma in realtà il Treccani ne giustifica l'uso, dicendo che "primo" non è più sentito come superlativo e quindi può avere il superlativo "primissimo", con valore enfatico. Lo stesso vale per "ultimo":

    "Attenuatosi il senso dell’originario valore superlativo di ultimo, si è formato il superl. ultimìssimo, usato per lo più con valore enfatico: non è arrivato ultimissimo, ma tra gli ultimi; l’ultimissima della notte, l’ultima edizione di un giornale della sera; un paese situato nelle ultimissime parti del mondo; tu sei non l’ultimo, ma l’ultimissimo ad avere diritto di parlare."

    Poi, cercando sul sito della Crusca, ho trovato un intervento dell'ex-presidente, Sabatini (uno dei due autori del Sabatini Coletti), in cui il superlativo è usato al singolare: ...aggiornamento e nuova formazione della classe docente: un compito di primissimo piano...
     

    Giorgio Spizzi

    Senior Member
    Italian
    Ma insomma, cara la mia gente, qui non si discute del diritto di cittadinanza di "primissimo" nella lingua italiana e del suo uso efficacissimo.
    Si parla dell'appropriatezza di questa parola nella situazione comunicativa segnalata da Gemelle.
    Vi perdono, va'.
    GS
     

    V132

    Senior Member
    Italian
    Ciao a tutti,
    io mi accodo a coloro che optano per prima...nel senso...ha ragione grassapianta quando dice che il sacerdote si sta riferendo a quel momento preciso (la comunione o il sacramento dell'eucarestia) che è stato il primissimo nella vita del ragazzo (e che non dovrebbe essere l'ultimo per un cristiano)...è anche vero che il credente sa che la prima volta in cui si riceve l'eucarestia è in occasione della Prima Comunione...quindi, secondo me non c'è il pericolo di malinterpretare in questo caso...se tutti sanno di cosa si sta parlando :)
     

    giovannino

    Senior Member
    Italian
    Ma ragazzi, vi rendete conto?:
    Vi ricordate l’amore che vi ha circondato e l’amore che avete ricevuto quando il Nostro Signore vi è stato donato per la primissima volta?
    1a Voce dal fondo:" Io mi ricordo la prima ma non so se era la primissima"
    2a Voce dal fondo:" Io la primissima non me la ricordo, ma la secondissima sì"
    Meditate, gente.

    Giorgio, anch'io ho detto che nel contesto di un'omelia (tipico esempio di registro altamente formale) quel "primissima" non mi piace. Tuttavia nella citazione di Leopardi, per qualche motivo che non so spiegare, lo trovo accettabilissimo.
     

    entrapta

    Senior Member
    Italian
    OH ma mettete prima volta e bona. Primissima è orrendo, specie in un discorso come questo. @grassapianta please evitiamo i ke...mi fanno venire la pelle d'oca (soprattutto non si accettano).
     
    Top