tornare vs ritornare

  • niklavjus

    Senior Member
    Italiano (Italia)
    Qual è la differenza tra ritornare e tornare? Quando li si usa?
    A mio parere l'unica differenza consiste nella presenza del prefisso iterativo - ri - nella prima delle due forme citate.
    Credo si possa usare liberamente l'uno o l'altro verbo, negli stessi contesti. Hanno lo stesso significato.
     

    Giannaclaudia

    Senior Member
    Italian
    Confermo quanto scritto da Nik, sotto c'è la definizione della Treccani, mentre qui trovi una discussione che ti potrebbe essere utile leggere.


    tornare v. intr. e tr. [lat. tornare “lavorare al tornio, far girare sul tornio”, der. di tornus “tornio”] (io tòrno, ecc.). 1. intr. (aus. essere) Avviarsi, essere diretti al luogo da cui si era partiti o da cui ci si era allontanati, rientrare o rimettersi nel luogo da dove si era venuti (v. anche RITORNARE, che è in genere sinon. di questo verbo)
     

    SunDraw

    Senior Member
    Veneto (Italia)
    Per me (nel concordare con quanto sopra e dopo aver letto anche tutte le belle osservazioni nell'altro thread):
    dal momento che si è praticamente smarrita in italiano
    (certo restando implicita nel senso - significato e ...direzione - di moto)
    la valenza più diretta, l'uso nel senso più proprio di "girare" dell'antico verbo di base, mantenuta invece assolutamente nell'inglese "turn" ad esempio, direi che oggi come oggi "tornare" e "ritornare" hanno semplicemente assunto lo stesso significato.
    Salvo forse una leggera, ovvia, maggior insistenza verbale nel secondo: sicché nello scritto magari mi scopro preferire il più tornito (sic) tra i due (mmh, e direi di non esser l'unico).
     

    Lil'

    New Member
    Italy Italian
    Tornare e ritornare sono sinonimi. Una piccola differenza però la colgo: la reiterazione del verbo è più marcata nel secondo caso. Se dico: "sono tornata a casa" intendo che sono tornata a casa dal lavoro o da un'uscita. Se dico: "sono ritornata a casa" è come se dicessi "sono tornata a casa di nuovo".
    Immagino sia questa la differenza di significato che ha generato le due parole, che con il tempo sono praticamente diventate sinonimi.
     

    antodaz

    New Member
    Italy and italian
    In genere, nell'uso frequente del verbo tornare v'è il senso della routine: <<Dove vai? Stò tornando a casa>>. Quando, però, è trascorso più tempo dall'ultima volta, un pizzico di nostalgia si insinua tra le righe e si sospira: <<Finalmente!! Ritorno a casa. Sono ormai tre mesi che ci manco. Ho una voglia immensa di rivedere tutti>>.
    Si nota, peraltro, nel contesto della precedente frase, che anche il verbo rivedere assume un contorno più nostalgico.
     

    olaszinho

    Senior Member
    Central Italian
    Ritornare nel senso di restituire, quindi nel suo uso transitivo, risulta essere antiquato, dialettale o burocratico. Fonte: dizionario Palazzi Folena.
     

    infinite sadness

    Senior Member
    italiano
    Il fatto è che qui col significato di restituire si usano entrambi i verbi, quindi forse "tornare" è dialettale mentre "ritornare" è italiano?
     

    francisgranada

    Senior Member
    Hungarian
    Il fatto è che qui col significato di restituire si usano entrambi i verbi, quindi forse "tornare" è dialettale mentre "ritornare" è italiano?
    Non essendo un italiano nativo, ovviamente non so la risposta giusta.

    Per me però, spontaneamente, è più logica la forma ritornare, perché in questo caso è addirittura il prefisso ri- che esprime il fatto che una cosa prestita "torna indietro" o "torna di nuovo" al possessore. Per cui anche restituire, col prefisso re- (credo...)
     

    infinite sadness

    Senior Member
    italiano
    Però il verbo "tornare" contiene già in sé l'idea dell' "indietro" e del "di nuovo" perché significa "portarsi indietro nel punto in cui ci si trovava prima".
     

    olaszinho

    Senior Member
    Central Italian
    A me tornare o ritornare una cosa suona scorretto o regionale, per questo motivo ho cercato una conferma in un dizionario; ho trovato quanto scritto in una risposta precedente. Ad ogni modo io sono dell'Italia centrale, Marche per la precisione, non so altrove. Ritornare un libro o qualunque altro oggetto, mi sembra non appartenere all'italiano standard e personalmente non lo userei.
     

    marco.cur

    Senior Member
    Io l'ho sento spesso, ma molto meno di tanti anni fa. Da bambino mi hanno sempre detto che era scorretto, in quanto di derivazione dialettale, e per questo anche a me sembra scorretto o regionale; in sardo restituire si dice torrai/torrare (a seconda delle zone) [ritornare].
    Ora, apprendendo che si sente in diverse regioni, se non in tutte, mi sorge il dubbio che l'idea della scorrettezza fosse dovuta a ipercorrettismo.
     

    olaszinho

    Senior Member
    Central Italian
    Non credo che a Firenze o Milano si dica "ti ritorno" il libro. Vediamo che cosa dicono persone che vivono da quelle parti.
     

    marco.cur

    Senior Member
    Comunque cercando su google libri "ritornamelo" o "ritornarglielo" si trovano molte occorrenze, soprattutto in scritti antichi.

    San Bernardo da Chiaravalle: «non ne ho altre copie, e dunque ritornamelo al più presto»

    Da La favilla: giornale di scienze, lettere, arti e pedagogia (1861): «ci è caro a tutti ... eccoti i tuoi quattrini ... ritornamelo Beppaccio»

    Le opere di Galileo Galilei (1851): «Gli manda l'originale del Saggiatore solleccitandolo a ritornarglielo al più presto per la stampa»
     
    Last edited:

    francisgranada

    Senior Member
    Hungarian
    Appena ho guardato cosa dice il grande Vocabolario Italiano-Ungherese di Giulio Herczeg (1952). Con poche parole:

    tornare
    (una mezza pagina di equivalenti ungheresi, locuzioni, esempi ecc., ma niente nel senso di restituire.)

    ritornare
    (un'altra mezza pagina ... invece di tradurre le spiegazioni, vi aggiungo qualche esempio dal dizionario)

    trans. limitato "ti ritorno i libri che mi hai prestato"
    trans. letterario "lo ritornò in vita"

    intrans. "ritornare a casa", "ritornare indietro"
    intrans. "ritornare in danno", "ne ritorna onore"
    intrans. "questa pasta ritorna molto"

    rifless. "arrivato a molo si ritornò"

    Mi pare che più o meno corrisponde a quello dite voi (ovviamente ci sono passati quasi 60 anni, allora qualche differenza c'è ...)
     

    gc200000

    Senior Member
    Italiano
    Quindi, in definitiva, avevo indovinato.
    "Il libro te lo torno domani" è siciliano mentre "il libro te lo ritorno domani" è italiano.
    Non mi fiderei molto di un dizionario ungherese del 1952, con tutto il rispetto. Considerato che tra "tornare" e "ritornare" non v'è differenza, non la vedo neppure nel senso di "restituire" se non suffragata da fonti autorevoli...
     

    francisgranada

    Senior Member
    Hungarian
    Dove ritorna? Nel senso di ritorna su, cioè si fa molta fatica a digerirla?
    Infatti si tratta di più di 50 anni, per cui alcuni esempi sono necessariamente un po' "fuori tempo"...

    Per quanto riguarda la pasta (che ritorna chissà dove ...:) ... mi sono divertito da matti dopo aver letto la tua reazione ...), a seconda della traduzione ungherese, l'esempio vuole dire che la pasta diventa troppo "gonfia" (non riesco a tradurre meglio ... ). Questo esempio può sembrare strano forse anche perché oggi la pasta si piuttosto compra e non tanto si fa a casa come 50 anni fa (penso ... )

    Comunque, la sostanza, dal punto di vista del discorso attuale è, che l'uso transitivo del verbo ritornare nel dizionario viene indicato come limitato, cioè non tanto comune o non necessariamente utilizzato in tutta l'Italia. E questo mi pare che possa corrispondere abbastanza bene alle varie opnioni dateci su questo thread.
     

    marco.cur

    Senior Member
    Il Devoto Oli ritornare nel significato di restituire lo riporta come regionale e letterario.

    Sempre dal Petrocchi del 1914:
    Ricrescere: la minestra di riso ritorna. Bisogna lasciarla còcere che ritorni
    || iron. Non è minestra di pasta, che ritorna! Di cosa perduta o rubata.
     
    Last edited:
    < Previous | Next >
    Top