vaniglia

Théobald

New Member
French
Salive ! Chi mi potrebbe dare il significato di "vaniglia" in queste frasi di Paolo Conte (canzone, Novecento) ? Je n'ai rien trouvé dans les dictionnaires, ai seulement pensé à un néologisme inventé par lui (ça lui arrive) et qui assonerait avec "vano, vanità" ? Merci, grazie.

Dicono che sia tutta una vaniglia,
una grande battaglia,
una forte meraviglia... eh eh.
 
  • Lassù, sui palcoscenico pleistocenico
    Sull'altopiano preistorico
    Prima vulcanico e poi galvanico
    Dicono che sia tutta una vaniglia

    ...
    È solo una questione di rime, non cercherei significati particolari :)
     
    Last edited:
    È solo una questione di rime, non cercherei significati particolari
    Significati forse no, ma la parola ha delle connotazioni. La vaniglia ha un profumo gradevole, è un ingrediente di dolci e gelati, ecc.: se avesse detto 'fanghiglia' o 'bottiglia' o 'pastiglia' il verso non avrebbe funzionato nel contesto, o non allo stesso modo.
     
    Come vuoi, @lövastrell, ma non so cosa c'entri la vaniglia con la grande battaglia del verso successivo:
    ...dicono che sia tutta una vaniglia,
    una grande battaglia,
    una forte meraviglia... eh... eh...
    La bottiglia o la pastiglia sembrano ancor meno verosimili, ma la fanghiglia ci potrebbe stare, o la giunchiglia :); o anche dicono sia tutto un parapiglia, un accapiglia, una guerriglia...
     
    Sì, certamente, ci possono stare altre parole. La poesia è mettere in fila delle parole sotto restrizioni formali, in questo caso il metro e la rima. Qui avrebbe potuto fare altre scelte, alcune peggiori, altre forse migliori. Se avesse detto 'fanghiglia' o 'parapiglia' sarebbe stato un verso banale, se avesse detto 'bottiglia' sarebbe stato privo di senso. 'Vaniglia' per me è una bella scelta, mentre trovo più debole 'una grande battaglia'. Ad ogni modo, essendo questo un forum di traduzione, volevo solo indicare al nostro amico bordolese che la parola scelta da Conte, al di là della rima, ha il proprio alone evocativo. Non so poi se si possa riprodurre in francese.

    Edit: tra l'altro, non escludo che Théobald abbia visto giusto nel supporre che possa esserci un tentativo di evocare 'vanità, vaneggiamento'. La costruzione "tutta una..." autorizza la supposizione.
     
    Last edited:
    Back
    Top